ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùRisultati

Unipol, venduta ad Amco UnipolReC e nei sei mesi utili e premi in crescita

La cessione conclusa per 307 milioni. In ascesa la raccolta nel Danni mentre cala nel Vita. Solvency di gruppo al 201%. Patrimonio in discesa del 15%. Target confermati

di Laura Galvagni

(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

Il cda del gruppo Unipol ha approvato i conti del primo semestre che vedono un risultato netto consolidato in crescita a 684 milioni (+5%). La raccolta diretta assicurativa si è attestata a 6,6 miliardi (+1,2%) con il Danni a 4,2 miliardi (+5,8%) di cui 2 miliardi auto e 2,2 miliardi non auto mentre il Vita ha segnato il passo con un calo del 5,7% a 2,5 miliardi. All’interno di questo quadro, come spiegato dalla società, tutte le linee di business degli Ecosistemi hanno registrato «una performance positiva: Mobility per 2,2 miliardi (+1,9%), Welfare per 825 milioni (+13,6%), Property per 1,2 miliardi (+8,3%)».

Gli indicatori

Il combined ratio del gruppo Unipol è risalito al 30 giugno al 94,1% contro il 92,6% di un anno prima, su cui aveva inciso il calo della circolazione legato al lockdown. Il Solvency Ratio, invece, si attesta al 201% contro il 216% di un anno fa. A tal proposito per quanto riguarda la controllata UnipolSai, che ha registrato profitti per 422 milioni, in linea con i 424 milioni normalizzati del 30 giugno 2021, il combined ratio risulta identico a quello della holding mentre la Solvency individuale è scesa al 303% dal 326% di fine anno (276% quella consolidata).

Loading...

La cessione dei crediti

Unipol ha poi annunciato di aver accettato l'offerta presentata da Amco per la cessione pro soluto del portafoglio crediti di UnipolReC a un prezzo pari a 307 milioni. Il portafoglio crediti ha un valore nominale lordo complessivo pari a circa 2,6 miliardi di euro al 31
marzo 2022, data di efficacia economica della cessione. Il perfezionamento dell'operazione, subordinato all'autorizzazione di Banca d'Italia, è atteso entro la fine dell’anno.

L’outlook

Unipol ha infine ribadito gli obiettivi. In particolare, ha precisato che «le informazioni al momento disponibili consentono di confermare, in assenza di eventi attualmente non prevedibili anche legati a un aggravarsi del contesto di riferimento, un andamento reddituale della gestione consolidata per l'anno in corso in linea con gli obiettivi fissati nel Piano Strategico 2022-2024».


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti