ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùAncora morti e feriti

Usa, altre due sparatorie in California e Texas. Il killer di Buffalo aveva già minacciato strage a scuola

Le nuove sparatorie in una chiesa di Laguna Woods e in un mercatino vicino a Houston, dove una lite fra cinque uomini si è trasformata in tragedia

Usa: sparatoria a Buffalo, 10 morti e 3 feriti

2' di lettura

Altre due sparatorie e altri morti. Si allunga la scia di sangue negli Stati Uniti, in un fine settimana contrassegnato dal massacro nel supermercato di Buffalo, dove un diciottenne suprematista ha aperto il fuoco e ucciso dieci persone per motivi razziali.

Nel sud della California, nella comunità per pensionati di Laguna Woods, un uomo apre il fuoco in una chiesa, la Geneva Presbyterian: il bilancio è di un morto e quattro feriti in condizioni critiche. La polizia ha confermato che il presunto assalitore è stato arrestato e l’arma recuperata.

Loading...

In Texas vicino a Houston una lite fra cinque uomini di trasforma in tragedia, con due morti e tre feriti. Ma il bilancio poteva essere ben peggiore visto che gli spari sono volati in un affollato mercatino delle pulci.

Huston: tutto è iniziato con una lite

La sparatoria nel mercatino delle pulci vicino Houston sarebbe il risultato di una lite fra cinque uomini. Lo riporta Abc citando lo sceriffo della contea di Harris. Due persone sono morte sul colpo, altre tre sono state trasportate in ospedale.

Il bilancio poteva essere peggiore visto che il mercatino di domenica pomeriggio è particolarmente affollato. Due persone coinvolte sono in custodia della polizia, mentre un terzo è in ospedale.

Buffalo: un anno fa killer minacciò sparatoria a scuola

Intanto si apprende che il 18enne responsabile della sparatoria in un supermercato di Buffalo, Payton Gendron, l’anno scorso aveva minacciato di compiere una sparatoria nella sua scuola superiore, la Susquehanna High School, ed era stato mandato a ricevere cure per problemi mentali.

Lo riferisce ad Associated Press una fonte ufficiale, che spiega che allora il giovane era finito nel radar della polizia.

La polizia dello Stato di New York ha riferito che i soldati erano stati chiamati nella scuola di Conklin l’8 giugno del 2021, a seguito di una segnalazione secondo cui uno studente di 17 anni aveva rilasciato dichiarazioni minacciose: lo studente era stato arrestato ai sensi di una legge statale sulla salute mentale e portato in ospedale per una valutazione. La dichiarazione della polizia non ha fornito il nome dello studente.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti