ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùSanta Sede

Benedetto XVI, condizioni stabili. Il Papa emerito sotto assistenza continua

Le parole di Bergoglio nell'udienza generale

di Carlo Marroni

Papa: Benedetto XVI molto ammalato, nel silenzio sostiene Chiesa

2' di lettura

Le condizioni di salute di Benedetto XVI restano “stabili”, secondo quanto riferisce una fonte direttamente dal Monastero Mater Ecclesiae. Al momento non trapelano ulteriori dettagli se non che il Papa emerito ha continuato venerdì mattina, nella sua camera e pur con le difficoltà di un quadro clinico ancora grave, a partecipare alla messa, concelebrandola con mons. Georg Gaenswein semplicemente indossando una leggera stola sopra il camice della sua degenza. Le quattro memores domini e l’infermiere fra Eligio continuano a costituire intorno a Ratzinger, tenuto sotto costante controllo medico, un cordone di sicurezza e assistenza continue.

Mercoledì Papa Francesco, alla fine dell'udienza generale ha chiesto «a tutti voi una preghiera speciale per il Papa emerito Benedetto, che nel silenzio sta sostenendo la Chiesa. Ricordarlo, è molto ammalato, chiedendo al Signore che lo consoli, che lo sostenga in questa testimonianza di amore alla Chiesa, fino alla fine».

Loading...

Lo stato di salute di Ratzinger – 95 anni – è ormai molto precario, e anche le rare foto che lo ritraggono evidenziano un fisico indebolito. Cosa accade? Il direttore della Sala Stampa, Matteo Bruni, successivamente ha detto ai giornalisti che «in merito alle condizioni di salute del Papa emerito, per il quale Papa Francesco ha chiesto preghiere al termine dell’udienza generale di questa mattina, posso confermare che nelle ultime ore si è verificato un aggravamento dovuto all’avanzare dell’età. La situazione al momento resta sotto controllo, seguita costantemente dai medici. Al termine dell'udienza generale Papa Francesco si è recato al monastero Mater Ecclesiae per visitare Benedetto XVI. Ci uniamo a lui nella preghiera per il Papa emerito».

Dieci anni fa la rinuncia al Papato e l’elezione di Bergoglio

Francesco va spesso a trovare il suo predecessore, qualche volta viene reso noto, altre no. Ma il legame è stretto, anche se i due papi sono distanti anni luce come impostazione pastorale e come carattere personale. E anche se Benedetto – certamente contro la sua volontà – è stato a lungo eretto a simbolo dell'anti bergoglismo, una sorta di baluardo della tradizione contro le presunte derive dottrinali lamentate dagli autoproclamati custodi dell'ortodossia cattolica, per Bergoglio. Tra poco più di un mese ricorreranno 10 anni dalla rinuncia – era l'11 febbraio 2013, l’elezione di Bergoglio è stata il 13 marzo – un decennio trascorso al monastero Mater Ecclesiae, non sempre nel silenzio come aveva promesso, visti i molti interventi su temi scottanti, come la pedofilia. Ma questo non ha mai minato il rapporto con Francesco.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti