Cinema

Verde Giffoni, uno spinoff «green» per il Giffoni Film Festival

Dal 27 al 30 aprile a Giffoni Multimedia Valley film, dibattiti e concerti rivolti al pubblico dai 14 ai 25 anni. Tutti sul futuro del nostro pianeta

Verde Giffoni: quattro giorni dedicati all'ambiente e ai ragazzi

3' di lettura

Dal 27 al 30 aprile il Giffoni Film Festival diventa green: si chiama «Verde Giffoni - Youth for the Present» l’iniziativa rivolta alla salvaguardia del Pianeta e destinata alla Generazione Z nata in seno alla kermesse dedicata al cinema per i ragazzi. Quattro giorni all’insegna della sostenibilità, non esclusivamente ambientale ma intesa anche nelle sue accezioni sociali ed economiche, declinata attraverso cinema, cultura, comunicazione, musica e innovazione. Verde Giffoni vuole dare un contributo autentico al cambiamento, partendo dalle esigenze, i dubbi e le speranze dei ragazzi.

Il senso della manifestazione

La tutela dell’ambiente ha sempre contraddistinto Giffoni: un lavoro mirato, cominciato anni fa, con un codice etico capace di ridurre al minimo l’impatto delle varie iniziative organizzate sul territorio, attraverso scelte commerciali e di consumo sostenibili. Nel triennio 2018-2020 la scelta di dare continuità a tutto questo: acqua, aria, terra sono diventati i tre elementi fondamentali che hanno guidato le diverse edizioni del festival, con attività mirate ed esperti capaci di rispondere alle domande dei giurati. Il 2022 si apre con un nuovo grande evento, Verde Giffoni appunto, pronto a dar voce a circa 400 ragazze e ragazzi, dai 14 ai 25 anni provenienti da tutt’Italia, chiamati a confrontarsi con esperti di tematiche ambientali, artisti impegnati per la tutela del Pianeta ma anche uomini e donne che si occupano di psicologia, filosofia, ricerca scientifica e innovazione.

Loading...

Tra cinema e musica

I film saranno divisi in due sezioni, «In&Out Society» e «Futura» (quest’ultima aperta al pubblico) e proveranno a fornire un quadro chiaro su ecologia, ambiente, salvaguardia dell’ecosistema e degli animali. E ancora la musica tornerà a essere protagonista: in programma, ogni sera, showcase con gli artisti più amati dai ragazzi. Un’occasione di condivisione e spensieratezza per tornare a vivere emozioni dal vivo in piena sicurezza: tra gli ospiti in cartellone, lato musica, Matteo Romano (28 aprile), Dargen D’Amico (29 aprile) e The Kolors (30 aprile).

I film selezionati

Tra i film proposti al pubblico dell’evento ci sono gli italiani Man Kind Man di Iacopo Patierno, dedicato alle tartarughe Caretta Caretta spiaggiate sulle coste del Lazio e One Earth - Tutto è connesso di Francesco de Augustinis sulla produzione iper intensiva di suini in Cina. Tante le candidature di opere internazionali, tra le selezionate Above Water di Aissa Maiga (Francia/Belgio, 2021), la storia della quattordicenne Houlaye che ogni giorno percorre chilometri e chilometri per portare acqua alla sua famiglia nel Nord del Niger; Ginger’s Paradise di Alejandro Quiroga (Bolivia), incentrato sulla scelta coraggiosa del musicista statunitense Christopher e della sua compagna Sol di gestire un eco-albergo nella giungla boliviana affrontando le insidie della natura; Hell or clean water di Cody Westman (Canada) che vede protagonista il subacqueo Shawn Bath intento a ripulire il fondo dell’oceano dai rifiuti; Holgut di Liesbeth De Ceulaer (Belgio) sullo scioglimento del permafrost siberiano. Animal di Cyril Dion (Francia) è il racconto di due adolescenti alla ricerca di un nuovo modo di vivere con le varie specie animali. Dead sea guardians di Ido Glass e Yoav Kleinman (Israele) si basa sull’eroico viaggio compiuto da un israeliano, un giordano e un palestinese per salvare il Mar Morto dalla scomparsa.

Il futuro (cinematografico) del mondo

Quale mondo ci aspetta se non iniziamo a rispettare il Pianeta? A questa domanda vuole provare a rispondere, poi, la sezione Futura, quattro serate aperte al pubblico con i cult del cinema fantascientifico. In Sala Verde, a partire dalle 20.30, saranno proiettati: L’esercito delle 12 scimmie di Terry Gilliam; I figli dei primi uomini di Alfonso Cuarón; il film d’animazione Wall.E di Andrew Stanton e Sopravvissuto - The Martian di Ridley Scott.

«Verde Giffoni - spiega il managing director di Giffoni, Jacopo Gubitosi - rappresenta la nostra nuova sfida e rientra perfettamente nel processo creativo che, da 52 anni, fa di Giffoni un caso unico al mondo. Un festival cinematografico capace di evolversi e dare voce alle nuove generazioni su tematiche che rappresentano, in particolare per i ragazzi, delle vere e proprie urgenze. La sostenibilità ne è una parola chiave».


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti