ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùChip

Vendite su St dopo delusione Big Tech Usa, ma analisti positivi in vista dei conti

Malcontento per i dati sotto le stime di Microsoft e Alphabet e per la guidance sotto le previsioni sul quarto trimestre di Texas Instruments. Gli esperti però vedono un terzo trimestre solido per il gruppo italo-francese

di Stefania Arcudi

(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Seduta in ribasso per Stmicroelectronics che, con un calo di due punti circa, è in coda al FTSE MIB. Il titolo del gruppo dei semiconduttori sconta la delusione per i conti delle Big Tech americane, a partire da Microsoft e Alphabet, e la guidance deludente sul quarto trimestre di Texas Instruments (-5% nell'after-hours a Wall Street). Tuttavia St riesce ad arginare i ribassi, arrivati in avvio al 3,3% a un minimo di giornata di 34,03 euro per azione, grazie alle attese positive sui conti del terzo trimestre, che saranno pubblicati domani. Al momento le azioni cedono il 2,3% a 34,39 euro.

Come detto, a pesare sul titolo è innanzi tutto la frenata dei tecnologici americani, che vanno verso una seduta complicata a Wall Street. Nell'after-hours Microsoft è arrivata a cedere il 6,7%: nel primo trimestre dell'anno fiscale 2023 gli utili sono calati, pur battendo le stime, e i ricavi sono aumentati, ma hanno deluso i risultati del cloud e non è piaciuto l'annuncio del taglio dell'imminente taglio dell'1% della forza lavoro. Anche Alphabet, la holding di Google, ha riportato utili e ricavi sotto le stime, frenati dai risultati di YouTube, motivo per cui il titolo nel dopo-mercato ha perso il 6,65%. Non è tutto. Sul settore dei semiconduttori pesa anche il fatto che Taxas Instruments, società americana attiva nel design e produzione di chip analogici, ha pubblicato un outlook per il quarto trimestre di 4,6 miliardi di dollari di ricavi, il 7% sotto le attese di consenso (il management ha indicato come cause l'attesa di una minore domanda nel personal electronics).

Loading...

A evitare cali più consistenti del titolo di St, sono le buone aspettative per la trimestrale, che sarà pubblicata domani. «Ci aspettiamo che la società centri la guidance fornita a fine luglio con vendite a 4,2 miliardi di dollari e gross margin del 47%. Riteniamo inoltre che, alla luce dei commenti costruttivi forniti dal management a settembre, sarà confermata la guidance per l'anno fiscale 2022 che vede ricavi in un range fra 15,9 e 16,2 miliardi e un gross margin intorno al 47%», spiega Equita. Inoltre, «l'elevata esposizione transattiva di St dovrebbe consentire di mantenere nel 2023 il gross margin non molto distante dai livelli 2022 (47%) nonostante volumi potenzialmente sotto trend», aggiungono gli analisti.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti