ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLA MOBILITÀ DELLE FERIE

Vacanze italiane, tutti i cantieri stradali che frenano il grande esodo

Nell’estate casalinga del Covid, i restringimenti dovuti a crolli e indagini e i lavori non più rinviabili rendono impossibile rimuovere gli ostacoli in agosto. È il prezzo del degrado

di Maurizio Caprino

Italiani in viaggio, 8 agosto giorno da bollino nero

Nell’estate casalinga del Covid, i restringimenti dovuti a crolli e indagini e i lavori non più rinviabili rendono impossibile rimuovere gli ostacoli in agosto. È il prezzo del degrado


4' di lettura

L’estate del Covid potrebbe essere la peggiore mai vista sulle strade italiane durante gli esodi vacanzieri. Lo temono gli esperti e gli addetti ai lavori, perché con la pandemia molti dovrebbero scegliere di muoversi in auto. Ma troveranno una rete in condizioni tanto critiche che in molti casi non ci si può permettere di rimuovere in agosto la maggior parte dei cantieri e dei restringimenti di carreggiata.

Le maggiori criticità sono visualizzate nella mappa sotto.

Previsioni e degrado

I segnali che vengono da giugno e luglio, i primi mesi in cui è stato permesso di tornare a spostarsi da una regione all’altra dopo il lockdown, non sono confortanti: code tanto lunghe da portare non di rado alla paralisi la Liguria e i 150 chilometri dell’A14 Adriatica tra Porto Sant’Elpidio (Fermo) e Vasto (Chieti). Con tanto di interventi della Protezione civile e distribuzione di generi di conforto da parte di Autostrade per l’Italia (Aspi), che si è vista anche costretta a concedere agevolazioni o addirittura esenzioni sui pedaggi nei tratti più critici e a fine luglio ha ricevuto dal ministero delle Infrastrutture una contestazione formale per ritardi nei lavori, con richiesta di danni (sia pure nell’ambito delle trattative per l’uscita dei Benetton dalla società).

LA MAPPA

Cantieri aperti durante il mese di agosto su raccordi autostradali, autostrade e principali superstrade: numero di attività e dettaglio

LA MAPPA
IL DETTAGLIO DEI CANTIERI
Loading...

Dunque, l’assenza quasi totale dei turisti stranieri pare compensata dal fatto che molti italiani non possono andare in ferie e fanno viaggi mordi-e-fuggi. Inoltre, chi può andare in ferie difficilmente può farlo all’estero e, date le incertezze legate al Covid, evita prenotazioni di treni, aerei e alberghi. Tutti motivi per mettersi in auto (peraltro anche in momenti insoliti, cosa che rende più difficile le previsioni sul traffico). Ma lo si fa senza mettere in conto il degrado ormai conclamato della rete viaria.

Questo ha portato a crolli, sequestri e, finalmente, all’avvio di controlli e lavori per invertire la tendenza. Le conseguenze si sono iniziate a vedere già dall’estate 2019, ma da settembre si sono acuite per ulteriori crolli e per la crescente pressione delle inchieste giudiziarie. Tutte situazioni ben diverse da quei cantieri programmati che eravamo ormai abituati a non trovare in agosto. E poi i cantieri già avviati hanno dovuto fermarsi per almeno qualche settimana durante i due mesi di lockdown: anche Aspi, pur essendo il gestore che aveva più interesse e forza per andare avanti comunque, ha avuto uno stop di qualche giorno.

Per giunta, questi problemi sono sorti soprattutto in aree molto frequentate dai turisti, come la Liguria e la Sicilia.

In Liguria il calendario di lavori e restrizioni aggiornato al 28 luglio prevede:

- sull’A26 (da Voltri a Ovada) la conclusione delle attività di ispezione entro il 29 luglio e la riapertura a 2 corsie entro il 2 agosto;
- sull’A10 (da Genova a Savona) la conclusione delle attività di ispezione entro il 29 luglio e la riapertura a due corsie entro il 2 agosto;
- sull’A7 (da Genova a Serravalle Scrivia) la conclusione delle attività di ispezione entro il 29 luglio e la riapertura a due corsie entro il 2 agosto, tranne che sui viadotti Scrivia Busalla e Mereta;

- sull’A12 (da Genova a Sestri Levante) la conclusione delle attività di ispezione entro il 29 luglio, ma, visto che sono in corso attività di manutenzione su 7 gallerie, la riapertura a due corsie avverrà progressivamente tra il 2 e il 4 agosto.

È pianificata la realizzazione, indicativamente per la metà di agosto in concomitanza con i giorni di sospensione del transito dei mezzi pesanti da e verso il Porto di Genova, di attività di manutenzione nella galleria Monte Galletto Nord.

Comunque in Liguria il traffico è reso difficile anche dai problemi ai viadotti emersi lo scorso autunno e quindi non si può in ogni caso contare sulla piena transitabilità.

In Sicilia, la Palermo-Catania ha ben 26 cantieri e le autostrade a pagamento hanno vari problemi, soprattutto nella cruciale zona di Messina.

Problemi anche su itinerari comunque fondamentali per raggiungere mete gettonate (come accade con l’A14, molto utilizzata per andare dal Nord verso la Puglia, ma la paralisi sull’A14 dovrebbe essere scongiurata dal 31 luglio, con il completamento della riapertura a due corsie (sia pure ristrette e quindi comunque con rallentamenti) di 13 viadotti che erano stati sequestrati dal gip di Avellino). Anche i molti romani diretti verso l’Adriatico e gli Appennini centrali devono fare i conti con l’A24 e l’A25 che hanno cantieri di messa in sicurezza sismica su 12 viadotti, soprattutto nell’Aquilano. Dovrebbe invece essere scongiurato il pericolo di chiusura del traforo del Gran Sasso, dove dovrebbe essere possibile rinviare a settembre le ispezioni sulla sicurezza strutturale.

IL PROGRAMMA DI RIAPERTURA A DUE CORSIE DEI VIADOTTI DELLA A14
Loading...

Sono dunque pochi gli assi dove il problema sarà “solo” il traffico intenso, senza l’aggravante dei cantieri. Tra tutti, Autobrennero e Milano-Napoli-Reggio Calabria (con la sola eccezione rilevante del ponte sul Taro, presso Parma, con uno schema flessibile per dare tre corsie alla direzione con maggior traffico).

Alternative difficili

Il fatto che la dorsale dell’Autosole sia l’unica praticamente libera da cantieri non implica che la si possa scegliere anche come itinerario alternativo. Per esempio, chi dal Nord-Ovest è diretto in Puglia dovrebbe arrivare a Caserta e poi affrontare i cantieri del tratto appenninico dell’A16: se lo facessero in molti, ci sarebbero problemi anche su quest’autostrada normalmente poco trafficata. Chi è diretto nel Salento potrebbe provare a proseguire verso sud utilizzando anche l’A2 Salerno-Reggio (gratuita) fino a Sicignano e poi proseguendo sull’itinerario basentano, ma sul raccordo verso Potenza trova comunque lavori che causerebbero problemi con un traffico molto superiore al solito.

Inoltre, molte vecchie statali sono state ormai fagocitate dai centri abitati (soprattutto l’Aurelia in Liguria, che patisce anche per frane, e l’Adriatica da Rimini a Pescara). E anche una superstrada come l’E45 Orte-Ravenna, che normalmente non è congestionata nemmeno nei periodi di esodo e potrebbe essere utile almeno a chi è diretto nel sud delle Marche in combinazione con altre statali, attualmente è punteggiata da 27 cantieri.

Fino al 7 agosto difficoltà anche per chi cerca alternative per raggiungere dal Nord-Ovest la Liguria di Levante: sul tratto appenninico dell’A15 è prevista la presenza di un cantiere impattante.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Maurizio Caprinovicecaposervizio

    Luogo: Milano

    Argomenti: Circolazione stradale nelle sue varie implicazioni (multe, assicurazioni, sicurezza, economia, appalti, energia)

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti