Pandemia

Vaccini Coronavirus, l’alleanza pubblico-privata per portare le dosi in Africa e Asia

Iniziativa per accelerare la distribuzione delle dosi vede collaborare Ups Foundation con il programma Covax, Gavi e Care

Dal Ghana alla Nigeria, al via le vaccinazioni grazie a Covax

3' di lettura

A inizio marzo il numero di vaccinazioni giornaliere contro il covid-19 a livello mondiale era di circa 6 milioni. A quel ritmo, secondo alcune stime, servirebbero circa 5 anni e mezzo per somministrare una doppia dose di vaccino al 75% della popolazione mondiale. Da allora il trend è in forte crescita, anche se con un andamento irregolare. Secondo il monitoraggio di www.ourworldindata.org il 14 marzo si è toccato un picco di 16,61 milioni di dosi somministrate, mentre il 20 marzo il dato è stato di 13,2 milioni.

Ritmi di vaccinazione lenti

A determinare la corsa dei vaccini a livello mondiale, tuttavia, è soprattutto l’accelerazione di un ridotto numero di Paesi: Stati Uniti e Regno Unito, soprattutto, Cina, Indonesia, Brasile, Messico, Russia (anche se non sempre i dati sono puntualissimi). Mentre sono decisamente meno virtuose altre aree del pianeta e in particolare molti Paesi “fragili”. La mappa dell’Africa spicca ad esempio per percentuali di popolazione vaccinata molto basse e in molti casi i dati sono totalmente assenti.

Loading...
Cuba, il vaccino "Abdala" alla fase finale delle sperimentazioni

La partnership

Nasce anche da questi numeri l’iniziativa che vede impegnate Ups Foundation e Ups Healthcare per attuare un programma di consegne una supply chain globale per i vaccini anti Covid-19, in collaborazione con Covax (programma internazionale che ha come obiettivo l'accesso equo ai vaccini anti covid), Gavi (una cooperazione di soggetti pubblici e privati con lo scopo di migliorare l'accesso all'immunizzazione per la popolazione umana in paesi poveri), Care (organizzazione umanitaria Usa) e alcuni Paesi di Africa, Asia, Sudamerica e della stessa Europa. «Il nostro lavoro – ha dichiarato Scott Price, Presidente di UPS International – si concentra su paesi con risorse limitate e supply chain e infrastrutture insufficienti».

Una “commodity” preziosa

L’iniziativa prevede un supporto iniziale di oltre 3 milioni di dollari in contributi stanziati dalla Ups Foundation, di questi 2 milioni di dollari sono destinati a Gavi, che a sua volta ne aggiunge altrettanti portando il totale a 4 milioni di dollari. Con un ulteriore milione di dollari in aiuti in natura, la Ups Foundation fornirà soluzioni di trasporto, mettendo anche a disposizione capacità legate alla catena del freddo sotto forma di freezer e competenze tecniche per partner che ne avranno necessità.
«Considerate le forniture limitate nell'immediato futuro, i vaccini anti covid-19 costituiscono probabilmente la commodity più preziosa di quest'anno» ha dichiarato Seth Berkley, ceo di Gavi. «Ogni singola dose è estremamente importante ed è fondamentale che i nostri paesi partner abbiano il supporto e gli strumenti necessari per consegnare vaccini in maniera efficace e efficiente a coloro che ne hanno bisogno».

In campo anche i droni

In parallelo, Ups Foundation affianca l'iniziativa “Fast + Fair” di Care, che si focalizza sulla distribuzione equa di vaccini a favore di gruppi a rischio, tra cui operatori sanitari, caregiver e rifugiati, in una gruppo di Paesi tra cui Bangladesh, Benin, Repubblica Democratica del Congo, India e Sud Sudan. «Stiamo attuando questo progetto poiché è ora di unire i nostri sforzi in tutto il mondo» ha dichiarato Nikki Clifton, presidente della Fondazione.
Questi sforzi pubblico-privati, come quello in Ghana – dove un accordo tra diversi partner e il governo sta attuando una distribuzione di aiuti e di vaccini anche tramite droni –, mirano a far sì che i vaccini anti covid inizino ad affluire rapidamente nei paesi che ne hanno disperatamente bisogno. Nel primo ciclo di distribuzione delle dosi, l’obiettivo dell’iniziativa è raggiungere oltre 10 milioni di persone.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti