Il premier in Senato

Vaccini, Draghi: obiettivo è mezzo milione di dosi al giorno. «Alcune Regioni trascurano gli anziani»

Nel programma del summit Ue di giovedì anche mercato unico, politica industriale, digitale ed economia, con riferimento alla nuova strategia dell’Unione

di Nicola Barone

4' di lettura

«Ora il nostro obiettivo comune deve essere ora quello di vaccinare più persone possibile, nel più breve tempo possibile. Voglio trasmettere un messaggio di fiducia a voi, e a tutti gli italiani». Così il presidente del Consiglio Mario Draghi nell’aula del Senato in vista del Consiglio Europeo in programma giovedì 25. «Ho ripetuto in queste settimane il Governo è determinato a portare avanti la campagna vaccinale con la massima intensità. E siamo già all’opera per compensare i ritardi di questi mesi. Dobbiamo farlo per la salute dei cittadini, per l’istruzione dei nostri figli, e per la ripresa dell’economia».

«Siamo già all’opera per compensare il ritardo di questi mesi. L’accelerazione della campagna vaccinale è già visibile nei dati. nelle prime tre settimane di marzo la media delle somministrazioni è stata pari a 170mila dosi al giorno, più del doppio della media dei due mesi precedenti. Il nostro obiettivo è portare il ritmo a mezzo milione al giorno».

Loading...

Differenze tra Regioni difficili da accettare

A livello territoriale sono emerse profonde divaricazioni nella strategia seguita e il malumore dinanzi a quanto le cronache raccontano, per alcune clamorose vicende di inefficienza, è palpabile. A giudizio del premier queste differenze «sono difficili da accettare», dunque l’invito alle Regioni è a che «seguano le priorità del piano nazionale». Alcune infatti «trascurano i loro anziani in favore di gruppi che vantano priorità probabilmente in base a qualche loro forza contrattuale. Dobbiamo essere uniti nell’uscita dalla pandemia come lo siamo stati soffrendo, insieme, nei mesi precedenti».

Pianificare aperture, dopo Pasqua le scuole

«Mentre stiamo vaccinando è bene cominciare a pianificare le aperture», dice il premier lasciando per un istante le note preparate per le comunicazioni a Palazzo Madama. «Noi stiamo guardando attentamente i dati sui contagi, ma insomma se la situazione epidemiologica lo consentirà la scuola aprirà in primis, anche nelle zone rosse».

Pass vaccinati sia senza discriminazioni

Sui vaccini, per quanto riguarda il coordinamento europeo, «questo va sempre cercato. Bisogna lavorare continuamente per rafforzarlo. Se non funziona in questi momenti drammatici, dove il tempo è estremamente prezioso, occorre anche trovare delle risposte da soli». Ovviamente, aggiunge Draghi, «noi pretendiamo il rispetto dei contratti da parte delle multinazionali produttrici dei vaccini. D’altronde avete visto che l’Italia è stata la prima ad avere la propria azione fondata su tre pilastri: pretendere il rigoroso rispetto; sanzionare o bloccare le esportazioni; pronta sostituzione dei vaccini mancanti». Circa il green pass europeo, l’obiettivo è dare «entro tre mesi» un certificato a chi è stato vaccinato o è guarito o comunque è immune al virus. «Occorre raggiungere questo obiettivo senza discriminazioni e nel rispetto dei dati sensibili dei cittadini. È un progetto complesso».

Politiche industriali comuni per più innovazione

Si passa poi ai dossier più strettamente economici sul tavolo dei leader. «Alcune iniziative di politica industriale comune possono contribuire a rafforzare la capacità d’innovazione in Europa, soprattutto in quei settori in cui l’Ue è rimasta indietro. Penso alla crescita di nuove grandi imprese che operino nel settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (Ict)», dice il presidente del Consiglio. «Al Consiglio europeo verranno trattati anche temi relativi al mercato unico, alla politica industriale e alla digitalizzazione. Non c’è per me veramente bisogno di ribadire l’importanza del mercato unico per il nostro sviluppo e per il processo di integrazione europea». Dal 1992 al 2018 «le esportazioni tra Paesi europei sono cresciute fino a raggiungere il 20% del prodotto interno lordo dell’Unione. Dimostrando quindi che un mercato europeo unico, coeso, con stessi standard, permette anche uno sviluppo delle esportazioni intraeuropee, quindi dovremo gradualmente dipendere sempre meno dal resto del mondo per le nostre esportazioni, come avviene a tuti i grandi mercati, tutti i grandi Paesi. E poi sono cresciute moltissimo le catene del valore, attraverso i vari Paesi europei. Anche gli investimenti diretti esteri dal resto dell’Ue verso l’Italia, con il rafforzarsi del mercato unico, sono aumentati».

Consiglio Ue proceda su digital tax entro metà 2021

Il processo di digitalizzazione nell’Unione europea «non sarà facile». Per Draghi in Italia «il programma Next Generation Ue offre un’enorme possibilità, il 20% dei fondi riguarda proprio la trasformazione digitale, ma lo sviluppo di questi settori non può prescindere dall’equa distribuzione dei proventi. Riteniamo che il Consiglio Ue debba procedere ad una soluzione globale su una tassazione digitale entro la metà del 2021 e credo sia possibile grazie all’apporto degli Usa con la nuova amministrazione».

La presenza di Joe Biden e l’atlantismo

Il vertice sarà prima di tutto un’occasione importante per ridiscutere la collaborazione tra gli Stati membri sui vaccini nel pieno dell’emergenza sanitaria. All’appuntamento sarà presente virtualmente il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il che conferma la linea della nuova amministrazione americana che fin dall’insediamento ha lanciato diversi messaggi per «riparare e rivitalizzare» le relazioni tra le due sponde dell’Oceano: il rientro nell’accordo sul clima di Parigi, nell’Oms, l’apertura per un rientro degli americani nell’accordo sul nucleare iraniano. Fino alla pace sui dazi nella controversa vicenda Boeing-Airbus, sancita da una telefonata tra l’inquilino della Casa Bianca e la presidente Ue, Ursula von der Leyen. La linea dell’Italia viene ribadita nel suo discorso in Senato dal premier. «Nel mio primo discorso in Senato ho indicato come l’ancoraggio alle relazioni transatlantiche sia, insieme all’europeismo, uno dei pilastri della politica estera di questo Governo. Intendiamo perseguirlo sia sul piano bilaterale, sia negli ambiti multilaterali, come la presidenza italiana del G20».

Ue lavori a agenda positiva con Russia e Turchia

«Occorre che l’Unione europea lavori a proposte concrete per una “agenda positiva” che favorisca una dinamica costruttiva, anche in chiave di stabilità regionale. In altre parole è facile coltivare le contrapposizioni in questi campi, è molto meglio cercare di costruire i rapporti futuri». È il passaggio che tocca più da vicino i fronti di Russia e Turchia. «Ci sono molti i temi su cui questo atteggiamento positivo è importante. Il primo è lo spazio di collaborazione sulle migrazioni, sulla lotta al terrorismo, sull’unione doganale. A questo proposito, ho esaminato ieri con il Presidente Erdogan l’importanza di evitare iniziative divisive e l’esigenza di rispettare i diritti umani».

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e delle azioni di contrasto è mostrato in due mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia di nuovi casi, morti, ricoverati e molte infografiche per una profondità di analisi.
La mappa dei vaccini in tempo reale mostra l’andamento della campagna di somministrazione regione per regione in Italia e anche nel resto del mondo.
Guarda le mappe in tempo reale: Coronavirus - Vaccini

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi, di saperne di più dall’andamento alle cause per proseguire con i vaccini. Su questi temi potete leggere le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Ecco tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui potete iscrivervi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti