in volo il 26 dicembre

V-day: dall’hub di Pratica di mare i voli per portare i vaccini nelle destinazioni più lontane

Per la fase 2 della distribuzione delle fiale delle altre case farmaceutiche predisposti 11 aerei, 73 elicotteri e 360 autoveicoli

di N.Co.

Dall’hub di Pratica di mare i voli per portare i vaccini in tutto il Paese

2' di lettura

Le prime 9.750 dosi dei vaccini Pfizer sono attese all’ospedale Spallanzani di Roma per essere poi trasportate a Pratica di Mare dove 5 aerei raggiungeranno le mete più lontane: due C27J dell’Aeronautica, due Dornier Do. 228 dell’Esercito e un P-180 della Marina. In vista del V-day, il Vaccine day europeo del 27 dicembre, sono le indicazioni giunte dal ministero della Difesa, guidato da Lorenzo Guerini, elaborate sulla base del Piano vaccini del Commissario straordinario. Poi gli altri vaccini raggiungeranno le destinazioni via terra con un impegno complessivo di 60 autoveicoli e 250 militari. Tutte le altre dosi del vaccino saranno distribuite direttamente dalla società produttrice. La macchina si è messa in moto: i tir con i primi vaccini contro il Covid-19 sono partiti questa mattina dalla sede della Pfizer in Belgio, da Puurs, i tir con i primi vaccini contro il Covid-19 diretti in vari paesi.

L'hub di Pratica di mare che sarà il quartier generale dei vaccini nella fase 2

L'hub di Pratica di mare che sarà il quartier generale dei vaccini nella fase 2

Photogallery9 foto

Visualizza

Nella fase 2 pronti 11 aerei, 73 elicotteri e 360 mezzi per il trasporto

L’hub di Pratica di mare sarà nei prossimi mesi invece il fulcro dello stoccaggio, del trasporto e della distribuzione dei vaccini delle altre case farmaceutiche, che saranno portati nei 21 sub hub e alle strutture ospedaliere d’Italia. Per queste operazioni sono già stati predisposti 11 aerei, 73 elicotteri e oltre 360 veicoli. L'organizzazione logistica prevede anche l’utilizzo degli shelter frigo in dotazione alla Difesa.

Loading...

Guerini: «Dalla difesa poche parole, ma concretezza e tanto lavoro»

«Una risposta corale da parte della Difesa», ha commentato il ministro della Difesa Lorenzo Guerini dall’aeroporto militare di Pratica di Mare, dove è stato presentato il piano di distribuzione vaccini e l'intera Operazione Eos. «In una prima fase per l'attività del 27 dicembre, giorno del Vaccine day, e poi in una seconda fase, quando ci sarà invece il trasporto complessivo, sulla base delle indicazioni che ci fornisce il Commissario straordinario. Le Forze Armate - ha ricordato il ministro - si sono dimostrate da subito pronte e continuano a fare il loro lavoro con le modalità con cui sono abituate a operare: concretezza, poche parole, ma tanto lavoro. Un contributo apprezzato e molto importante per tutto il Paese».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti