Dati Jato

Vendite auto, ibride ed elettriche superano per la prima volta le diesel

In agosto pur con un mercato in calo la crescita dei modelli green continua inarrestabile. In testa alle vendite in Europa è sempre la Dacia Sandero e fra le elettriche la Vw ID.3 precede la Model 3

di Corrado Canali

(teksomolika - stock.adobe.com)

5' di lettura

Un eccezionale aumento della domanda di modelli elettrificati. Secondo i dati Jato Dynamics le ibride ed elettriche hanno conquistato la quota mercato mensile più alta di sempre pari 21% sul totale immatricolato, superando le vetture diesel. Le unità pari a 151.737 registrate il mese scorso segnano un aumento del 61% su base annua e portano il volume totale da gennaio a 1,32 milioni di unità. Sebbene le offerte sempre più interessanti e gli incentivi previsti dai governi nazionali abbiamo svolto un ruolo molto significativo nel sostenere la domanda delle auto più green va in ogni caso sottolineato l’importanza del fatto che i consumatori sono ormai diventati sempre più consapevoli dei vantaggi legati ai veicoli elettrici e le acquistano.

Superate le vendite diesel per 10.100 unità

In Europa ad agosto, i veicoli elettrici e gli ibridi plug-in hanno registrato più immatricolazioni delle auto diesel. L’anno scorso, in questo stesso periodo, infatti, il volume di veicoli elettrici era stato di 158.300 unità in meno rispetto alle immatricolazioni di diesel, mentre il mese scorso le auto a batteria hanno superato le vendite dei veicoli a gasolio di ben 10.100 unità. La domanda è risultata forte in particolare per le versioni elettriche di Fiat 500, di Peugeot 208, di Hyundai Kona, di Opel Corsa e di Kia Niro, a cui si è aggiunto il boom della Volkswagen ID.3, l’auto elettrica più venduta in Europa ad agosto.

Loading...

Ad agosto vendite in calo ma non nei primi sei mesi del 2021

Le immatricolazioni di nuove vetture in Europa ad agosto sono state complessivamente 713.714 unità in calo del 18% rispetto allo stesso mese del 2020 e del 33% rispetto al mese di agosto del 2019. Si tratta del volume di vendite più basso registrato ad agosto dal lontano 2014. Il calo totalizzato nel mese scorso non ha tuttavia messo in discussione l’importante crescita fatta registratore nel secondo trimestre dell’anno che ha consentito che il volume da inizio anno rimanesse superiore rispetto al 2020, con 8.095.419 unità immatricolate nei primi sei mesi di quest’anno rispetto alle 7.192.839 unità che sono state immatricolate tra gennaio e agosto del 2020.

Nonostante la crisi dei chip è sempre boom di vendite di elettriche

Secondo la JATO Dynamic la carenza di chip è stata una grave battuta d’arresto per l'industria dell'auto che è ancora alle prese con gli effetti negativi della pandemia. Problemi di produzione e ritardi nella consegna di auto nuove hanno rallentato le vendite e la mancanza di disponibilità dai concessionari sta costringendo molti acquirenti a puntare in prima battuta su vetture usate o nel caso più estremo a ritardare l'acquisto. Nonostante ciò, le vendite degli elettrici e di ibride plug-in stanno continuando a crescere in maniera molto sostenuta.

Sandero anche in agosto è la più venduta in Europa

La Dacia Sandero si è assicurata ancora il primo posto nella classifica generale come auto più immatricolata d’Europa. Nonostante i problemi di disponibilità, la terza generazione della berlina del brand di modelli a prezzi accessibili si sta rivelando un vero successo per Dacia. Le offerte introdotte nel corso dell’anno hanno aiutato questa utilitaria che puntando sul basso basso costo ha aggiunto livelli davvero significativi e impensabili sino a qualche anno fa tanto che è diventata la quinta vettura più venduta in Europa tra gennaio e agosto.

La Vw Golf seconda ad agosto ma prima dall’inizio dell’anno

La Dacia ha superato la Volkswagen Golf, in seconda posizione che ha registrato un calo mensile del 38% su base annua, ma è ancora in testa alla classifica da inizio anno. Anche il suv compatto Duster sempre di Dacia è entrato nella top 5 in quarta posizione, aumentando il suo volume in agosto del 4%. Altri risultati degni di nota includono la Fiat 500 che è stata potenziata dal modello EV, ma anche la Hyundai Tucson e la Bmw Serie 3 che ha superato nella classifica generale alla fine di agosto gli altri modelli premium.

L’analisti sui modelli più in crescita ad agosto

Tra gli ultimi lanci, va segnalato che la tanto attesa Tesla Model Y è entrata nella top 10 della classifica Bev nonostante sia arrivata sul mercato ad agosto. In aggiunta va rimarcato che anche la Ford Mustang Mach E è entrata nella top ten e ancora che la Vw ID.3 si è assicurata la 15a posizione nella classifica generale di agosto. Opel/Vauxhall hanno registrato, poi, 4.900 unità della nuova Mokka, seguiti da Vw con 4.600 unità della ID.4. E ancora Citroen ha immatricolato 4.600 unità della C4, mentre bene è andata la Cupra Formentor con 4.341 unità, seguita dalla Renault Arkana che ha registrato 4.300 unità.

Tesla punta ad aumentare la redditività dei suoi modelli

Secondo gli analisti di Jato Tesla e Volkswagen stanno adottando misure chiare per ridurre i costi di produzione e migliorare la redditività delle loro vetture elettriche. Tesla è come obiettivo che due soli impianti di produzione producano un totale di 900.000 unità entro la fine dell’anno, ovvero l’86% dell’attuale capacità di produzione annuale. La società sta anche assistendo a un aumento della sua redditività e, nel primo trimestre del 2021, i suoi utili prima di interessi, tasse, deprezzamento e ammortamento (EBITDA) sono aumentati del 94% rispetto allo stesso periodo del 2020. Ciò fornisce una buona indicazione che Tesla sarà presto pronto ad ampliare la sua gamma di prodotti e ad adottare misure per il lancio di veicoli elettrici più convenienti.

Volkswagen leader fra le auto elettriche accessibili

Volkswagen sta accelerando i suoi piani di elettrificazione con l’introduzione di diversi nuovi veicoli elettrici. La famiglia ID in particolare è nota per la sua gamma di modelli elettrici in diversi segmenti, che si rivolgono a un’ampia base di consumatori. Attualmente VW ha venduto quasi 6,5 milioni di unità di elettriche nel 2020. Ciò dimostra quanto sia ben posizionata per muoversi al meglio nei settori più popolari di veicoli elettrici grazie anche al programma di unire le sue piattaforme in una piattaforma che ha l’obiettivo di unificare i prodotti VW in un’unica piattaforma per tutti i tipi di auto.

L’analisi sull’andamenti dei prezzi delle vetture elettriche

Sulla base delle recenti rilevazioni di Jato il prezzo dei veicoli elettrici in Cina, il più grande mercato mondiale di questi messi, è diminuito di quasi la metà (47%) dal 2011, i mercati statunitensi ed europei hanno visto aumentare i prezzi degli elettrici nello stesso periodo, rispettivamente del 38% e del 28%. Il successo della Cina nella produzione di veicoli elettrici a prezzi accessibili dipende da una serie di fattori, tra cui la decisione del governo di investire nel mercato interno già nel 2009. Oggi, i consumatori cinesi possono acquistare un nuovo veicolo elettrico per soli 3.700 euro. In netto contrasto, il prezzo medio di un elettrico negli Stati Uniti che si attesta a 36.200 euro, rispetto ai 26.200 euro del 2011. I prezzi medi sono più alti in Europa. A maggio 2021 gli elettrici erano in media il 52% più costosi delle termiche nel Regno Unito e il 54% nei Paesi Bassi, mentre in Germania il prezzo medio di un’Ev è di 39.755 euro rispetto ai 36.979 euro dei temici. L’eccezione è la Norvegia col prezzo medio per i nuovi elettrici di 44.500 euro rispetto ai 53.000 euro delle termiche.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti