ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTurismo del vino

Unipol rilancia le Tenute del Cerro, nuova cantina e ospitalità di charme

Agricoltura 4.0, rinnovamento della capacità produttiva e incremento dell’offerta ricettiva

di Vincenzo Chierchia

I punti chiave

  • La strategia
  • Gli obiettivi
  • L’ospitalità

3' di lettura

Dopo la fase di risanamento e riorganizzazione con il nuovo centro logistico Le Cerraie inaugurato di recente in Toscana alle porte di Montepulciano, ora scatta la fase due di sviluppo con investimenti strategici in cantina e nell’ospitalità di charme.

Tenute del Cerro, società agricola del Gruppo Unipol, è composta da 5 realtà produttive delle quali 4 vitivinicole, 3 in Toscana e 2 in Umbria. L'estensione complessiva aziendale - si legge in una nota - è di circa 4.500 ettari di cui 300 ettari sono vitati. La produzione annuale si attesta nel complesso su 1,5 milioni di bottiglie, con le denominazioni del Vino Nobile di Montepulciano di Fattoria del Cerro, Brunello di Montalcino de La Poderina, Chianti Colli Senesi di Fattoria del Cerro e Sagrantino di Montefalco di Còlpetrone.

Loading...

L'Azienda negli ultimi anni ha perseguito una strategia di valorizzazione dei vitigni autoctoni puntando sulle proprie Docg. Oltre al vino, viene prodotto anche olio Evo Dop Colli del Trasimeno, accanto a cereali e frutta Igt come le pesche di Montecorona.

Vediamo in dettaglio i progetti che Tenute del Cerro attualmente sta sviluppando.

•Nuova cantina logistica Le Cerraie: miglioramento ed ampliamento della capacità produttiva e di stoccaggio di Fattoria del Cerro; la struttura di 4mila metri è stata realizzata con tecniche di costruzione attente alla sostenibilità ambientale ed è dotata di pannelli fotovoltaici per una produzione di energia pari a 100 KW. Le Cerraie accoglierà l'intera produzione di Fattoria del Cerro e le produzioni delle altre tenute del Gruppo. Investimento di circa 10 milioni di euro.

•Programma reimpianto vigneti 2022 (7 ettari a Fattoria del Cerro a Montepulciano, 2 ettari a Villetta di Monterufoli e 1,2 ettari alla Poderina a Montalcino). Sostituzione di vecchie viti con nuove ad alta densità per garantire una qualità in costante crescita

•Allargamento del bacino di raccolta acque piovane presso la Tenuta di fattoria del Cerro a Montepulciano (da 40mila metri cubi a 95 mila) e creazione di un nuovo bacino in zona San Giuseppe a Montepulciano (90mila metri cubi). Una risorsa importante per l’emergenza siccità, che recupera le acque piovane e non utilizza fonti idriche pubbliche.

•Ampliamento dell’impianto irrigazione di soccorso a goccia (Montepulciano) dagli attuali 90 ettari ai 200 ettari vitati - obiettivo copertura totale entro 2024

•Acquisto di tutti i mezzi agricoli 4.0 con interfaccia digitale per gestione agronomica legata al progetto di agricoltura di precisione.

•Piano di rinnovamento dei contenitori in legno grandi (100 ettolitri), medi e piccoli (50 e 30 ettolitri) con partership di fornitori premium come: Francois Frerer-Boutes-Taransaud –Radoux – Garbellotto.

Sul tema della sostenibilità Tenute del Cerro continua ad essere parte attiva dal 2018 di un progetto di agricoltura 4.0 in collaborazione con l'Università di Firenze e la società Copernico di Montalcino. Il progetto prevede il miglioramento di tutte le attività in campagna ed il migliore utilizzo delle risorse idriche, attraverso sia il posizionamento di un sistema di sensori in vigna e sia mezzi agricoli di ultima generazione muniti di interfacce digitali che possono fornire indicazioni just in time alla piattaforma di gestione agronomica aziendale.Nel 2021 è stata completata la conversione bio della Tenuta di Monterufoli, con la prima produzione bio di Vermentino 2021.

Nell'ambito del piano investimenti a medio termine, un focus particolare interessa il progetto dedicato esclusivamente alla bottaia storica e alla parte di hospitality di Fattoria del Cerro a Montepulciano.

Il progetto è stato già definito, andrà in approvazione nel secondo semestre 2022 e i lavori cominceranno ad inizio 2023, per concludersi a fine 2024.I lavori riguarderanno il completo rifacimento di tutta la parte di vinificazione aziendale, la ristrutturazione della bottaia storica, la creazione della nuova barricaia attraverso un scavo di ca. 2mila mq, la realizzazione dei nuovi uffici e la creazione di un nuovo wine shop con annessa sala multimediale per una capienza di 100 persone.

I progetto hospitality è partito nel 2021 e ha portato al totale rifacimento delle 11 camere di Villa Grazianella e al rinnovamento dei ristoranti (sia a Montepulciano che nella Tenuta Monterufoli in Val di Cornia). Il piano di investimenti 2022-2024 prevede la creazione di ulteriori 8 camere con una spa a Villa Grazianella e il rinnovo totale delle camere della struttura principale a Monterufoli. Un investimento complessivo, quello dell'ospitalità, che si attesterà sui 5 milioni di euro.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti