LA GUIDA

Una vita da celiaco in vacanza, i consigli per un viaggio senza stress

I siti, le app e i consigli per godere appieno di una vacanza gluten free

di Maria Teresa Manuelli


Celiachia, i 5 consigli di Aic Lombardia per una vacanza gluten free

4' di lettura

Ogni anno in Italia ci sono in media 10mila celiaci in più. Secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute il morbo colpisce circa l'1% della popolazione per un totale di oltre 200mila casi ufficialmente diagnosticati, anche se si stima che il 70% dei celiaci non abbia ancora una diagnosi ufficiale. Per queste persone il periodo delle vacanze può trasformarsi in una vera fonte di stress. Ecco allora alcuni suggerimenti per affrontarle in sicurezza e senza timori.

INFODATA /Celiachia: tutto quello che c’è da sapere, con i numeri

In Italia ci sono 4.100 strutture gluten free
Che si viaggi in Italia o si scelga di volare in una località al di fuori dei confini della Penisola, sono sempre di più gli operatori del settore turistico preparati a ospitare le persone celiache e a offrire loro un'impeccabile vacanza gluten free. Nel nostro Paese ci sono 4.100 strutture aderenti al network Alimentazione Fuori Casa (Afc, programma di Aic-Associazione Italiana Celiachia) da nord a sud, sulle quali i celiaci possono contare (consultabile su www.celiachia.it). Se, invece, si opta per un locale non informato da Aic è importante segnalare sempre al personale che si è celiaci, ribadire quali ingredienti è necessario evitare e ricordare sinteticamente le regole per la preparazione dei piatti senza glutine.

Snack gluten free anche negli aeroporti

La Lombardia è la regione più organizzata, dove sono circa 450 le strutture del network Afc con oltre 40 strutture alberghiere a misura di celiaco – spiega Isidoro Piarulli, presidente di Aic Lombardia – alle quali si aggiungono 20 punti di alimentazione in viaggio per una sosta senza glutine. Anche nei principali aeroporti della regione, Linate, Malpensa e Orio al Serio, è possibile fare uno spuntino gluten free prima di imbarcarsi. Completano il tutto 41 gelaterie, veri e propri must dell'estate per italiani e stranieri, e circa 300 tra ristoranti e pizzerie. Si può quindi dire che la nostra regione sia pronta ad accogliere nel migliore dei modi i turisti celiaci offrendo loro un servizio attento a ogni loro esigenza, frutto del lavoro di formazione di Aic Lombardia”.

Crescono celiaci,+15.569 diagnosi ma 400mila ancora ignari


Siti e app per viaggiare informati
Oltre al sito dell'Aic si può consultare anche www.vacanzeperceliaci.com dove la Guida rapida celiaci (Grc) fornisce facili indicazioni su vacanze, hotel, agriturismi, ristoranti, pizzerie, negozi, pasticcerie, gelaterie, bar e aree di servizio. Lo stesso servizio è fornito anche da alcune aziende specializzate in prodotti senza glutine, come il portale di Schär, grazie al quale è possibile cercare strutture dove vengono offerti, con la dovuta cura, pasti senza glutine sicuri (tra gli altri il gruppo Una Hotel presente in 10 regioni con 38 strutture).
Da tenere sempre sottomano ci sono poi le app. L'Aic ha lanciato la propria app mobile, disponibile per Android, Iphone e Windows Phone. Segnala attraverso localizzazione gps o semplice ricerca i locali Afc nelle vicinanze. La funzione prontuario mobile, inoltre, permette di sapere se un alimento è gluten free o meno fotografandone il codice a barre. Questa funzione è disponibile anche sulle app GeniusFood ed Edo, pensate per tutti i regimi con restrizioni alimentari (lattosio, glutine, uova, crostacei, arachidi). Anche Glutenfreeroads, Mangiare Senza Glutine e Vivere Senza Glutine segnalano bar, caffè, pizzerie, gelaterie, supermercati, farmacie ed erboristerie, ma anche hotel, agriturismi, B&B, affittacamere nei quali è possibile consumare o acquistare cibi senza glutine.


Vacanze organizzate al meglio
E per chi sceglie l'estero? Con il supporto di smartphone e applicazioni che aiutano nella traduzione e nella ricerca dei locali gluten free, qualche astuzia e una giusta pianificazione non sarà difficile trovare cibo nemmeno fuori dall'Italia. Non tutti gli Stati sono preparati allo stesso modo, ma per raccogliere informazioni utili prima della partenza è possibile mettersi in contatto con l'associazione del Paese di destinazione. Ma ci si può rivolgere anche ad agenzie di viaggio specializzate proprio nel gluten free. Il sito vacanzesenzaglutine.com è una di queste, o ancora vacanzeperceliaci.com . All'estero glutenfreetravelsite.com è un sito molto completo in inglese; findmeglutenfree.com è un sito americano specializzato nella ricerca e recensioni di bar, ristoranti e pasticcerie senza glutine; destinos-singluten.com è un'agenzia viaggi spagnola che organizza vacanze in Spagna e in Portogallo; travelglutenfree.be è il progetto belga con hotel, B&B e ristoranti che offrono un'esperienza gluten free nella regione del Meetjesland.

Anche i più tradizionali tour operator e portali di prenotazione viaggi hanno aperto apposite sezioni dedicate, come lastminute.com. Inoltre, sia per l'Italia sia per l'estero, Aic ha stretto una collaborazione con Alpitour: sui cataloghi del tour operator sono segnalati i villaggi preparati ad accogliere i celiaci con una chiara distinzione tra le strutture nazionali aderenti al progetto Afc e i villaggi “senza glutine” dove sono riportate alcune indicazioni su cosa aspettarsi da queste strutture.

Acquistare alimenti all'estero
“Per quanto riguarda l'acquisto dei prodotti alimentari occorre ricordare che il claim senza glutine in tutta Europa e negli Stati Uniti si può utilizzare solo per prodotti confezionati con un contenuto di glutine inferiore ai 20ppm come in Italia – precisa Lavinia Cappella, dietista di Aic Lombardia - . Anche la Spiga Barrata è concessa in tutta Europa alle medesime condizioni italiane. Per mangiare fuori casa, invece, è importante sapere che le associazioni di altri Stati europei hanno attivato progetti simili ad Afc con locali informati su celiachia e cucina senza glutine”. Per essere sicuri si può prevedere una piccola scorta di alimenti da portarsi da casa. Le aziende specializzate offrono un'ampia gamma di soluzioni in formato tascabile, ideali per accompagnare ogni momento della giornata. Dal pane a fette ai panini, dallo snack salato al sostituto del pane fino agli snack dolci, i prodotti per la prima colazione e i piatti pronti surgelati.

Come segnalare la malattia in lingue diverse
È consigliabile anche scaricare prima della partenza card con alcune frasi utili per il celiaco tradotte nella lingua locale, disponibili online sul sito celiactravel.com per tantissimi Paesi. Per chi preferisce cucinare con le proprie mani per evitare contaminazioni, il suggerimento è quello di affittare un appartamento dotato di cucina.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...