Emergenza Covid

Nuovo decreto anti-Covid, il coprifuoco resta alle 22: la Lega si astiene in Cdm

Draghi tiene il punto: no allo spostamento dalle 22 alle 23, come chiesto dai ministri del Carroccio, dell’orario di inizio del coprifuoco. Le modifiche: ripartenza delle fiere anticipata al 15 giugno e scuole superiori almeno al 70% in presenza in zone gialle e arancioni

Aggiornato il 22 aprile 2021, ore 12:16

Salvini: lavoriamo per ristoranti al chiuso e stop coprifuoco

4' di lettura

Il nuovo decreto anti Covid con il calendario delle riaperture è stato varato dal Cdm. C’è stata battaglia su almeno due punti: lo spostamento dell’inizio del coprifuoco dalle 22 alle 23 e l'apertura dei ristoranti al chiuso almeno da metà maggio invece che dal 1° giugno. Sul coprifuoco il leader della Lega Matteo Salvini ha continuato a battere insieme alle Regioni (guidate soprattutto dal governatore del Veneto Luca Zaia, da quello della Liguria, Giovanni Toti e del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga). Ma il premier Draghi ha tenuto il punto dicendo no all'allungamento. Il coprifuoco alle 22 sarà mantenuto almeno fino al primo giugno. Dopo potrebbe essere valutato, in base ai dati epidemiologici, un nuovo provvedimento per farlo partire dalle 23. Non a caso, dopo aver parlato con il premier, Salvini ha fatto sapere che probabilmente un nuovo decreto arriverà «entro una quindicina di giorni». Fonti del governo parlano di «tagliando a metà maggio» e confermano che «se i dati epidemiologici lo permetteranno il coprifuoco alle 22 non è destinato a restare fino al 31 luglio», termine di scadenza del decreto.

Tagliando a metà maggio su misure decreto

Confermata anche l’apertura dei ristoranti al chiuso solo dal primo giugno. Di qui l’astensione dei ministri della Lega in Cdm sul provvedimento. «Non potevamo votare un decreto che continua a imporre chiusure, coprifuoco, limitazioni» ha detto il leader del Carroccio Matteo Salvini. È previsto tuttavia un 'tagliando' al decreto legge a metà maggio, per valutare la sussistenza di presupposti per allentare eventualmente le misure nel caso che i dati epidemiologici lo permettano.

Loading...

Le modifiche su fiere e scuola in presenza alle superiori

Pochissime nel testo finale le modifiche. Tra queste, la ripartenza delle fiere è stata anticipata al 15 giugno. Mentre la flessibilità sul 100% in presenza nelle scuole superiori in zona gialla e arancione potrà scendere al 70% (rispetto al 60% testo iniziale).

Gli attacchi della Lega

Una decisione quest’ultima duramente criticata dal Presidente della Conferenza delle Regioni Massimiliano Fedriga, che tuonato: «L'aver cambiato in Consiglio dei ministri un accordo siglato dalla Conferenza delle Regioni con i Comuni tramite Anci e con le provincie tramite Upi» sulla presenza di studenti a scuola è «un precedente molto grave» che ha «incrinato la reale collaborazione tra Stato e Regioni». Di qui la decisione di convocare nel pomeriggio una seduta straordinaria della Conferenza delle Regioni. Sulla stessa linea il leader del Carroccio Matteo Salvini: «Il Decreto purtroppo ha avuto solo una modifica, quella che ha aumentato dal 60 al 70% la presenza in classe obbligatoria degli studenti. Il governo ha disatteso l'accordo raggiunto con gli enti locali, mettendo in difficoltà presidi, sindaci e studenti: migliaia di studenti ammassati sui mezzi pubblici non sono un problema e non corrono rischi, mentre due persone in palestra o al bar rappresentano un problema. Perché?».

Il calendario di aprile

In attesa del testo definitivo, non sono previste particolari modifiche rispetto al testo iniziale. Dal 26 aprile verrà ripristinata la zona gialla dopo oltre un mese di stop. In tutti i territori classificati in questa area - anche tra regioni - ci si potrà spostare liberamente senza green pass o autocertificazione, mentre per spostarsi da o verso regioni rosse o arancioni servirà il pass (rappresentato dal certificato vaccinale, di negatività al tampone o di guarigione dal Covid). Sempre in zona gialla sarà possibile pranzare o cenare solo nei luoghi di ristorazione con tavoli all'aperto. E riapriranno i musei, mentre gli eventi in teatri, sale da concerto, cinema, club saranno svolti solo con posti a sedere preassegnati con distanza di almeno un metro; la capienza non può essere superiore al 50% di quella massima, ma con un tetto di 1.000 spettatori all'aperto e 500 al chiuso. Ancora in zona gialla riprendono gli sport di contatto come il calcetto.

Le riaperure a maggio dalle piscine alle spiagge

Dal 15 maggio riapriranno in zona gialla le piscine all'aperto e gli stabilimenti balneari. Nonché, anche nei giorni festivi, i mercati e i centri commerciali.

Allo stadio dal 1° giugno

Dal 1° giugno in zona gialla si potranno frequentare le palestre al chiuso. Potranno aprire ma solo a pranzo anche i locali che hanno spazi al chiuso. Non si esclude del tutto che la misura possa essere estesa anche per la cena. Sempre in zona gialla, dal primo giugno si potrà andare a eventi sportivi di livello agonistico negli stadi o palazzetti con presenza non superiore al 25% della capienza e comunque non più di 1.000 spettatori all'aperto e 500 al chiuso. Da giugno potrebbero essere rivalutate, con una delibera, le disposizioni sul coprifuoco, che resta attualmente previsto alle 22: a seconda dei risultati dell'analisi della situazione epidemiologica, la misura potrebbe 'slittare' alle ore 23 o essere eliminata.

Fiere al via dal 15 giugno

Il 15 giugno, sempre in fascia gialla riapriranno le fiere. Via libera dal 1° luglio a convegni, congressi e parchi tematici di divertimento in zona gialla, oltre alle attività dedicate al benessere all'interno dei centri termali.

Le visite in zona gialla e arancione

Confermata anche la possibilità dal 1° maggio al 15 giugno di visitare un’abitazione privata, una volta al giorno, nel limite di 4 persone (e non più due) in zona gialla o arancione, in quest’ultimo caso solo all'interno del Comune.

Il pressing delle Regioni

Sono state respinte dunque al mittente le richieste di modifica della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. A partire dalla riapertura dei ristoranti sia al chiuso che all'aperto e dalla ripresa delle attività individuali in palestra al chiuso e in piscine all'aperto, già a partire dal 26 aprile. I governatori chiedevano anche «la riapertura del settori wedding e l'avvio anticipato, rispetto a quanto disposto in bozza, dei mercati, l'uniformazione delle date di riapertura degli spettacoli all'aperto e degli eventi sportivi all'aperto»

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti