manovre costose

Un Picasso perde il 20% del suo valore dopo un danno “accidentale”

“Le Marin” del 1943 apparteneva al magnate dei casinò Steve Wynn e nel 2018 doveva essere battuto da Christie's dalla stima di 70 milioni di $

di Maria Adelaide Marchesoni

default onloading pic

“Le Marin” del 1943 apparteneva al magnate dei casinò Steve Wynn e nel 2018 doveva essere battuto da Christie's dalla stima di 70 milioni di $


2' di lettura

Distrazione, superficialità, sfortuna o la combinazione di tutti questi fattori messi insieme possono costare molto caro, soprattutto, se c'è di mezzo una tela di Picasso che subisce un danno, in questo caso un foro, poco prima di essere battuta in un'asta d'arte impressionista e moderna di Christie's.
La vicenda è iniziata due anni fa, nel maggio 2018, quando il il magnate dei casinò e collezionista d'arte Steve Wynn, ha messo in vendita alcune opere della sua collezione blue-chip in un'asta di Christie's e tra queste il dipinto “Le Marin”, 1943 di Pablo Picasso, un autoritratto nel quale l'artista spagnolo indossa la caratteristica camicia a righe da marinaio con un'espressione che riflette la sua disperazione per lo scoppio della seconda guerra mondiale.
Apparso in asta nel 1997, quando era stato battuto per 8,8 milioni di dollari nella vendita record della collezione di Victor e Sally Ganz, il dipinto presentava una stima pre-asta pari a 70 milioni di dollari e vantava una garanzia di terzi.
In seguito all'incidente la tela è stata restituita alla società di art consulting di Steve Wynn, Sierra Fine Art LLC, e Christie's ha accettato di pagare 18,74 milioni di dollari per il danno, importo che la compagnia di assicurazione Steadfast Insurance Co . ha riconosciuto alla casa d'aste.
Per determinare tale valore la compagnia di assicurazione ha richiesto l'intervento di due esperti d'arte che hanno valutato l'opera dopo il restauro e determinato quanto l'incidente abbia inciso sul suo valore.
Nella causa gli esperti hanno dichiarato che il dipinto presentava un valore fino a 100 milioni di dollari, ma che l'incidente l'ha ridotto del 20% o per 20 milioni di dollari, “data l'entità del danno fisico a Le Marin e del danno alla sua reputazione”.
Ora Steadfast Insurance Co. ha intentato una causa per danni per 18,74 milioni di dollari, più le spese legali, nei confronti dell'azienda T.F. Nugent , responsabile di aver causato il foro per “atti negligenti” compiuti senza “ragionevole cura” nell'adempimento dei propri doveri.
Un dipendente della T.F. Nugent incaricato di dipingere le pareti delle gallerie di esposizione di Christie's, lasciò una prolunga utilizzata per verniciare i soffitti appoggiata a una delle pareti non fissata correttamente che scivolando causò un foro di 12 centimetri circa nella tela.
Dopo l'incidente, Christie's ha speso 487.625 dollari per il restauro del dipinto che hanno interessato un'area della tela di circa 18 cm di lunghezza e 5 cm di larghezza.

Una curiosità
L'incidente del 2018 è stato il secondo che ha interessato un'opera dell'artista spagnolo di proprietà di Steve Wynn. Nel 2006, il miliardario, che soffre di una malattia che colpisce la vista periferica (retinite pigmentosa degenerativa dell'occhio), ha accidentalmente colpito con il gomito “Le Reve”, 1932 mentre lo mostrava agli amici nel suo ufficio di Las Vegas. Il dipinto è stato restaurato e, alla fine, è stato venduto al miliardario collezionista Steven A. Cohen nel 2013 per 155 milioni di dollari.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti