ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùBANCHE

Unicredit frena dopo rally ma C.Suisse alza la scommessa sul nuovo piano

Attesa per il Capital Market Day del 9 dicembre, sul listino cautela dopo +11% in sette sedute

di Andrea Fontana

(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Unicredit incolore alla vigilia del piano industriale. Le quotazioni dell'istituto, che vengono da un +11% nelle ultime sette sedute, sono piatte, così come quelle di tutto il settore bancario in Italia e in Europa, anche se gli analisti di Credit Suisse alzano la scommessa sulle prospettive del gruppo guidato dal ceo Andrea Orcel. Il manager parlando nell'intervallo della Prima alla Scala di Milano, ha escluso un ritorno di attualità del dossier Monte dei Paschi dopo il fallimento delle trattative con il Tesoro per l'acquisizione.

C.Suisse scommette su banche italiane nell'Eurozona

In un lungo report sulle banche del Sud Europa, Credit Suisse ha sottolineato la sua preferenza per Unicredit alzando il target di prezzo sui 12 mesi a 13,8 euro e confermando la raccomandazione "outperform". Il broker stima un ritorno sugli asset tangibili (Rote) al 2023 dell'8% a fronte di un consensus del 6,28% e, dall'appuntamento di domani, si aspetta che il management fornisca dettagli su come raggiungere i propri target in termini di Rote ma anche che annunci un piano sull'utilizzo del capitale in eccesso: una strada potrebbe essere quello di incrementare il piano di buyback sfruttando il fatto che il titolo tratta a sconto rispetto al tangible book value. Proprio il tema del capitale in eccesso, insieme alle prospettive dei ricavi e ai più ampi buffer sui livelli di copertura dei crediti problematici anche in vista di una frenata della ripresa causa Covid, sono i fattori che Credit Suisse mette sul tavolo a favore del suo giudizio favorevole su Unicredit. Nell'Eurozona inoltre gli analisti mostrano la loro preferenza per gli istituti italiani innanzi tutto per la maggiore tenuta dei prestiti e per la crescita dei mutui.

Loading...

Capital Research sale nell'azionariato

Capital Research and Management Company ha rafforzato la presenza in Unicredit salendo al 6,287%, quota detenuta in "gestione discrezionale del risparmio", di cui il 5,13% per conto di Europacific Growth Fund. E' quanto emerge dagli aggiornamenti Consob sulle partecipazioni rilevanti allo scorso 3 dicembre. La precedente situazione, al 29 maggio, vedeva il fondo al 5,022%.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti