ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùprimo space sgr

Venture capital, nasce in Italia il primo fondo per investimenti «spaziali»

Il nuovo fondo d’investimento aiuterà le startup e le pmi italiane che si stanno impegnando nella New Space Economy

di Leopoldo Benacchio

Spazio, il ministro Manfredi: accelerazione sulla Space economy

Il nuovo fondo d’investimento aiuterà le startup e le pmi italiane che si stanno impegnando nella New Space Economy


2' di lettura

Buone notizie italiane, cattive notizie europee Iniziamo dall'amaro: rifilati, e non poco, i già bassi impegni della UE nel settore spazio. Si sperava in un bilancio comunitario che permettesse la cifra di 16 miliardi nel periodo 2021-2027 e invece, per questo comparto chiave dello sviluppo nel prossimo futuro, molto prossimo, non si arriverà neppure a 14.
A fronte di questo incomprensibile atteggiamento comunitario qui da noi parte, per fortuna, dopo lunga gestazione Primo Space sgr, fondo specializzato di venture capital in campo spaziale.

Apripista in Italia

È il primo strumento italiano di questo genere e ce ne è un gran bisogno, dato che, come dimostra ampiamente l'esperienza americana, qui è l'idea che conta, oltre alla capacità di fare, ma occorre guardare avanti, molto avanti ed essere visionari, pur coi piedi ben piantati. In Italia è il primo, sono tre in Europa, gli altri sono in UK e Lussemburgo, ma quest'ultimo investe in Usa. Parterre de Roi per far partire la Sgr, che chiude, come si dice in gergo, a fine mese: Primo Space, che ha goduto anche dell'appoggio dell'European Investment Fund, FEI, beneficia infatti del know how di Asi, l'Agenzia spaziale italiana e della Fondazione Amaldi, Roma, che promuove e sostiene la ricerca finalizzata al trasferimento tecnologico.

Grande soddisfazione per il Commissario Ue Paolo Gentiloni, per Enrico Resmini, CEO e DG di CDP Venture Capital SGR – Fondo Nazionale Innovazione e Francesco Profumo, Presidente della Compagnia di San Paolo, che ha messo anche lei a disposizione i capitali per far partire il fondo.
La visibilità sul futuro, secondo Gianluca Dettori, Presidente della Sgr, deve stare nell'intervallo 1- 5 anni e l'idea è intervenire soprattutto negli stadi iniziali di sviluppo delle startup selezionate, accompagnandole nelle prime, più difficili fasi.

Fondi per la filiera dello spazio

In Italia abbiamo tutta la filiera dello spazio: costruiamo i vettori europei Vega e ogni tipo di satellite, siamo in prima fila come costruttori della Stazione spaziale internazionale e fra i pochi a garantire, da sempre, ricezione e distribuzione dati dallo spazio e siamo in pool position nel campo della elaborazione dei dati provenienti dai satelliti.
Sarebbe ben strano che le 500 e passa startup e pmi che si stanno impegnando al massimo nella New Space Economy non avessero un supporto come questo.
Si parla di 80 milioni a regime, oggi si arriva a 58, con cui si investirà anche nel campo che ha maggior interesse in questo momento: le applicazioni terrestri, per il controllo dei mezzi al suolo e per mare e aria, nell'agricoltura, nella gestione delle scorte, ma anche qui la lista sarebbe infinita.
«Oggi è possibile a una media organizzazione, con una cifra accessibile, farsi una propria infrastruttura satellitare di dati criptati, per mantenere le informazioni all'interno dell'organizzazione, cosa fino a pochi anni fa improponibile», fa l'esempio Dettori, fra parecchi altri che ci ha fornito.
Ma è solo l'inizio: i tanti campi che stanno emergendo, dai prossimi voli suborbitali allo sfruttamento delle risorse minerari di corpi celesti, asteroidi in testa, richiedono nuove tecnologie e investimenti per svilupparle.


Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti