L’indagine

Usa, ingegnere navale accusato di aver provato a vendere segreti militari

L’uomo ha cercato di passare informazioni sui sottomarini americani a un agente Fbi sotto copertura, che si era qualificato come rappresentante di un paese estero. Nell’operazione è stata coinvolta anche la moglie

(AP)

2' di lettura

Il dipartimento di Giustizia Usa ha dichiarato che Jonathan Toebbe, un ingegnere navale con accesso a segreti militari, è finito sotto indagine insieme alla moglie per aver provato a trasmettere informazioni riservate sul progetto di sottomarini a propulsione nucleare. Il destinatario delle informazioni era un agente Fbi sotto copertura, ritenuto da Toebbe il rappresentante di un paese straniero.

Secondo quanto emerge dall’indagine, Toebbe ha venduto informazioni per quasi un anno a un contatto che pensava legato a un’istituzione governativa estera (non precisata nei documenti del tribunale). L’uomo, residente ad Annapolis (Maryland), è stato arrestato nel West Virginia insieme alla moglie sabato 9 ottobre. Non è chiaro se disponga di un avvocato.

Loading...

L’approccio di Toebbe: ho informazioni importanti

L’Fbi spiega che lo «schema» di Toebbe è iniziato nell’aprile 2020, quando Toebbe ha inviato un pacchetto di documenti navali a un governo straniero e scritto che era interessato a vendere dati su informazioni, report di performance e altro materiale sensibile.

Le autorità rivelano che avrebbe fornito anche istruzioni su come approfondire i rapporti, con una lettera dove si scusava per la qualità della sua traduzione e chiedeva di inoltrare la missiva all’intelligence militare del paese. «Ritengo che questa informazione possa essere di grande valore per il vostro paese. Questa non è una truffa».

L’amo dell’agente sotto copertura: 10mila dollari in criptovalute

L’approccio di Toebbe ha dato il via a un’operazione sotto copertura dell’Fbi, dove un agente che si qualificava come un rappresentante di un governo estero ha pagato migliaia di dollari in criptovalute per le informazioni offerte da Toebbe. Dopo settimane di scambi via email, l’agente ha inviato a Toebbe un acconto di 10mila dollari come segno di «buona fede e fiducia».

Successivamente gli investigatori hanno seguito Toebbe mentre raggiungeva la location prescelta per lo scambio di informazioni nel West Virginia, con la moglie Diana Toebbe che sembrava essere coinvolta nel ruolo di “palo” per l’operazione. Gli inquirenti hanno ritrovato una scheda di memoria contenente le informazioni segrete fra due fette di pane in un sandwich. I dati svelati includevano elementi sul design dei sottomarini e le loro performance.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti