ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùInnovazione & sviluppo

Un indice per misurare la giustizia ambientale

Partnership tra la ong Mani Tese e la Fondazione Isi per elaborare una piattaforma e un report internazionale. Un indice per conoscere e fare advocacy

di Alessia Maccaferri

(Afp)

3' di lettura

Siccità, inondazioni, eventi estremi che sconvolgono la vita di milioni di persone ovunque nel mondo. E ancora inquinamento, guerre per le risorse naturali e catastrofi. Per misurare i livelli di giustizia ambientale ora arriva un indice ad hoc messo a punto dalla ong Mani Tese insieme a Fondazioni Isi, che sarà realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo. La piattaforma digitale che sarà creata e il rapporto saranno strumenti non solo di conoscenza ma anche di advocacy davanti ai governi e alle istituzioni nazionali.

Un indicatore multidimensionale

L’idea di creare un indice di giustizia ambientale nasce come progetto pilota all’interno del programma Innovazione per lo sviluppo di Fondazione Cariplo e Fondazione Compagnia di San Paolo.

Loading...

«La giustizia ambientale è uno dei nostri temi forti su cui abbiamo sentito l’esigenza di mettere in piedi uno strumento di advocacy nel dialogo con le istituzioni - spiega Elias Gerovasi, responsabile progettazione & innovazione di Mani Tese - Il problema è che esiste una casistica ma non abbiamo trovato sinora una modalità di misurazione». Così, all’interno dello studio di fattibilità ci si è posti la domanda: quali fattori prendere in considerazione per misurare la giustizia ambientale? Con un gruppo di lavoro di accademici (Università di Milano Statale) e con gli scienziati dei dati (Fondazione Isi) hanno cercato di comprendere quali indicatori esistono e come comporre un indice. «Non ci sono indici sintetici di riferimento ma solo indicatori parziali, dalle emissioni di Co2 al consumo di suolo» aggiunge Gerovasi. Ora l’indice sintetico messo a punto esplora più dimensioni estratti da dataset di varie fonti. Tre le aree principali di fonte dei dati:

1) ambiente: sprawl urbano (Fao)* procapite 2) Red list index (SDGs) con le specie a rischio

2) società: tasso di mortalità per inquinamento (SDGs), indice di libertà di stampa (Reporters Without Borders), indice Gini (World Bank) che misura la disuguaglianza nella distribuzione della ricchezza

3) diseguaglianze internazionali: impronta ecologica per persona (Ecological Footprint Network); emissioni di gas serra pro capite (World Bank); compliance rispetto alla convenzione di Basilea sul controllo delle movimentazioni transfrontaliere di rifiuti pericolosi e loro smaltimento; compliance rispetto alla convenzione di Stoccolma sugli inquinanti organici persistenti

La giustizia ambientale viene così definita come eguale protezione dai rischi ambientali e di salute pubblica per tutte le persone, senza distinzione di etnia, reddito, cultura e classe sociale.

Lo sviluppo della piattaforma

Ora grazie a un nuovo contributo di Fondazione Cariplo di 85mila euro, l’indice diventerà realtà. Innanzitutto si procederà alla validazione della metodologia e finalizzazione della scelta degli indicatori individuati nella fase pilota per ogni dimensione (ambiente, società, diseguaglianze internazionali). Verranno processati i nuovi dati disponibili nel periodo di riferimento per arrivare alla sintesi del quadro di ogni dimensione tramite calcolo complessivo degli indici contenuti e alla sintesi dell’indice di giustizia ambientale tramite calcolo complessivo delle dimensioni contenute; successivamente verranno elaborate le mappe geografiche globali delle tre dimensioni e dell'Indice complessivo.

Poi sarà realizzata una piattaforma online (in italiano e in inglese) per ospitare e divulgare i contenuti numerici e geografici dell'Indice, la metodologia, un ambiente data set aggiornabile, uno spazio Lab di interazione tra stakeholder, la repository del Rapporto di Giustizia Ambientale. Il tutto sarà accompagnato dalla realizzazione di un Rapporto sulla Giustizia Ambientale (in italiano e inglese) per documentare periodicamente focus tematici e geografici riguardanti la giustizia ambientale che riporterà, oltre ai dati sintetici aggiornati dell’indice di giustizia ambientale, una serie di approfondimenti tematici e/o geografici che potranno essere utilizzati per partecipare al dibattito relativo alla governance dei beni comuni ambientali e alla lotta alle disuguaglianze nell'accesso, controllo e loro gestione.

Riproduzione riservata ©
  • Alessia MaccaferriCaposervizio Nòva 24 - Il Sole 24 Ore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: italiano, inglese

    Argomenti: innovazione sociale, impact investing, filantropia, fundraising, smart cities, turismo digitale, musei digitali, tracciabilità 4.0, smart port

    Premi: Premio Sodalitas (2008), premio Natale Ucsi (2006), European Science Writer Award (2010)

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti