AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca e sfrutta l'esperienza e la competenza dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni. Scopri di piùElezioni amministrative

Ballottaggio Verona, perché è importante la sfida Tommasi-Sboarina (Tosi terzo incomodo)

Tra tutti i comuni in cui si vota domenica il caso più interessante è quello della città scaligera. Il ballottaggio vede in campo Damiano Tommasi, candidato civico, sostenuto da tutti i partiti del campo largo e il sindaco uscente Federico Sboarina, sostenuto da Fdi e dalla Lega. Il terzo incomodo è Flavio Tosi

di Roberto D'Alimonte

Scontro Sborina-Tosi, Salvini: " A Verona errore madornale, intervenga Meloni"

3' di lettura

Tra tutti i comuni in cui si vota domenica il caso più interessante è Verona. Il ballottaggio vede in campo Damiano Tommasi, candidato civico, sostenuto da tutti i partiti del campo largo (compresi Azione e M5s) e il sindaco uscente Federico Sboarina, sostenuto da Fdi e dalla Lega. Il terzo incomodo è Flavio Tosi, sindaco dal 2007 al 2017, che si è presentato con diverse sue liste e l’appoggio di Forza Italia. Al primo turno Tommasi ha preso 43.102 voti (39,8%), Sboarina 35.405 voti (32,7%) e Tosi 25.866 (23,9).

Verona è una città sostanzialmente di destra. Insieme a Treviso è la più destrorsa delle città venete. L’ultima volta che il centro-sinistra ha vinto qui è stato nel 2002. Potrebbe succedere di nuovo questa volta per due ragioni.

Loading...

La prima è la divisione del centro-destra. Se Tosi avesse appoggiato Sboarina già al primo turno o se lo facesse ora, per Tommasi la partita sarebbe molto più incerta. L’ex sindaco è un personaggio particolare. Era nella Lega Nord. Ha sfidato Salvini per la segreteria federale e ha sfidato Zaia per la presidenza della regione Veneto. Ha perso su entrambi i fronti e nel 2015 è uscito dalla Lega. Da allora ha giocato una sua partita personale come terzo polo della politica scaligera. Non potendosi ripresentare per un terzo mandato, nel 2017 ha creato una sua coalizione candidando a sindaco l’allora compagna e senatrice della Lega Nord, e oggi moglie, Patrizia Bisinella. Ha preso il 24,2% (contro il 23,9% di oggi) arrivando al secondo turno, ma ha perso contro Sboarina che si è presentato con l’etichetta di civico mentre oggi è di Fdi. Il centro-sinistra di allora si è fermato al 21,8% (contro il 39,8% di oggi).

Nei giorni scorsi, subito dopo essere rimasto escluso dal ballottaggio, Tosi ha aderito a Forza Italia diventandone un punto di riferimento regionale ma ovviamente con ambizioni nazionali. Ha offerto a Sboarina l’apparentamento al secondo turno per non essere accusato di tradire il centro-destra cui Forza Italia per ora appartiene. Ma Sboarina non ha accettato la proposta bollandola come manovra di palazzo. Dire che tra Tosi e il sindaco uscente non corre buon sangue è un eufemismo. È un altro caso in cui politica e antropologia sono indissolubilmente legate. Cosa farà Tosi domenica non lo ha detto pubblicamente, cosa faranno i suoi elettori deciderà l’esito del voto.

La seconda ragione per cui il centro-sinistra può vincere dopo venti anni è Tommasi stesso. Anche a Verona c’è voglia di nuovo. Il vento del cambiamento spira contro chi ha già governato e non gode di grande popolarità. È il caso di Sboarina. È un vento che è difficile contrastare, soprattutto quando trova una figura che viene percepita come diversa e attraente. Questo è il caso di Tommasi. Al primo turno la sua lista civica ha preso da sola il 16% dei voti. L’ex calciatore del Verona e della Roma è un cattolico praticante (con sei figli) in una città dove la religione conta ancora. Tanto che il vescovo dimissionario e conservatore non ha esitato a scendere in campo non proprio a suo favore. Viene percepito a destra e a sinistra come una persona per bene. Non ha mai fatto politica. A Verona ha lavorato nel sociale. Ha fatto una campagna elettorale sotto voce, senza urla e proclami altisonanti. Solo in questi ultimi giorni si è messo a girare la città quartiere per quartiere accompagnato da un gruppo di sostenitori tutti in maglietta gialla. Per sperare di vincere ha bisogno di portare a votare tutti quelli che lo hanno votato al primo turno, ma per essere sicuro di vincere deve poter contare su una parte dei voti che sono di Tosi.

È certamente la carta migliore che il centro-sinistra potesse mettere in campo. È il tipo di carta che dovrebbe mettere in campo a livello nazionale per essere competitivo. Azzardiamo una previsione: se Tommasi vincerà domenica e se farà bene come sindaco a Verona, prima o poi lo vedremo giocare un ruolo rilevante a Roma. Sarebbe un ritorno in alta veste.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti