RITRATTO

Vecciarelli, un «Top Gun» con 2.600 ore di volo alle spalle al vertice dello Stato maggiore Difesa

di Andrea Carli


default onloading pic
Il generale Enzo Vecciarelli è il nuovo capo di Stato maggiore della Difesa

2' di lettura

Il nuovo capo di Stato maggiore della Difesa, nominato giovedì dal Consiglio dei ministri, può essere definito, con un’immagine che appartiene all’immaginario collettivo, un vero “Top Gun”. Fino a pochi minuti prima che l’esecutivo M5s-Lega decidesse di puntare su di lui per sostituire il generale Claudio Graziano, che dal 6 novembre assume l’incarico di presidente del Comitato militare dell’Unione europea, il generale Enzo Vecciarelli rivestiva infatti l’incarico di capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica militare.

La nomina del generale di squadra aerea a quattro stelle, anticipata nei giorni scorsi dal Sole 24 Ore, era slittata visto che la discussione di governo negli ultimi giorni si era concentrata sui temi di finanza pubblica. Il Consiglio dei ministri ha deciso che il nuovo Capo di stato maggiore dell’Aeronautica militare, al posto del neopromosso Vecciarelli, sarà il generale di squadra aerea Alberto Rosso. Graziano si è congratulato con entrambi per i nuovi incarichi. Il Cdm ha anche dato il via libera al Ddl concretezza, che prevede una stretta contro i furbetti del cartellino nel pubblico impiego (GUARDA IL VIDEO SUI CONTENUTI DEL PROVVEDIMENTO).

Sessantuno anni, originario di Colleferro, una moglie e due figli, è pilota “Caccia Intercettore”, ha trascorso molti anni della sua carriera presso il 4° Stormo di Grosseto, dove ha ricoperto tutti gli incarichi operativi, compresi quello di Comandante di Gruppo nel 1991 e Comandante di Stormo dal 1999 al 2002, conseguendo oltre 2.600 ore di volo, di cui più di 2000 sul velivolo F104 Starfighter.

Dal 1993 al 1999 è stato impiegato presso il I Reparto dello Stato Maggiore Aeronautica, prima quale Capo Sezione Impiego Personale Dirigente e poi quale Capo Ufficio Ordinamento. Ha inoltre svolto attività dirigenziale presso lo Stato Maggiore del Comando Logistico, dove ha ricoperto, tra il 2002 ed il 2004, gli incarichi di Capo Ufficio Pianificazione Generale, Capo Ufficio Operazioni e Vice Capo di Stato Maggiore.

Nel 2003 ha comandato il primo contingente aeronautico in Iraq presso la Base Aerea di Tallil (Nassiriya). Successivamente, Vecciarelli ha svolto l’incarico di Vice Capo del III Reparto - Politica degli Armamenti - presso il Segretariato Generale della Difesa ed impiegato, al contempo, quale Rappresentante Nazionale presso i più importanti organismi europei quali l’Eda (European Defence Agency), l’Occar (Organizzazione congiunta per la cooperazione in materia di armamenti) e la Loi (Letter of Intent) deputati alla riorganizzazione e allo sviluppo di una comune politica degli armamenti in Europa.

D al 2007 al 2010 il generale è stato addetto per la Difesa e l’Aeronautica presso l’Ambasciata d’Italia a Berlino con accreditamento secondario per l’Olanda e la Danimarca. Comandante delle Forze di combattimento con sede a Milano nel 2010 e Capo di Stato Maggiore del Comando della Squadra Aerea nel 2011, dal 2012 al 2015 ha svolto l’incarico di Direttore del IV Reparto Coordinamento di Programmi d’Armamento presso il Segretariato Generale della Difesa.

Dal 26 febbraio 2015 al 29 marzo 2016 ha ricoperto l’incarico di Sottocapo di Stato Maggiore della Difesa. Il 30 marzo 2016 ha assunto l’incarico di Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica. Fino all’ultimo scatto di carriera: il vertice dello Stato maggiore difesa.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...