In bici sulle dighe

I segreti del territorio

Valle Varaita, vecchio feudo occitano


default onloading pic

1' di lettura

Un viaggio tra le montagne che ha poco in comune con le consuete vacanze in quota. La Valle Varaita, in provincia di Cuneo, ha tradizioni radicate nel tempo: la cultura occitana è rimasta ben diffusa in queste regioni recondite e tramanda usanze nate ormai 2mila anni fa.
Non solo: la Valle Varaita, con i suoi prati e boschi, è la valle più verde della provincia di Cuneo (per questo è detta Smeraldina), e il profilo del Monviso impreziosisce uno scenario di naturale bellezza, dai primi paesi di fondovalle fino al Colle dell’Agnello, al confine con la regione del Queyras. I piccoli borghi montani di Sampeyre, Bellino, Casteldelfino, Pontechianale e Chianale conservano nuclei autentici di architettura tradizionale e le piccole baite del pascolo estivo. La Valle Varaita ha un paesaggio naturale e culturale estremamente vario con santuari inerpicati sulle montagne (Becetto e Valmala), le meridiane di Bellino, le chiese (Isasca, Rorà, Frassino, Chianale), le piccole cappelle e i castelli di Costigliole Saluzzo, Verzuolo e Casteldelfino.
Ricchissima la fauna. Alle altitudini più basse troviamo soprattutto volpi, cinghiali, tassi, e donnole, mentre salendo di un po’ è possibile imbattersi in caprioli, cervi, lepri, scoiattoli, ghiandaie, ghiri e picchi. Le quote più elevate sono invece popolate da stambecchi, camosci, marmotte, ermellini, aquile reali, pernici bianche e, di recente, alcuni esemplari di lupo.
Infine una curiosità: alcuni storici sostengono che il mitico condottiero cartaginese Annibale durante la Seconda Guerra Punica sia arrivato in Italia dalla Valle Varaita, superando dunque il Colle dell’Agnello, e non dal Moncenisio, ma si tratta comunque di un’interpretazione che non ha avuto un grande seguito.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti