In pista

Velocità e precisione: si accendono i motori e si rinnova il sogno di Steve McQueen

Una corsa automobilistica dal Sud al Nord del Messico, una storia che comincia negli anni Cinquanta e arriva fino a oggi, unendo orologi e macchine-mito

di Paco Guarnaccia

Il celebre attore Steve McQueen volle indossare la stessa tuta di Joe Siffert per interpretare il suo personaggio nel film Le 24 Ore di Le Mans del 1971. Foto MPTV images.

3' di lettura

Era il 23 novembre del 1954 e, dopo cinque giorni di corse forsennate, si chiudeva la quinta edizione della mitica e difficile gara automobilistica Carrera Panamericana. A vincere fu un italiano, Umberto Maglioli su Ferrari 375 Plus Pininfarina che, partito da Tuxla Gutierrez (una cittadina al confine con il Guatemala) completò i 3.069,809 km delle otto tappe della competizione per arrivare alla bandiera a scacchi di Ciudad Juarez (a pochi chilometri dagli Stati Uniti) con un tempo totale di 17 ore, 40 minuti e 26 secondi. A completare il podio della classifica generale ci furono l'americano Phil Hill, su Ferrari 375 MM Vignale, e il tedesco Hans Hermann su una Porsche 550 Spyder. Un risultato, questo, che permise a Porsche di raggiungere la vittoria nella categoria fino a 1,5 litri dove alla fine riuscì a piazzare tre vetture ai primi tre posti.

La locandina dell'ultima edizione della classica Carrera Panamericana del 1954.

Era stato un successo importante. Da ricordare. Quindi, dal 1954 ad alcune delle vetture dalla dotazione più sportiva di Porsche (la prima fu una 356) oltre alla sigla, venne aggiunto anche il nome Carrera a ricordare quella mitica corsa che, peraltro, dopo il 1954 non si disputò più per decenni. Era nato un mito dell'automobilismo.

Loading...

Qualche anno più tardi, era il 1962, il trentenne Jack Heuer che all'epoca era alla guida del marchio orologiero che prendeva il nome di famiglia (dal 1985 sarebbe poi diventato Tag Heuer) venne a conoscenza che, fino a qualche anno prima, c'era stata una gara dura e avventurosa come la Carrera Panamericana. In onore della quale diede il nome Carrera all'orologio che lanciò nel 1963. Un modello che puntava sulla resistenza e l'immediatezza della lettura delle indicazioni sul quadrante che Heuer aveva pensato proprio per essere indossato dai piloti. Era nato un mito dell'orologeria.

Ferry Porsche con Jo Siffert, pilota tedesco della scuderia Porsche, alla 24 Ore di Le Mans nel 1970.

Due miti dallo stesso nome, dunque. Carrera, corsa in spagnolo. Era probabilmente scritto che Tag Heuer e Porsche, prima o poi, avrebbero dato vita a una partnership ufficiale. Anche in considerazione di tutti i punti di contatto che hanno avuto negli anni nel mondo del motorsport: da Steve McQueen che guidava una Porsche 917 nel film La 24 Ore di Le Mans del 1971 e volle indossare la stessa tuta del pilota della scuderia Porsche, Jo Siffert, con il logo del marchio orologiero, suo sponsor, in bella vista, al comune e recente coinvolgimento dei due marchi nella Formula E fin dalla sua fondazione.

Il fondo del quadrante grigio di questo cronografo ha un effetto che richiama l'asfalto. La massa oscillante del movimento Calibre Heuer 02 di manifattura richiama il volante di una Porsche. Di questo modello esiste anche una versione braccialata (5.700 euro).

Il primo progetto totalmente realizzato insieme è il Carrera Porsche Chronograph sulla cui lunetta in ceramica nera si possono notare la scritta Porsche in rosso e le indicazioni della scala tachimetrica in bianco. Il fondo del quadrante, in grigio, è stato studiato per avere un effetto che ricordi l'asfalto delle piste da corsa. Nero, rosso e grigio, sono stati colori scelti non a caso, ma sono quelli che rappresentano la casa automobilistica. Sempre sul quadrante, i numeri richiamano quelli del cruscotto dei bolidi tedeschi. Il motore di questo orologio è un Calibre Heuer 02 di manifattura, con riserva di carica fino a 80 ore, la cui massa oscillante è stata rivisitata per sembrare uno dei classici volanti di una Porsche. Se a concorrere nel rendere ancora più bella una vettura è la finitura dei suoi interni, ecco dunque che le cuciture del cinturino in pelle del Carrera Porsche Chronograph sono quelle viste sulle Porsche (esiste anche una versione con bracciale in acciaio). Un orologio che incarna alla perfezione lo stile racing.

Il Carrera Porsche Chronograph presenta la cassa in acciaio e la lunetta in ceramica nera con scala tachimetrica e scritta, in rosso, Porsche (5.550 euro). A sinistra Il retro di una Porsche Carrera 911.

Riproduzione riservata ©

loading...

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti