Salute

Vaccini per l’influenza: le Regioni prenotano 19 milioni di dosi

Le Regioni si sono mosse in tempo senza i ritardi dell’anno scorso, prenotando una ampia dote di dosi con gare partite già questa estate

di Marzio Bartoloni

In Gran Bretagna al via la vaccinazione contro l'influenza

3' di lettura

Diciannove milioni di dosi a disposizione per far partire nel giro di un mese la campagna vaccinale anti-influenza. Dopo il caos dell’anno scorso quando dopo la prima ondata del Covid molte Regioni si trovarono a corto di dosi per vaccinare la popolazione più fragile contro l’influenza, quest’anno la lezione sembra non essere stata dimenticata.

E così le Regioni si sono mosse in tempo senza i ritardi dell’anno scorso prenotando una ampia dote di dosi con gare partite già questa estate assicurandosi così ben 19 milioni di fiale, più delle 17 milioni arrivate alla fine l’anno scorso e le 12 milioni del 2019. Una dote più che sufficiente per coprire la platea di over 60 e fragili a cui il vaccino è offerto gratis.

Loading...

Richieste nei tempi

«Quest’anno le cose sono andate molto bene: forti dell’esperienza dello scorso anno le richieste delle Regioni sono arrivate nei tempi giusti», avverte Massimo Scaccabarozzi presidente di Farmindustria dove lavora un gruppo che si occupa di coordinare al meglio con le Regioni l’organizzazione delle gare. Gare che anche stavolta sono state fatte a livello regionale - dopo il flop dell’anno scorso si era ipotizzato di farne una nazionale - e a cui hanno risposto la scorsa estate le aziende e ora gli appalti sono stati aggiudicati. «Questo significa che c’è l’impegno delle aziende a soddisfare le richieste in tempo per la partenza della campagna. Quest’anno siamo attorno alle 19 milioni di dosi chieste. La produzione di un vaccino ha un percorso lungo, ma le consegne arriveranno tra fine settembre e ottobre», conclude Scaccabarozzi.

Date ufficiali per la partenza non ci sono ma è scontato che la nuova campagna anti-influenzale partirà a ottobre e anche se lo scorso anno «è stata registrata una drastica riduzione dei casi di sindrome simil-influenzali», il ministero della Salute - nella circolare «Prevenzione e controllo dell'influenza: raccomandazioni per la stagione 2021-2022» - evidenzia come «un allentamento delle misure di prevenzione» anti-Covid «può portare a una potenziale co-circolazione di virus influenzali e Sars-CoV-2 e un maggiore impatto sulle popolazioni vulnerabili e sui sistemi sanitari».

Campagne vaccinali parallele

Quest'anno la campagna di vaccinazione antinfluenzale coinciderà tra l’altro con quella anti-Covid e con l'avvio della terza dose ai fragili. Su questo il ministero precisa che «il vaccino antinfluenzale non interferisce con la risposta immune ad altri vaccini inattivati o vivi attenuati». Negli Usa la comunità scientifica si è schierata apertamente con l’ipotesi della doppia vaccinazione simultanea basata sulla co-somministrazione. In Europa e in Italia Ema ed Aifa ancora non si sono pronunciate ma finora l’indicazione è stata di fare due somministrazioni di vaccino a distanza di un mese.

Per le vaccinazioni in campo anche le farmacie

C’è anche un’altra novità quest’anno. Dopo le vaccinazioni anti-Covid, le farmacie sono pronte a partire anche con le vaccinazioni antinfluenzali, come previsto nel decreto Green pass approvato in via definitiva dal Senato. «Il ministero sta mettendo a punto le linee guida necessarie - spiega a Roberto Tobia, segretario nazionale di Federfarma - l’adesione delle farmacie sarà libera, ma sono convinto che i numeri ci diranno che la platea dei vaccinatori sarà ampia». A effettuare i vaccini saranno, stando al decreto, i farmacisti che già hanno seguito il corso di formazione dell'Iss per il vaccino Covid-19, e potranno somministrare il farmaco alle persone dai 18 anni in poi, comprese le categorie che hanno diritto al vaccino gratuito, come fragili e over 60. «Il protocollo non è stato ancora pubblicato, ma le modalità - spiega Tobia - immagino che saranno molto simili a quelle adottate per la vaccinazione anti-Covid, sicuramente semplificate. Di fatto l'inoculazione avviene nel braccio come per il vaccino anti-Covid ed è più semplice perché il vaccino antinfluenzale è confezionato in monodose direttamente in siringa, quindi non serve neppure la diluizione».

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti