ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùDopo il via libera definitivo

Usa, Biden firma il piano anti Covid da 1.900 miliardi di dollari

Il presidente: «Volteremo pagina». Nel pacchetto aiuti diretti alle famiglie e rafforzamento del credito d’imposta per i figli minori

di Marco Valsania

Usa, bandiera della Casa Bianca a mezz'asta per le 500 mila vittime del Covid

3' di lettura

La prima, ambiziosa legislazione dell’era Biden è storia: la Camera americana ha approvato definitivamente il maxi-piano di aiuti all’economia da 1.900 miliardi di dollari, che intende accelerare la ripresa e sanare ferite e diseguaglianze sociali aggravate da una lunga crisi da pandemia. L’American Rescue Plan è passato con una stretta maggioranza di partito, 220 sì dai democratici, che hanno subito una sola defezione, contro i 211 no capitanati da repubblicani compatti. Scroscianti applausi della maggioranza hanno accolto l’esito, concreto e simbolico, del voto.

Venerdì 12 marzo Joe Biden ha firmato il piano nello Studio Ovale, definendolo una “legge che volterà pagina nella pandemia e farà ripartire la nostra economia”.

Loading...

Il discorso di giovedì 11 marzo

Biden rivendicherà l’importanza della legislazione, varata a 50 giorni dalla sua inaugurazione, in un discorso alla nazione nella serata di giovedì 11 marzo e apporrà la firma probabilmente venerdì. Ma il duro scontro politico che ha accompagnato l’iter mostra come sia in salita il cammino delle prossime riforme della sua agenda e che vorrebbero lasciare il segno sull’economia, dal clima all’immigrazione e alle infrastrutture. Rara eccezione potrebbe diventare un progetto anti-Cina per rafforzare la supply chain manifatturiera e tecnologica domestica.

Ottocento miliardi per le famiglie americane

Lo speaker democratico della Camera Nancy Pelosi ha definito il piano «storico e trasformativo»; il capogruppo repubblicano Kevin McCarthy, denunciando eccessi di spesa e di interventi governativi, ha replicato «la storia vi condannerà». Un dato incoraggia i democratici: il pacchetto ha quale pilastro un sostegno diffuso, calibrato a favore di assistenza a ceti bassi e medio-bassi, e riceve nei sondaggi di Pew Research l’appoggio di almeno il 70% degli elettori. Dei quasi duemila miliardi totali, circa 800 sono destinati a pagamenti rivolti alle famiglie americane. Anzitutto gli assegni una tantum da 1.400 dollari a persona – per complessivi 410 miliardi – che raggiungeranno chi ha redditi individuali fino a 75mila dollari e di coppia fino a 150mila dollari. A questi si aggiunge l’estensione a settembre di sussidi straordinari federali di disoccupazione per 300 dollari a settimana. Valgono 246 miliardi e si sommano a pagamenti statali per i senza lavoro. Scatta infine un rafforzamento al momento per un anno di crediti d’imposta per figli minorenni, trasformati a loro volta in assegni: mobiliterà 143 miliardi con l’effetto di ridurre drasticamente la povertà anzitutto tra giovanissimi e comunità di colore.

Altre 100 milioni di dosi di vaccino Johnson & Johnson

Il ventaglio di aiuti diretti, sostenendo consumi indispensabili, appare centrale a una nuova, generale spinta all’espansione: il Pil Usa potrebbe accelerare quest’anno al passo del 6,5%, stando alle stime Ocse, e tra il 6% e 7% anche secondo molti analisti di mercato statunitensi. Altre influenti voci non mancano: il pacchetto stanzia 123 miliardi per la lotta al Covid-19, tra tamponi, produzione e distribuzione di vaccini, aiutando una completa riapertura senza ostacoli delle attività economiche. L’amministrazione sta cercando di intensificare la crociata contro il virus: Biden ha deciso l’acquisto entro fine anno di altri cento milioni di dosi di vaccini Johnson & Johnson, dopo aver già indicato che entro maggio ve ne saranno a sufficienza per i 260 milioni di americani adulti.

Inoculazione dei bambini

Le nuove dosi dovrebbero servire all’eventuale inoculazione anche dei bambini, quando approvata, e a richiami del vaccino o sue modifiche contro varianti resistenti. Gli Stati Uniti stanno inoculando oltre due milioni di persone al giorno e stando al Centro per le Malattie Infettive potrebbero aver vaccinato almeno parzialmente metà della popolazione entro luglio e il 90% entro settembre. Finora oltre 61 milioni hanno ricevuto una o due dosi e 32 milioni sono completamente vaccinati. L’Alaska, detentrice del record nazionale di inoculazioni con il 16% dei residenti, da ieri è il primo stato Usa a offrire vaccini a chi ha più di 16 anni.

Il sostegno alle aziende

Biden e il Congresso hanno anche stanziato circa 360 miliardi in aiuti a budget statali e locali in affanno per l’impatto del virus. Il sistema dell’istruzione riceverà 176 miliardi, in massima parte per riaprire in sicurezza le scuole. Ancora: 59 miliardi per piccole aziende, 56 per i trasporti, 105 per assistenza sanitaria. Se però i repubblicani hanno attaccato gli sprechi, Biden – e le correnti più progressiste dei democratici – hanno a loro volta dovuto rinunciare ad alcune priorità, per scongiurare pericolose defezioni tra i moderati del loro stesso partito. Non ci sarà un raddoppio del salario minimo federale, a 15 dollari l’ora. E i sussidi di disoccupazione sono stati limati a 300 dollari la settimana, dai 400 proposti.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti