ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùBorsa e banche

Unicredit in calo contenuto, broker non troppo delusi da esito Mps. Ora focus su piano

Lo stop con Mps potrebbe riaprire le ipotesi di aggregazione con altri partner . Il titolo di Siena in calo, ma recupera rispetto alle prime battute.

di Andrea Fontana

(AFP)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - La reazione di Borsa negativa per Unicredit alla sfumata operazione Banca Mps era attesa ma dovrebbe essere di breve durata, secondo i broker, viste che resta intatta l'attrattività del business della banca di Piazza Gae Aulenti e non è escluso che lo stop apra invece altri scenari di M&A. In Borsa il titolo di Unicredit, dopo aver aperto a -3,5%, ha ridotto progressivamente il passivo, mentre Monte dei Paschi era arrivata a cedere quasi dieci punti, colpita dall'incertezza per il riassetto del gruppo con il Governo italiano impegnato innanzi tutto a trattare con l'Ue maggiori margini di tempo per arrivare a una soluzione: tuttavia, segnalano ad esempio da Bestinver, con l'impegno del Governo a sostenere l'operazione con 7 miliardi tra iniezioni di capitale e impatto delle Dta, non è escluso che altri acquirenti possano farsi avanti.

Per Ubs, l'opzione Mps per Unicredit avrebbe comportato pochi rischi e sarebbe stata accrescitiva per gli utili, per cui l'esito del negoziato è deludente e ora il focus si sposta sul nuovi piano strategico previsto entro fine anno. Per Jefferies lo stop con Mps potrebbe riaprire le ipotesi di aggregazione con altri partner a cominciare da Banco Bpm, ma comunque Unicredit resta attrattiva su base stand alone sia per l'attività caratteristica sia per il fatto che il capitale in eccesso combinato con la valutazione di Borsa ritenuta bassa (0,5 volte gli asset tangibili 2021) danno spazio per ulteriori buyback sul titolo.

Loading...

«Riteniamo che l`esito negativo delle trattative con il Tesoro possa portare ad una leggera reazione negativa su Unicredit nel breve termine - scrive Equita Sim - anche se giudichiamo favorevolmente la disciplina del management nel non voler perseguire a tutti i costi un deal che, se non perfezionato sulla base delle condizioni definite a luglio, avrebbe potuto alimentare dubbi sul rischio di execution e sull`EPS accreation (incremento degli utili per azione, ndr). Nonostante l`incertezza in merito ad una soluzione alternativa per Mps, riteniamo che il fallimento dei negoziati tra Unicredit e il ministero dell'Economia e delle Finanze su Mps e la possibile estensione al 2022 della norma sulle DTA aumentino l`appeal speculativo su Banco Bpm per un possibile M&A con Unicredit». Per Bestinver invece Unicredit non sposterà a questo punto l'attenzione su Banco Bpm mentre per quanto riguarda il Monte dei Paschi la casa di investimento segnala che il mercato - alla luce del deficit di capitale e dell'andamento dei bond senior e Tier 2 di Mps - stia scontando un alto profilo di rischio futuro per Siena quantificato in un gap di circa 6,7 miliardi di euro.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti