ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLA MATRICOLA DELL’AIM

Unidata al debutto regge l’urto del Coronavirus

Positiva e in controtendenza rispetto all’indice la prima giornata di scambi a Piazza Affari per la società di tlc, attiva nella fornitura di servizi di connettività

di Matteo Meneghello

default onloading pic
(ra2 studio - stock.adobe.com)

Positiva e in controtendenza rispetto all’indice la prima giornata di scambi a Piazza Affari per la società di tlc, attiva nella fornitura di servizi di connettività


3' di lettura

Regge l’urto, all’esordio sull’Aim, la matricola Unid ata, che dopo una raccolta di successo, ha debuttato negli scambi in un’altra giornata nera per Piazza Affari. Il titolo della società, il primo a quotarsi nel 2020, non solo ha confermato il prezzo di collocamento, ma è riuscito a guadagnare oltre il quattro per cento, in una giornata campale per Piazza Affari. Il gruppo, attivo nel settore delle telecomunicazioni, nelle aree fibra&networking, cloud&data center e internet of things, vede premiato il coraggio di proseguire con i suoi progetti in piena bufera-Coronavirus e conferma così l’appeal nei confronti degli investitori, grazie ai quali è riuscito a raccogliere 5,7 milioni di euro a fronte di richieste per oltre 14 milioni. Il flottante al momento dell’ammissione è del 18% e la capitalizzazione è pari a circa 31,7 milioni. La società è stata assistita da EnVent Capital Markets Ltd in qualità di Nomad e Global Coordinator. Banca Finnat è Specialist dell’operazione.

«In questo difficile momento - ha detto il presidente e fondatore Renato Brunetti -, il successo del collocamento, espressione dell’apprezzamento degli investitori della nostra azienda, ci rende orgogliosi; allo stesso tempo sentiamo la responsabilità di rappresentare la forza vitale delle Pmi italiane che guardano avanti, crescono, innovano e che sono parte essenziale della struttura economica e sociale del Paese. Il nostro settore, internet e telecomunicazioni, è sempre più strategico, siamo quindi lieti di poter condividere con i nuovi azionisti e con il mercato i nostri progetti di sviluppo e i risultati futuri».

Brunetti si è detto convinto che le ragioni del successo di Unidata siano da cercare nella natura stessa del business della società, non legato a speculazioni a breve termine ma, anzi, strettamente agganciato a una esigenza di connettività di tutto il paese, tristemente messo in evidenza dall’emergenza Coronavirus.

In Borsa, ha spiegato il presidente, il titolo di Unidata « è anticiclico e di pubblica utilità, quindi non direttamente collegato all’andamento dei mercati stessi. Con riferimento all’emergenza Covid-19 il traffico internet sta aumentando sensibilmente, stiamo già mettendo a disposizione dei nostri clienti soluzioni e strumenti che rendano sempre più efficiente, sicuro e veloce lo smart working con la massima attenzione alla cybersecurity per la protezione della gestione in Cloud dei numerosi dati prodotti nel lavoro. Il settore delle telecomunicazioni ha una responsabilità importante in questo periodo di presidio per consentire a tutti continuità di connessione e servizio che dobbiamo garantire riuscendo anche a fare fronte nel modo più veloce ed in sicurezza ad un incremento di domanda».

Si tratta, come detto, della prima ammissione del 2020 sul listino Aim, che così arriva in tutto a 130 società. Con le risorse finanziarie raccolte l’azienda intende proseguire nel business plan di sviluppo, che prevede anche crescite per linee esterne (atualmente la società è attiva su Roma e nel Lazio). La società, fondata nel 1985 da tre soci a oggi ancora in azienda, controlla una rete in fibra ottica di oltre 2mila km in espansione, una rete wireless ed un data center proprietario, e fornisce a oltre 6.500 clienti business, wholesale e residenziali servizi di connettività a banda ultralarga, connettività wireless, servizi in VoIP, servizi in cloud ed altre soluzioni dedicate. Altre attività in fase di start-up operativo riguardano l'Internet of Things (IoT), con lo sviluppo e fornitura di soluzioni per il mercato della domotica e Smart city.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti