il quesito del lunedì

Vendere sterline e marenghi d’oro? Plusvalenza tassata al 26%

Se non si riesce a documentare il costo originario delle monete, la base imponibile è pari al 25% del corrispettivo incassato con la cessione

di Alfredo Calvano e Attilio Calvano

default onloading pic

Se non si riesce a documentare il costo originario delle monete, la base imponibile è pari al 25% del corrispettivo incassato con la cessione


2' di lettura

Il quesito. Sono pensionato e posseggo marenghi e sterline d’oro accumulati nel corso della mia vita. Ho necessità di vendere una congrua parte di queste monete. Non ho ricevute o certificazioni degli acquisti, avvenuti nel corso di oltre 40 anni: sono soggetto a contestazioni di carattere fiscale o legale? Il valore realizzato con la vendita è soggetto a qualche onere fiscale e/o tassazione? In quale percentuale? Qual è l’iter da seguire per il pagamento del corrispettivo?
E.C. - Altopascio

La risposta. La vendita di oro allo stato grezzo o monetato (come, ad esempio, sterline e marenghi d’oro) comporta - per il privato - il realizzo di una plusvalenza imponibile ai fini Irpef (è quindi esclusa da prelievo la sola vendita di metalli preziosi in forma di gioielli). Ciò in base alla specifica previsione contenuta nell’elencazione della categoria dei redditi diversi (lettera c–ter, articolo 67, del Tuir, Dpr 917/86).

La plusvalenza è soggetta a prelievo, nell’anno in cui viene effettuata la vendita, mediante imposta sostitutiva del 26% (il reddito pertanto non concorre alla formazione del reddito complessivo), ed è costituita dalla differenza fra il prezzo di vendita e il prezzo di acquisto delle monete d’oro.

In mancanza di un riferimento documentale del costo, la base imponibile viene determinata in modo forfettario in misura pari al 25% del corrispettivo di cessione, con il riconoscimento di un costo presunto del 75% (articolo 68, comma 7 lettera d, del Tuir).

Ai fini dichiarativi/impositivi va eseguita, da parte del cedente, la compilazione del quadro RT, sezione II, del modello Redditi persone fisiche.

Come forma di pagamento del corrispettivo, si stima opportuna (se non necessaria) quella del bonifico.

Per approfondire:
Le quotazioni delle monete d’oro
Soldi sotto il materasso: in 20 anni mille euro sono diventati 588

Il quesito è tratto dall’inserto L’Esperto risponde, in edicola con Il Sole 24 Ore di lunedì 30 dicembre.

Consulta L’Esperto risponde per avere accesso a un ar chivio con oltre 200mila quesiti, con relativi pareri. Non trovi la risposta al tuo caso? Invia una nuova domanda agli esperti.

È disponibile l’app del Sole 24 Ore scaricabile gratuitamente da Apple Store o Google Play

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti