obiettivo isolare i positivi

Veneto come la Corea del Sud: tamponi per tutti, dalle strade ai supermercati

Il Veneto ha attivato uno specifico Piano con l’obiettivo interrompere tutte le possibili catene di trasmissione del virus responsabile di Covid-19

di Marzio Bartoloni

Cosa sappiamo finora del Coronavirus

2' di lettura

Il Veneto come la Corea del Sud, uno dei Paesi più colpiti dal Coronavirus ma in grado di uscirne (i contagi sono in forte calo) grazie a misure di quarantena e soprattutto a un massiccio utilizzo dei tamponi anche sugli asintomatici. In modo da scovare subito i prositivi e isolarli. Hanno fatto il giro del mondo le immagini dei tamponi fatti dai coreani ai semafori.

Ora il Veneto ha deciso di percorrere la stessa strada: i tamponi saranno fatti per strada e fuori dai supermercati.

Loading...
Coronavirus, ecco cosa rischia chi non rispetta i divieti

Tamponi fuori dai supermercati
«Sui tamponi non accettiamo l ezioni da nessuno: sono quello che ha voluto tamponare tutti i cittadini di Vo’ e oggi è un case history», avverte il presidente del Veneto Luca Zaia. Che aggiunge: «Abbiamo un progetto sui tamponi: li faremo anche on the road, fuori dai supermercati, al personale dei supermercati e ad altri perché più positivi troviamo, più ne isoliamo e meno diffusione abbiamo».

«Abbiamo fatto 29 mila tamponi, siamo la comunità che ha fatto più tamponi per milione di abitanti a livello mondiale - rileva ancora il governatore del Veneto - La Corea, di cui tanto si parla, viene dopo i veneti per numero tamponi». E in effetti già oggi arrivano segnalazioni in Veneto, in particolare da Padova, dei primi tamponi effettuati dal personale sanitario fuori dai supermercati.

Coronavirus: ecco tutte le regole nei luoghi di lavoro

Interrompere tutte le catene di trasmissione
La sanità della Regione Veneto - avverte l’assessorato alla Sanità - ha attivato uno specifico Piano di Sanità pubblica con l’obbiettivo interrompere tutte le possibili catene di trasmissione del virus responsabile di Covid-19 basato sulle seguenti strategie: innanzitutto individuare tutti i possibili casi sospetti, probabili e confermati perché «dalla ricerca puntuale di tutti i casi confermati, sarà possibile avviare le conseguenti inchieste epidemiologiche ed intervenire con le disposizioni di isolamento domiciliare e quarantena».

Poi effettuare un’approfondita indagine epidemiologica per individuare tutti i possibili contatti: ad ogni caso sospetto, probabile e confermato, i Servizi di igiene sanità pubblica delle Asl «provvedono ad effettuare un'accurata indagine epidemiologica procedendo per centri concentrici ed allargando, per ogni singolo caso, la ricerca all'individuazione oltre che di tutti i possibili contatti “stretti” (familiari e lavorativi) anche di tutti i contatti occasionali (anche definiti come “non stretti” o a basso rischio)». Infine il piano prevede di «disporre, per tutti i contatti, le misure di quarantena e isolamento domiciliare fiduciario».

PER APPROFONDIRE
Coronavirus, ecco chi sono le vittime: letalità al 5,8%, età media dei decessi 79,4 anni
Coronavirus, Roma città chiusa: parchi serrati e spiagge presidiate

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti