banche

UniCredit lancia bond per istituzionali da 1,25 miliardi. Ordini per 4,3 miliardi


default onloading pic

2' di lettura

UniCredit ha lanciato oggi un bond Senior Preferred con scadenza a 6 anni e richiamabile dopo 5 anni. L'importo emesso è pari a 1,25 miliardi di euro e rappresenta il primo Senior Preferred benchmark richiamabile emesso da una banca europea. La transazione ha ottenuto un riscontro eccezionale, con ordini pari a 4,3 miliardi di Euro da parte di 300 investitori istituzionali. Di conseguenza, lo spread indicato inizialmente nel range Mid Swap + 185/190 bps (punti base) è stato ridotto in un primo momento in area 165 bps , raggiungendo un livello finale di 155 bps. La riduzione di 30/35 punti base rispetto alla guidance iniziale conferma l'apprezzamento di UniCredit da parte degli investitori fixed income.

Il bond paga una cedola fissa dell'1,25% durante i primi 5 anni e ha un prezzo di emissione del 99,663%, equivalente a uno spread di 155 bps rispetto al tasso swap a 5 anni. L'obbligazione prevede la possibilità di una sola call opzionale al quinto anno, al fine di massimizzare l'efficienza dal punto di vista regolamentare. Dopo 5 anni, se l'obbligazione non viene richiamata dall'emittente, la cedola verrà fissata per il periodo successivo fino alla scadenza sulla base dell'Euribor a 3 mesi più lo spread iniziale di 155 punti base. Il titolo è stato distribuito a diverse tipologie di investitori istituzionali, quali fondi (77%), banche/private banks (14%), compagnie assicurative (4%) e istituzioni governative (4%).

La ripartizione geografica è la seguente: Francia (24%), Regno Unito (24%), Germania/Austria (11%) e Italia (10%). UniCredit Bank AG ha ricoperto il ruolo di Sole Book Runner e Lead Manager, affiancata da ABN Amro, Barclays, BBVA, Commerzbank e Natixis in qualità di Joint Lead Managers (no books).

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...