La situazione regione per regione

Vaccini: somministrato il 58% delle dosi AstraZeneca, in Calabria resta in frigo

Tasso di somministrazione complessivo al 75% ma crescono le disdette per il vaccino della casa anglo-svedese

di Riccardo Ferrazza

Aggiornato giovedì 8 aprile alle ore 13,41

Covid, Ema: "Benefici AstraZeneca superano rischi"

4' di lettura

Gli “effetti indesiderati molto rari” di AstraZeneca , vaccino anti-Covid finito nuovamente sotto la lente d’ingrandimento dell’Ema, rischiano di rallentare la campagna di vaccinazione di massa. Non solo per le indicazioni che il Governo è stato costretto ad aggiornare (uso preferenziale per chi ha più di 60 anni ) ma anche per le conseguenze psicologiche sulla platea dei vaccinandi e di chi ha già ricevuto la prima dose di Vaxzevria.

Dalla Lombardia alla Campania si segnalano casi di persone che rinunciano alla somministrazione del vaccino della casa anglo-svedese o che si presentano all’appuntamento ma chiedono ai medici al momento della vaccinazione di poter avere altri vaccini. Così come ci sono corse a prenotarsi presso i punti vaccinali dove si somministrano Moderna o Pfizer/BioNtech . In Calabria la diffidenza nei confronti di AstraZeneca ha fatto crescere le dosi in giacenza: risulta utilizzato solo il 34% delle disponibilità e la Regione è così ultima per tasso complessivo di somministrazione (66%).

Loading...

La campagna e i vaccini

Al momento la situazione nei 2.139 punti di sommistrazione è questa: dei quasi 4 milioni di vaccini AstraZeneca consegnati (3.988.600, appena un quarto delle dosi promesse), ne sono stati somministrati 2.324.692, pari al 58%. Per Moderna (1.320.400 dosi distribuite) il rapporto tra consegne e somministrazioni è più basso ( 53%), mentre per Pfizer/BioNtech le dosi somministrate (8.605.427) sono l’ 84% di quelle consegnate (10.259.730, primo fornitore in termini assoluti). Da tenere presente che sui numeri incidono i tempi di consegna: nel database del ministero della Salute il tasso di somministrazione di Pfizer/BioNtech è sceso in poche ore di 12 punti, effetto di 1,5 milioni di dosi “caricate” dopo il loro arrivo il 6 aprile in Italia e distribuite il giorno successivo alle regioni. Fino al 31 marzo erano state somministrate oltre 7,5 milioni di dosi di Pfizer/BioNtech, quasi tutte quelle consegnate.

Lombardia: 15% di disdette per AstraZeneca

«In Lombardia abbiamo avuto il 15-16% di mancate presentazioni alla somministrazione» di AstraZeneca a causa della vicenda che riguarda il vaccino anglo-svedese», ha detto Carlo Signorelli, ordinario di Igiene e Sanità pubblica all’Università San Raffaele di Milano e membro del Comitato tecnico scientifico Lombardia. La Regione è sotto la media di somministrazioni AstraZeneca rispetto al consegnato: 49%. La stessa voce è del 51% per Moderna e dell’84% per Pfizer/BioNtech.

Loading...

Piemonte: rinunce tra il 10 e 20%

In Piemonte le dosi AstraZeneca rimaste in frigo sono di più rispetto a quelle somministrate: 137.350 su un totale consegnato di 281.900, pari al 48%. Nella Regione e soprattutto a Torino, secondo quanto confermato dal consulente per l’emergenza Covid Pietro Presti, torna a crescere la percentuale di quanti, chiamati a vaccinarsi con AstraZeneca, rinunciano a sottoporsi alla somministrazione. Al momento le disdette si attestano intorno al 10-20% con punte del 25% per quanto riguarda il capoluogo, mentre in provincia le defezioni sono minori. «Non si tratta di una percentuale altissima - commenta Presti - ma dopo l'incremento di metà marzo era diminuita e ora sembra nuovamente in ripresa anche per un effetto mediatico che certamente sta impattando sulla percezione del rischio del vaccino Astrazeneca». In Piemonte il vaccino Moderna è stata somministrato al 51% rispetto alle dosi consegnate, Pfizer/BioNtech all’86 per cento.

Toti: AstraZeneca fa fatica in Liguria

«Certamente c’è una fatica nei centri liguri che somministrano il vaccino AstraZeneca rispetto ai centri dove si somministrano altri vaccini. Fino a ieri le disdette non erano significative, tra l’1 e il 3 per cento» riconosce il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti. Nella regione i vaccini AstraZeneca consegnati sono 102.600, quelli somministrati 54.642, il rapporto percentuale 53%. Per Moderna il tasso di somministrazione è ancora più basso (33%), mentre per Pfizer/BioNtech arriva all’81%.

Paura per AstraZeneca a Napoli

A Napoli è stata segnalata negli scorsi giorni la paura di tanti cittadini per il vaccino Astrazeneca. In tanti si sono rifiutati di fronte alla somministrazione. Hanno chiesto ai medici di poter avvalersi di altri vaccini e questo ha creato lunghissime file agli hub. «Nonostante i nostri sforzi oggi siamo alle prese con l'intoppo Astrazeneca. Ogni cittadino trascorre dieci minuti a cercare di convincere il medico a somministrargli Pfizer. E se dopo un'anamnesi attenta il medico non vede le condizioni per cambiare il vaccino, ricominciano a cercare di convincerlo», ha raccontato Ciro Verdoliva, direttore generale dell'Asl Napoli 1. La Campania è riuscita finora a somministrare il 53% delle dosi AstraZeneca ricevute, più di Moderna (33%) e meno di Pfizer (81%).

Calabria ultima, Toscana prima

La campagna vaccinale in Calabria va a rilento e la Regione è ultima nella classifica per dosi inoculate: il 66% delle 461.590 di cui dispone. Ad influire sul dato è la quantità di sieri AstraZeneca presente in regione che, anche a causa dei rifiuti opposti all’immunizzante anglo-svedese, restano in frigo: su una disponibilità di 124.700 dosi del vaccino di Oxford risulta utilizzato appena il 34%. Ben 54 punti in meno rispetto alla Toscana - prima in questa graduatoria - che ha quasi esaurito le sue scorte Vaxzevria riservate finora ai cittadini nati dal 1941 al 1951, alle forze armate e di polizia, al personale scolastico e universitario, docente e non.

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e delle azioni di contrasto è mostrato in due mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia di nuovi casi, morti, ricoverati e molte infografiche per una profondità di analisi.
La mappa dei vaccini in tempo reale mostra l’andamento della campagna di somministrazione regione per regione in Italia e anche nel resto del mondo.
Guarda le mappe in tempo reale: Coronavirus - Vaccini

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi, di saperne di più dall’andamento alle cause per proseguire con i vaccini. Su questi temi potete leggere le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Ecco tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui potete iscrivervi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti