Moto e scooter, tutte le novità di primavera

Italia

Un mercato in crescita trainato da enduro e modelli medi

di Simonluca Pini


3' di lettura

Inizio anno più che positivo per le due ruote. Il mercato italiano continua a crescere grazie all’ampia offerta di scooter e di moto in grado di accontentare le richieste dei clienti. Febbraio si è chiuso con oltre 16.000 immatricolazioni di veicoli superiori ai 50 centimetri cubici, dato che si traduce in un più 20% rispetto allo stesso mese del 2018. Buone notizie anche per il bimestre, con un più 11% grazie alle 31.880 unità vendute. Nel dettaglio sono gli scooter a trainare verso l’alto le vendite con 8.181 unità immatricolate e un consistente +30,3%, mentre le moto con 7.839 pezzi venduti ottengono un buon +10,9%. Le vendite dei “cinquantini” registrano un lieve decremento, con 1.093 registrazioni pari a un -1,8%. Il mese di febbraio pesa in media il 6% del totale anno. Il primo bimestre del 2019 conferma gli indicatori positivi dell’immatricolato e con 29.597 veicoli (escludendo i 50cc) risulta in crescita di un +12,1%. In particolare sono gli scooter che con 15.150 vendite e un +15%, guadagnano più punti in percentuale; il comparto moto mostra un andamento positivo con 14.447 veicoli immatricolati pari al +9,3%. I veicoli 50cc nei primi due mesi del 2019 sviluppano meno volumi dell’anno scorso con 2.283 veicoli e un -1,8%.

Come tradizione l’intero podio è dominato dall’Honda Sh rispettivamente nelle versioni 300, 125 e 150. Se il marchio sullo scudo è giapponese, il cuore dei tre modelli più venduti è italiano. Infatti il popolare scooter è prodotto nello stabilimento abruzzese di Atessa in provincia di Chieti. Tornando all’analisi per cilindrata delle immatricolazioni di scooter (over 50cc) emerge un exploit degli scooter del segmento 300-500cc che da soli valgono il 40% del mercato, con 6.206 unità immatricolate e un +44,2%. A poca distanza troviamo i 125cc con 5.490 pezzi e un +17,3%; gli scooter da 150 fino a 250cc con 2.500 vendite scendono del -11,9%.

Calo significativo invece per i maxiscooter oltre 500cc, con 954 unità e un meno 29,5%. Nelle moto conferma la leadership il segmento oltre 1000cc con 4.245 vendite pari al +7,3%, mentre i modelli con cilindrata tra 800 e 1.000cc hanno venduto 3.844 pezzi con un significativo +25,7%. Le moto da 300 a 500cc con 2.583 unità ottengono un +3,2%, invece le medie cilindrate tra 600 e 750cc segnano un -1,4% a causa delle 1.722 moto vendute. Buona la crescita delle 125cc con 1.588 unità e un +13,7%, mentre i 150-250cc valgono 465 pezzi e un -17,1%. A ricoprire il ruolo di leader tra le moto, anche in questo seguendo il trend del mercato, troviamo le Enduro con 5.771 unità, con una crescita del 15,1% rispetto allo stesso periodo del 2018. Regina del segmento è la Bmw R 1200 GS. Crescita anche per le naked con 4.626 pezzi e un +6,4%. Sul gradino più basso del podio le moto da turismo, con 1.828 immatricolazioni e un +10,9%. Male invece le custom,735 unità e -9,5%, le sportive restano stabili con 696 pezzi (+1%) e le supermotard arrivano a 524 moto e salgono del 16,7%. Nonostante non ci siano significativi stravolgimenti dei modelli più apprezzati dal pubblico, il dato del bimestre lascia ben sperare per i prossimi mesi dell’anno. È interessante notare come entrambi i segmenti scooter e moto siano in crescita, a conferma dell’aumento della sensibilità verso una mobilità sostenibile interpretata alla perfezione degli scooter e dalla passione che è ancora il volano più forte per l’acquisto di una motocicletta. I prossimi mesi vedranno molto probabilmente il rafforzarsi di queste posizioni, con l’attenzione da parte della clientela verso scooter, enduro e modelli dall’animo vintage. Scorrendo la classifica dei primi 50 modelli più venduti non mancano mezzi particolari, come il Quadro4 a quattro ruote. Tra le novità più attese nei prossimi anni, spicca la Harley Davidson LiveWire. Già pre-ordinabile, il primo modello elettrico segnerà una tappa fondamentale per l’azienda di Milwaukee. Proprio il segmento delle moto elettriche, oggi super nicchia del mercato, potrebbe nei prossimi 10 mesi essere protagonista di un exploit grazie ai modelli in arrivo.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti