ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùRigenerazione del territorio

Utile di 1,7 milioni per Arexpo. Grando nuovo presidente

Nuovo cda per la società proprietaria dei terreni di Expo 2015 a Milano. Confermato l’ad De Biasio. Bilancio in utile per il secondo esercizio consecutivo

2' di lettura

Nuovo consiglio di amministrazione per Arexpo, la società a maggioranza pubblica proprietaria dei terreni che ospitarono Expo 2015 a Milano, su cui oggi è in via di realizzazione il più grande polo tecnologico-scientifico italiano, il Milano Innovation District (Mind), focalizzato sulle scienze della vita.

L’assemblea degli azionisti ha formalizzato la nomina del cda, che rimarrà in carica per i prossimi tre anni. Alla presidenza è stato nominato Alberto Grando, professore ordinario di Economia e gestione delle Imprese all’Università Bocconi, mentre è stato confermato l’amministratore delegato Igor De Biasio, che svolge questo incarico dal 2019.

Loading...

Fanno parte del nuovo cda anche Enrica Baccini, confermata nell’incarico, Giovanna Della Posta e Massimiliano Tarantino, che invece entrano per la prima volta nel board di Arexpo.

L’assemblea ha anche approvato la proposta di bilancio per il 2021, che prevede un utile ante imposte di 4,2 milioni di euro e un utile netto di 1,7 milioni: per la società si tratta del secondo esercizio consecutivo in utile.

Arexpo è una società con un azionariato prevalentemente pubblico: la maggioranza è in mano al ministero dell’Economia e delle finanza (39,28% delle quote), mentre Regione Lombardia e Comune di Milano hanno il 21,05% ciascuno, seguiti dalla Fondazione Fiera Milano con il 16,80%. Quote minori sono detenute dalla Città Metropolitana di Milano (1,21%) e dal Comune di Rho (0,61%).

«La nomina a presidente di Arexpo – dice il professor Alberto Grando – rappresenta una sfida importante che mi permette di mettere la mia esperienza al servizio di una società che rappresenta un patrimonio significativo per Milano, la Lombardia e il Paese. Mind già oggi è uno dei progetti più rilevanti in un settore decisivo come quello della ricerca e dell'innovazione e il nostro impegno sarà quello di proseguire nello sviluppo intrapreso mantenendo una stretta connessione con tutti i soggetti presenti sul territorio, dalle istituzioni alle imprese fino alle università e ai centri di ricerca».

«In questi tre anni – ha commentato Igor De Biasio – la società ha chiuso in utile gli ultimi due esercizi e ha proseguito nella sua crescita con lo sviluppo del progetto Mind. Nel prossimo triennio punteremo a consolidare Mind come eccellenza europea tra i distretti dell’innovazione, posizionandolo come la “Silicon Valley europea” per i settori industriali LifeScience e Tech-Smart City. Inoltre, punteremo a sviluppare nuove iniziative sia a livello nazionale che internazionale per rendere Arexpo sempre più protagonista del settore della rigenerazione urbana al servizio del nostro Paese».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti