Trento

Un voucher per promuovere la cultura

di Nicola Brillo


1' di lettura

Contributi a favore dei figli minorenni delle famiglie in difficoltà economica e delle famiglie numerose. Provincia autonoma di Trento ha promosso il “Voucher culturale” in collaborazione con l’Agenzia provinciale per la famiglia in partnership con il Centro Servizi Culturali Santa Chiara. Il progetto prevede l’assegnazione di un contributo per la fruizione di servizi culturali (musica, cinema e teatro) nel corso dell’anno scolastico 2020/2021. Il Voucher culturale è un progetto pilota che prevede l’assegnazione di un contributo a favore dei figli minorenni delle famiglie numerose e delle famiglie beneficiarie del reddito di garanzia», fa sapere l’ente. Il voucher può essere utilizzato su due tipologie di offerta culturale: scuole musicali (frequenza alle scuole con il voucher pari al 70% del costo del percorso formativo sostenuto dalla famiglia) e teatri/cinema (carnet di un valore complessivo pari a euro 100 costituito da 25 tagliandi del valore unitario di euro 4,00 cadauno, utilizzabili dal figlio minorenne). Tra le politiche che la Provincia mette in campo per aiutare le famiglie, c’è anche il sostegno allo sport. Trento contribuisce a sostenere le famiglie, in possesso di determinati requisiti, al fine di consentire loro di far iniziare o proseguire l’attività sportiva ai propri figli minorenni di età compresa tra gli 8 ed i 18 anni non compiuti. Per agevolare le famiglie il contributo è pari a 200 euro per ciascuno figlio (per le famiglie che beneficiano della quota di sostegno al reddito), mentre il contributo massimo è pari a 100 euro per ciascun figlio, per le famiglie numerose che beneficiano della quota di sostegno al reddito
(con almeno tre figli).

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti