ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùistruzione e propaganda

Ungheria: a scuola solo libri di testo pubblicati dallo Stato (e antieuropei)

di Alb.Ma.


default onloading pic
Viktor Orbán (Reuters)

2' di lettura

Da quest’anno, i libri scolastici diffusi in Ungheria saranno pubblicati esclusivamente dal Centro statale dello sviluppo dell’istruzione (Ofi). Lo stabilisce la riforma dell’istruzione pubblica voluta dal governo di Viktor Orbán, con una legge che bandisce le edizioni private già in uso fra i banchi degli istituti ungheresi. Docenti e genitori si sono opposti al provvedimento, evidenziando che i nuovi manuali fanno da megafono didattico al nazionalismo del primo ministro. Ad esempio, nei testi si parla dell’immigrazione come un pericolo «per i valori tradizionali» della nazione e dell’Unione europea come un organismo che favorisce gli Stati del Sud Europa. Laszlo Miklosi, presidente dell'Associazione degli insegnanti di Storia- «Gli studenti imparano che i migranti sono pericolosi e che la lotta della nazione ungherese contro gli stranieri è un valore assoluto».

La censura sullo studio del «gender»
Nei libri di testo approvati dallo stato compaiono, variamente, stralci di discorsi di Viktor Orban sull’immigrazione («Consideriamo un valore che l’Ungheria sia un Paese omogeneo»), fotografie di richiedenti asilo accampati nelle stazioni di Budapest, vignette antieuropee (inclusa una che rappresenta la Germania come una scrofa che allatta Grecia, Spagna, Portogallo e Belgio) e alcune statistiche che celebrano l’orgoglio nazionale. In una illustrazione, a quanto riporta l’emittente statunitense Cnn, si spiega che «il 67% dei giovani ungheresi può solo immaginare il suo futuro in questo Paese». Il governo ha respinto le critiche in arrivo dal corpo docente come «opinioni politiche». Il controllo sui libri di testo è l’utima tappa di una serie di censure già imposte da Budapest all’istruzione secondaria e universitaria. Un decreto governativo ha obbligato gli atenei a rimuovere i corsi relativi alle cosiddetto «gender», cancellando le cattedre istituite in materia in alcuni dipartimenti di Sociologia. Motivazione: «Questo studio non coincide con la filosofia del nostro governo», come aveva dichiarato il portavoce governativo Zoltan Kovacs rispondendo alle accuse di controllo politico. In alcuni casi si è arrivati all’estromissione di atenei in blocco. La Central european university, l’ateneo fondato dal finanziere George Soros, è stata di fatto espulsa dal paese con una legge ad hoc. Oggi l’istituzione, che offre titoli di studio riconosciuti anche negli Stati Uniti, ha traslocato a Vienna dopo essersi vista negare il rinnovo della licenza.

Le proteste contro le leggi «neoschiaviste»
Negli ultimi due mesi, le tensioni per la deriva autoritaria del Paese sono sfociate in una serie di manifestazioni di piazza contro l’esecutivo guidato da Orbán. La rabbia è esplosa, in particolare, con una legge sul lavoro giudicata «neoschiavistica» (perché aumenta da 250 a 400 le ore di straordinari che possono essere richieste nell’arco di un anno) e una riforma del sistema giudiziario che sottrae poteri alla magistratura. A settembre, l’Europarlamento ha votato a favore di una risoluzione della deputata olandese Judith Sargetini per l’attivazione dell’articolo 7 (una procedura di infrazione che scatta in caso di violazione dello Stato di diritto). Nonostante vari appelli per la sua esplusione, il partito di Orbán Fidesz siede fra le file dei moderati del Partito popolare europeo. In un primo momento il primo ministro ungherese aveva anche considerato l’ipotesi di una scalata interna al gruppo parlamentare, poi rimandata. Per ora.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...