Attualità

Coronavirus oggi. Pronti i dati ufficiali di Pfizer per la fascia 5-11 anni

Continua il dibattito sulla terza dose che proseguirà per tutto l’autunno

I dati dei vaccinati al 25 settembre 2021
  • Lamorgese: da poliziotta no pass affermazioni gravissime

    Dichiarazioni «gravissime». Così il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, secondo quanto si apprende da fonti del Viminale, ha definito le affermazioni del vice questore Schilirò nel corso della manifestazione contro il green pass di ieri a Roma. «Sto seguendo la vicenda personalmente con il capo della Polizia Lamberto Giannini - aggiunge il ministro - affinché vengano accertate, con assoluta celerità, le responsabilità sotto ogni profilo giuridicamente rilevante a carico dell’interessata».

  • Pronti i dati ufficiali di Pfizer per la fascia 5-11 anni

    Il ceo di Pfizer annuncia che «è una questione di giorni, non di settimane» prima che l’azienda e il partner tedesco BioNTech presentino i dati ai regolatori statunitensi per l’autorizzazione federale del vaccino nella fascia dai 5 agli 11 anni. Secondo fonti interne questo sarebbe un passo importante verso l’allargamento della campagna, a vantaggio dei bambini tornati nel frattempo a scuola e con la variante Delta causa di un grande salto nelle infezioni pediatriche.

  • In Lombardia 304 nuovi casi e 10 morti

    Sono 304 i nuovi positivi al coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Lombardia. I morti sono stati 10, per un totale dall’inizio della pandemia di 34.022 deceduti. I tamponi effettuati, secondo i dati diffusi dalla Protezione civile, sono stati 54.810. Nei reparti di terapia intensiva sono ricoverate 61 persone, cinque in più di ieri.

  • Piemonte, un decesso e 145 nuovi casi

    L'Unità di risi della Regione Piemonte ha comunicato 145 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 36 dopo test antigenico), pari allo 0.8% di 19.072 tamponi eseguiti, di cui 15.265 antigenici. Dei 145 nuovi casi, gli asintomatici sono 73 (50,3%). I casi sono 42 di screening, 79 contatti di caso, 24 con indagine in corso; nessuno importato. I ricoverati in terapia intensiva sono 23 (invariati rispetto a ieri).

  • In Friuli Venezia Giulia 54 nuovi positivi e nessuna vittima

    Oggi in Friuli Venezia Giulia su 2.841 tamponi molecolari sono stati rilevati 54 nuovi contagi con una percentuale di positività del 1,9%. Sono inoltre 5.877 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 2 casi (0,03 %). Nella giornata odierna non si registrano decessi; restano 9 le persone ricoverate in terapia intensiva mentre i pazienti in altri reparti scendono a 40. Lo comunica il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.

  • In Liguria 89 nuovi casi e nessun morto da ieri


    Sono 89 i nuovi positivi al Covid-19 oggi in Liguria, a fronte di 2.391 tamponi molecolari effettuati nelle ultime 24 ore, ai quali si aggiungono altri 4.367 tamponi antigenici rapidi. Nessun paziente è deceduto nelle ultime 24 ore.

  • In Campania 282 nuovi casi e due morti


    Sono 282 i nuovi casi di coronavirus emersi nella giornata di ieri in Campania dall’analisi di 18.048 tamponi. Nel bollettino odierno diffuso dall’Unità di crisi della Regione Campania sono inseriti due nuovi decessi. In Campania sono 18 i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva, 259 i pazienti Covid ricoverati in reparti di degenza.

  • In Calabria 106 nuovi contagi, terapie intensive stabili, +93 guariti e 4 morti

    Secondo il bollettino sull'emergenza Covid-19 diffusi dal dipartimento Tutela della salute della Regione Calabria, sono 106 i nuovi contagi registrati (su 2.935 tamponi effettuati), +93 guariti e 4 morti (per un totale di 1.396 decessi). Il bollettino, inoltre, registra +9 attualmente positivi, +12 in isolamento, -3 ricoverati e, infine, terapie intensive stabili (per un totale di 12).

  • In Trentino, 1 decesso e 16 nuovi contagi, Due classi in quarantena


    In Trentino oggi un decesso, 16 nuovi contagi, 21 pazienti in ospedale di cui 2 in rianimazione. «Il paziente deceduto era un sessantenne non vaccinato che negli ultimi giorni era stato ricoverato nella terapia intensiva dell’ospedale di Rovereto», fa sapere l’azienda sanitaria provinciale di Trento. Le classi in quarantena rimangono due. Sul fronte delle vaccinazioni, le somministrazioni hanno toccato quota 734.364 di cui 339.674 seconde dosi.

  • In Piemonte 146 casi, leggero aumento ricoveri


    Resta anche oggi invariato il numero di ricoverati Covid in terapia intensiva negli ospedali del Piemonte, sempre 23, mentre sale leggermente il dato negli altri reparti: +6, totale dei pazienti 199. Il bollettino dell’Unità di crisi della Regione riporta oggi anche 146 nuovi casi di positività, lo 0,8% sui 19.072 tamponi diagnostici processati (15.265 antigenici). C’è stato un decesso, registrato oggi ma relativo a giorni precedenti, il totale dei morti in Piemonte da inizio pandemia è ora di 11.756, Le persone in isolamento domiciliare sono 3.572, i nuovi guariti 172.

  • Sardegna, oggi 46 nuovi casi Covid. Due decessi a Cagliari


    In Sardegna si registrano oggi 46 ulteriori casi confermati di positività al Covid, sulla base di 1.284 persone testate. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 1.604 test. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 17 (1 in meno rispetto a ieri). I pazienti ricoverati in area medica sono 146 (2 in meno rispetto a ieri). 2464 sono i casi di isolamento domiciliare (51 in meno rispetto a ieri). Si registrano in totale 2 decessi: due uomini di 74 e 77 anni residenti nella citta metropolitana di Cagliari.

  • Presidi: non aspettare maggio per decidere su maturità scolastica


    Svolgere l’esame di maturità con le modalità di quest’anno, con l’elaborato è un maxi-colloquio, «è una possibilità. Bisogna vedere che strada prenderà la pandemia, se riusciremo dominarla. Però non si può aspettare maggio per parlarne, potremmo prendere una decisione verso Natale. Non vorrei che i ragazzi pensassero da ora che la maturità debba andare come l’anno scorso». Così il presidente dell’Associazione nazionale presidi (Anp), Antonello Giannelli, sulle possibili ipotesi per gli esami di fine anno scolastico.

  • Anelli: terza dose a tutti i medici, a partire da quelli esposti al Covid

    «I sanitari a rischio per noi sono tutti. Ognuno ne ha uno proprio». È il presidente dell’Ordine dei Medici Fnomceo Filippo Anelli a spiegarlo, in vista della formalizzazione delle indicazioni del Cts sul richiamo, chiedendo che la terza dose venga fatta a tutto il personale sanitario anche se, precisa, «può avere un senso partire da quelli più esposti come quelli che lavorano nei reparti Covid».

  • Emilia-Romagna. 340 nuovi casi e stabili ricoveri in terapia intensiva

    Sono 340 - 422.652 quelli complessivi dall’inizio dell’epidemia - i nuovi casi di positività registrati in Emilia-Romagna a fronte di 25.931 tamponi effettuati. Dei nuovi contagiati - spiega la Regione nel bollettino quotidiano - 128 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di tracciamento e screening. L’età media dei nuovi positivi di oggi è 36,8 anni. Stabili, rispetto a ieri, il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva: 48 (invariato); Si registra ancora un decesso: a Parma, una donna di 73 anni

  • Campania, tasso in calo e più ricoveri nelle intensive


    Cala l’indice di contagio, in aumento i ricoveri in terapia intensiva. Sono i dati che balzano agli occhi dalla lettura del bollettino dell’unità di crisi della Campania sul Covid. Oggi i positivi sono 282 su 18.048 tamponi effettuati: tasso all’1,56% rispetto all’1.86 di ieri. Sono 18 le persone in terapia intensiva, rispetto ai 15 di ieri, mentre quelle nei reparti di degenza ordinaria 259 contro i 266 di ieri. Altre due le vittime.

  • Vaia (Spallanzani): «Adesso non vaccinerei bambini, nessuna urgenza»

    «In questo momento non vaccinerei un bambino, perché non abbiamo il parere dell'autorità regolatorie. Non ho detto che sono contrario alla vaccinazione dei bambini ma abbiamo zero ricoverati tra bambini e questo per me significa che non c'è ancora l'esigenza di vaccinare i bambini». Lo ha detto il direttore dell’Inmi Spallanzani di Roma, Francesco Vaia, a «Domenica In».

  • Blitz polizia locale a festa: più di mille persone assembrate

    Prosegue l’attività di vigilanza da parte della polizia locale di Roma, con particolare attenzione ai luoghi tipici della movida. Dopo la chiusura di un locale scattata nel quartiere Parioli giovedì sera per inosservanza alle misure anti-Covid, gli agenti sono nuovamente intervenuti nel territorio del II Municipio, questa volta all’interno di un’area pubblica che, anziché essere utilizzata per le previste attività ludiche, eventi teatrali e culturali, era stata adibita per una festa danzante. Le pattuglie hanno sorpreso più di 1000 persone che ballavano assembrate e senza uso dei dispositivi di protezione.

  • In Valle d’Aosta 7 nuovi positivi e nessun morto

    Sono 7 i nuovi casi di coronavirus emersi in Valle d’Aosta nelle ultime 24 ore, il totale dei contagiati sale a 12.110 dall’inizio della pandemia. Resta fermo a 474 il numero dei morti, mentre sono 2 in più i guariti, che ammontano ora 11.572.

  • Basilicata, 14 contagi e 1 decesso

    In Basilicata i nuovi casi di contagio da Sars Cov-2 sono 14 (tutti residenti), su un totale di 545 tamponi molecolari, e si registra 1 decesso per Covid-19. Sono i dati del bollettino regionale riferito alle ultime 24 ore. Finora 419.162 lucani hanno ricevuto la prima dose del vaccino (75,8 per cento) mentre 370.964 hanno completato il ciclo vaccinale (67,1 per cento), per un totale di 790.126 somministrazioni effettuate.

  • In 250 a ballare senza mascherine, chiuso locale a Roma


    Ballavano accalcati, in oltre duecento, senza mascherine. Per questo i carabinieri della stazione Aventino hanno sanzionato e chiuso per 5 giorni di un disco-bar a Roma. I militari sono entrati fingendosi clienti e all’interno hanno trovato circa 250 giovani accalcati che ballavano, con musica ad alto volume e anche una cubista sul palco. I militari hanno sanzionato il titolare per 400 euro e hanno applicato la chiusura del locale per 5 giorni, con contestuale sospensione dell’attività.

  • 9 nuovi casi locali e 20 importati in Cina

    Nelle ultime 24 ore in Cina sono stati segnalati 9 nuovi casi di Covid-19 a trasmissione locale e 20 nuovi casi importati. Lo ha reso noto oggi la Commissione Sanitaria Nazionale nel consueto bollettino quotidiano. Non sono emersi nuovi casi sospetti né vi sono stati ulteriori decessi correlati alla malattia. Il totale dei contagi confermati in Cina continentale al 25 settembre ha raggiunto quota 96.015, con 1.013 pazienti ancora in terapia, 12 dei quali in condizioni gravi.

  • Sala: No Green pass? Ogni sabato peggio, difficile andare avanti così

    “Ogni sabato è peggio ne ho parlato anche ieri con il prefetto e mi ha detto che le denunce stanno aumentando. E’ chiaro che da un lato ci sono le forze dell’ordine che sono costrette, con le tante cose che hanno da fare, ad arginare queste manifestazioni, dall’altro ormai il disagio per i cittadini aumenta perché bloccano tram e strade. È chiaro che è un problema. Non ho soluzioni e ne stiamo parlando con il questore. È chiaro che la questura prima di tutto vuole evitare incidenti in questa fase in cui siamo usciti da una situazione di grande tensione però così è difficile andare avanti”. Lo ha detto il sindaco di Milano e candidato del centrosinistra, Giuseppe Sala, a margine di un appuntamento elettorale in città, commentando le tensioni alla manifestazione dei no Green pass di ieri vicino a piazza Duomo.

  • Toscana, 263 nuovi casi e 7 decessi: continua calo ricoveri

    In Toscana sono 281.287 i casi di positività al Coronavirus, 263 in più rispetto a ieri (257 confermati con tampone molecolare e 6 da test rapido antigenico). I nuovi casi sono lo 0,1% in più rispetto al totale del giorno precedente. L’età media dei 263 nuovi positivi odierni è di 41 anni circa (24% ha meno di 20 anni, 21% tra 20 e 39 anni, 29% tra 40 e 59 anni, 18% tra 60 e 79 anni, 8% ha 80 anni o più). I guariti, oggi 410 in più rispetto a ieri, crescono dello 0,2% e raggiungono quota 266.705 (94,8% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 8.378 tamponi molecolari e 10.820 tamponi antigenici rapidi, di questi l’1,4% è risultato positivo. Sono invece 6.745 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 3,9% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 7.440, -2% rispetto a ieri. I ricoverati sono 321 (16 in meno rispetto a ieri), di cui 47 in terapia intensiva (2 in meno). Oggi si registrano 7 nuovi decessi: 2 uomini e 5 donne con un’età media di 78,4 anni. Sono 7.142 i deceduti in Toscana dall’inizio dell’epidemia.

  • 9 nuovi casi locali in Cina continentale

    In Cina continentale ieri sono stati segnalati 9 nuovi casi di Covid-19 a trasmissione locale. Lo ha reso noto oggi la Commissione Sanitaria Nazionale nel consueto bollettino quotidiano. Tra i nuovi casi locali, 5 si trovano nel Fujian e 4 nell’Heilongjiang. La commissione ha anche dato segnalazione di 20 nuovi casi importati, di cui 10 nello Yunnan, 4 nel Guangdong, 2 ciascuno nella Mongolia Interna e a Shanghai e uno per provincia nello Shandong e nell’Henan. Non sono emersi nuovi casi sospetti né vi sono stati ulteriori decessi correlati alla malattia. Alla fine di ieri il totale dei casi importati nella Cina continentale ammontava a 8.955, tra i quali 8.431 dimessi dagli istituti in cui erano in cura dopo essersi ripresi e 524 pazienti tuttora ricoverati. Non sono stati segnalati decessi tra i casi importati. Il totale dei contagi confermati in Cina continentale al 25 settembre ha raggiunto quota 96.015, con 1.013 pazienti ancora in terapia, 12 dei quali in condizioni gravi.

  • PageGroup, ritorno in ufficio? Sì con modello ibrido e nuove strategie di recruiting

    Nell'attuale scenario pandemico, si va delineando una realtà molto complessa e sfidante per le aziende e le organizzazioni in tutto il mondo, sia quelle che hanno richiesto il ritorno totale o parziale dei propri dipendenti in ufficio, sia chi sta permettendo di lavorare in smart working ancora a tempo indeterminato. Dal punto di vista di PageGroup, la cosiddetta ’nuova normalità’ che si va delineando, aldilà delle complessità, offre ai responsabili delle risorse umane, alcuni elementi ideali per favorire un clima migliore e più produttivo negli ambienti di lavoro, e anche approntare delle nuove e vincenti strategie di recruiting, volte ad identificare i migliori talenti nel mercato del lavoro già pronti per le nuove realtà. In questo contesto, per PageGroup la capacità di adattarsi unita al coraggio di cambiare mentalità, direzione e cultura possono risultare fondamentali per mettere a punto modelli di lavoro ibrido volti ad accrescere l'autonomia e il benessere dei dipendenti, tra quelli già in organico e quelli futuri. Se c'è la volontà di attrarre i migliori talenti, fiducia e flessibilità si rivelano degli elementi chiave per raggiungere tale scopo. Per quanto concerne il tema della fiducia, il successo dipende da: la capacità di entrambe le parti, datore di lavoro e dipendente, di prefissarsi obiettivi realistici, saper invertire la rotta in caso di eventuali disfunzioni nei processi, chiarire, sin dalla pubblicazione di un annuncio di lavoro le aspettative e gli obiettivi per coltivare relazioni a lungo termine è importante costruire un circolo virtuoso di fiducia e trasparenza fin dalla prima impressione.

  • Brusaferro, nessun rinvio terza dose per i sanitari

    Per la terza di vaccino Covid “non sono previsti rinvii per gli operatori sanitari”: e’ quanto dichiara Silvio Brusaferro, portavoce del Cts. “Nel costante perseguimento di un’ottica di massima precauzione, la somministrazione di un’ulteriore dose di vaccino viene indicata progressivamente per gli ultraottantenni, i residenti nelle RSA, persone ultrafragili e operatori sanitari a partire da quelli più a rischio”, si legge in una nota.

  • Green pass: Meloni,giusto esprimere opinioni ma No alla violenza

    “Spero che non si faccia l’errore di scivolare nella violenza, la violenza va sempre condannata, poi credo che le persone abbiano sempre il diritto di esprimere la loro posizione”. Così, la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni ha replicato, a margine di un incontro elettorale a Bologna, a chi le chiedeva un commento sulle manifestazioni di piazza anti Green pass andate in scena ieri in diverse città italiane.

  • Vaccini, oltre 78% degli umbri immunizzati: copertura studenti al 53%

    Più del 78% degli umbri ha completato il ciclo vaccinale, secondo i dati giornalieri sulla campagna di vaccinazione diffusi dalla regione. Andamento in linea con la media nazionale, che si attesta al 77,6% in base ai dati pubblicati sul sito della Presidenza del consiglio dei ministri. Per quello che riguarda gli under 19, quindi i ragazzi in età scolare, in Umbria risultano immunizzati il 53% dei ragazzi, numero che si avvicina al dato nazionale del 55,7%. Ad aver ricevuto la prima dose, tra i ragazzi nella fascia 12-19 anni, sono invece il 66% degli umbri, dato praticamente analogo alla media nazionale. Nella classe d’età 20-29 anni, in cui rientrano gli studenti universitari per i quali il green pass è obbligatorio, in Umbria risultano vaccinati con due dosi il 73,3% dei ragazzi, percentuale quasi identica a quella nazionale. Ad aver ricevuto almeno la prima dose, sono il 79% degli umbri, a fronte di un dato nazionale del 77,6%

  • Bassetti, mai più ospedali in crisi come in mesi più duri

    “Questo è un virus stagionale e colpisce in autunno, a partire da metà ottobre. Quindi bisogna aspettare ancora un po’. Sicuramente con il cambio del clima e la vita in ambienti chiusi vedremo un aumento dei casi, come in Inghilterra. Scordiamoci l’Rt a 0,8 e gli ospedali con i letti occupati ai livelli di oggi”. A dirlo, in un’intervista a La Repubblica, l’infettivologo Matteo Bassetti, professore ordinario di Malattie infettive all’Università di Genova e primario al San Martino. Gli ospedali “in crisi come nei mesi più duri non ci andranno più, basta vedere cosa succede nelle altri parti del mondo - dice Bassetti -. Merito delle vaccinazioni, anche se non è ancora il momento di dire che andrà tutto bene”. Quando ci libereremo della pandemia? “Secondo me a primavera dell’anno prossimo volteremo pagina - risponde -. Certo, vedremo ancora persone ricoverate in ospedale per il Covid. Del resto abbiamo tra i 7 e i 12mila morti all’anno per l’influenza. Ma grazie ai vaccini le persone a rischio saranno sempre meno”. Parlando dei no-vax in un’intervista a La Stampa afferma: “Alcuni partiti soffiano sul fuoco no vax, mentre sui vaccini la politica dovrebbe restare unita”. E alla domanda su come si trovi con la scorta Bassetti risponde: “Non è normale per un medico andare in giro accompagnato, ai convegni come a casa di amici. Alla fine penso: non si vogliono vaccinare, affari loro. Tengo più alla sicurezza di mia moglie e dei miei figli che ai no vax”.

  • Milano, violazioni norme anti Covid: chiusi due locali

    Nella notte tra sabato e domenica i controlli dell'Unità Annonaria della Polizia locale di Milano hanno portato alla chiusura per 5 giorni, per mancato rispetto delle norme Covid, di due locali: il circolo privato Bana Club di via Pestagalli e la discoteca Tocqueville. Il primo intervento, di iniziativa, è avvenuto all'una di notte: all'interno del Bana Club erano presenti circa 80 persone, di cui 25 stavano ballando senza distanziamento né mascherine. Il secondo intervento, sempre di iniziativa, è avvenuto alle ore 2:40 in via Tocqueville: all'interno della discoteca erano presenti oltre 280 persone che ballavano senza distanziamento né mascherine con musica ad altissimo volume.

  • Scuola, oltre mille studenti in isolamento in Umbria

    Quarantuno classi e oltre mille studenti in isolamento in Umbria. È questo, in base ai dati diffusi dalla Regione, il quadro della situazione contagi da covid-19 nelle scuole, due settimane dopo l’inizio dell’anno scolastico. Come emerso già in precedenza, i contagi sembrano essere avvenuti in prevalenza fuori dalle scuole. Gli alunni risultati positivi al covid-19 sono infatti 44, praticamente uno per classe coinvolta, mentre i cluster attivi all’interno delle classi sono tre. Nessuna positività è emersa tra gli studenti che utilizzano il trasporto scolastico. Per quello che riguarda le classi coinvolte, si tratta di 11 classi della scuola d’infanzia, 12 della scuola primaria, sei della secondaria di primo grado e 12 della secondaria di secondo grado.

  • Russia, 805 morti nelle ultime 24 ore

    Sempre alto il numero dei morti in Russia per Covid, il report di ieri è 805 morti nelle ultime 24 ore. negli ultimi giorni sono state replicate cifre simili.

  • Roma: San Lorenzo, sospesa licenza a locale e multa per assembramenti

    Sospesa la licenza a locale di san Lorenzo, 156 le persone controllate nel corso dei servizi, 1 persona denunciata per vendita di alcolici a minori e una sanzione ad un esercizio commerciale per il mancato rispetto delle norme anti assembramento. E’ il bilancio dei controlli della Polizia di Stato nel quartiere di San Lorenzo a Roma dove il commissariato di zona, in collaborazione con la divisione Polizia amministrativa della Questura, Polizia Roma Capitale e 4 pattuglie dei Carabinieri hanno presidiato e monitorato lo svolgersi della movida che caratterizza il quartiere nel fine settimana. I controlli, tesi non solo al contrasto della movida, hanno avuto l'ulteriore obiettivo di garantire il rispetto delle misure per il contenimento della diffusione del Covid 19. In tale ambito è stato elevata una sanzione ad un esercizio commerciale a Largo degli Osci per il mancato rispetto delle norme anti assembramento.

  • Sanità, 400mila interventi rinviati per Covid. Allarme chirurghi: Servono soluzioni urgenti

    A Catania radunati oltre mille chirurghi per il Congresso nazionale della Società Italiana di Chirurgia. A causa del Covid oltre le operazioni rimandate si aggiungono ritardi e accumuli di mancate prestazioni sanitarie. L'appello della categoria “Abbiamo bisogno di trovare soluzioni”. Un numero impressionante di interventi chirurgici rimandati che si sommano alle mancate prestazioni sanitarie. Nel 2020 sono saltate 400mila operazioni e si contano oltre 1,3 milioni i ricoveri in meno rispetto al 2019. I ricoveri di chirurgia hanno visto una contrazione vistosa ed una diminuzione di circa l’80% dell’attività elettiva.
    Questo il quadro dipinto dalla Società Italiana di Chirurgia che a Catania, per il 123esimo Congresso Nazionale, ha radunato oltre mille professionisti del comparto.

  • Parolin all’Onu, «vaccini devono essere a disposizione di tutti»

    “Dobbiamo lavorare insieme per porre rimedio alla situazione di coloro che sono ai ’margini farmaceutici’ e per alleviare le inutili sofferenze e la morte che loro e tanti altri hanno e continuano a sopportare. Questo è particolarmente vero per quanto riguarda i vaccini, che devono essere a disposizione di tutti, soprattutto nelle aree di conflitto e nei contesti umanitari”. Lo sottolinea il segretario di Stato Vaticano, cardinale Pietro Parolin, nel suo intervento in video messaggio alla 76esima Sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. “La resilienza richiede un rinnovato esame di come i sistemi sanitari siano stati ampiamente sopraffatti dalla pandemia e abbiano lasciato così tanti senza cure sufficienti o alcuna cura. Ancora oggi molti non hanno accesso ai test, alle cure di base, ai vaccini e nemmeno alle infrastrutture energetiche che renderebbero possibile tale cura. La resilienza - ammonisce Parolin - richiede un esame della fragilità e delle carenze dei nostri sistemi economici, che hanno lasciato molti indietro a causa della grave crisi economica e hanno reso i poveri ancora più vulnerabili”.

  • Vaccini: domani Figliuolo visita la Comunità di Sant’Egidio

    Il commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Francesco Paolo Figliuolo, visiterà nel pomeriggio di domani la Comunità di Sant’Egidio. Alle 17.30 il generale si recherà a Palazzo Leopardi, in piazza Santa Maria in Trastevere, per incontrare un gruppo di profughi giunti con i corridoi umanitari. Negli stessi locali, che ospitano la Scuola di lingua e cultura italiana per stranieri della Comunità, visiterà alcune classi di studenti originari di diversi paesi. Alle 18 il commissario si trasferirà nella vicina sede di Sant’Egidio per un colloquio con il presidente, Marco Impagliazzo, e altri responsabili della Comunità, sulle attività svolte a favore dei più vulnerabili, come l’hub vaccinale che ha già permesso di raggiungere numerose persone fragili altrimenti a rischio di esclusione dalla campagna vaccinale.

  • New York, giudice federale blocca obbligo vaccinale

    Un giudice federale ha temporaneamente bloccato il sistema scolastico di New York, il più grande degli Stati Uniti, bloccando l’obbligo vaccinale per gli insegnanti e altro staff scolastico.

  • Maestra scrive ai bambini e spiega suo no al Green pass

    Ha indirizzato ai suoi alunni - inviandola sul gruppo Whatsapp dei genitori dei piccoli studenti - una lettera in cui spiega le ragioni per cui, contraria al Green pass, non si siederà alla cattedra come ogni anno. Protagonista della vicenda - riportata dal Corriere di Romagna - una maestra di una scuola elementare della zona di Mercato Saraceno, nel Cesenate che, nella sua missiva, ha motivato la sua scelta, ai bambini, parafrasando una fiaba che era solita raccontare in classe. La lettera, racconta il quotidiano locale, non ha mancato di sollevare contrarietà venendo stigmatizzata, tra gli altri, dai presidenti degli ordini dei Medici di Forlì e di Rimini che la definiscono una “scelta sbagliata” e “un messaggio pessimo”. Nello scritto pubblicato dal giornale e aperto con le parole “cari bambini”, la maestra dà conto della sua decisione osservando che “finché le disposizioni attuali non saranno modificate, io resterò fuori dalla scuola perché non presenterò nessuna certificazione per entrare e poter lavorare. Se accettassi questo sistema non riuscirei più a guardarvi negli occhi e non avrei più nulla da insegnarvi perché avrei perso la mia libertà e la mia dignità”.

  • Cina, oltre 2 miliardi di dosi somministrate

    La Cina ha somministrato circa 3.2 milioni di dosi di Covid al 25 settembre , portando il totale di dosi somministrate a 2.198 miliardi, fa sapere nelle ultime statistiche la National Health Commission

  • Nel mondo oltre 4,7 mln i morti, oltre 6 mld dosi somministrate

    Nel mondo oltre 231,5 milioni di casi di Covid. Il numero di morti supera i 4,7 milioni attestandosi a 4.743.159. E’ quanto emerge dai dati della Johns Hopkins. Le dosi di vaccino anti-Covid somministrate nel mondo hanno superato quota 6 miliardi attestandosi a 6.073.969.046.

  • Australia, il primo ministro chiede di riaprire le frontiere

    Il primo ministro australiano Scott Morrison chiede ai premier dei vari stati del paese di prepararsi a riaprire le frontiere una volta che siano stati ragggiunti i target di vaccinazione. I casi in Australia sono bassi in stati come il Queensland o Western Australia, ma finora le autorità sono state contrarie ad aprire le frontiere. Morrison ha detto che bisognerà cambiare questo approccio quando la popolazione sarà completamente vaccinata all’80%.

  • Vaccino, Palù: Terza dose per tutti cittadini? Si deciderà in base a curva casi

    La terza dose dopo gli 80enne e i fragili sarà somministrata a tutta la popolazione? “Dipenderà dall'andamento della curva epidemica nel Paese, dalla circolazione globale del virus e dalla durata dell'immunità sia naturale sia artificialmente acquisita con la vaccinazione nei vari strati di popolazione”. Lo afferma il presidente dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa), Giorgio Palù, in una intervista al Corriere della Sera. “Gli studi sul campo stanno dimostrando che, dopo circa sei mesi, si assiste a un certo calo della risposta anticorpale e alla possibilità di infettarsi; ricordo però che gli attuali vaccini, allestiti contro un virus in circolazione ormai da due anni, sono ancora efficacissimi nel proteggerci dal Covid grave e dall'evento letale”, aggiunge.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti