Formula 1

Verstappen eroe in casa, Mercedes in leggero recupero. Sorpresa competitività Ferrari

Verstappen vince il Gp della Stiria, ottava prova del Mondiale di Formula 1 sul circuito di casa della Red Bull, e allunga in testa alla classifica su Lewis Hamilton, secondo al traguardo.

di Alex D'Agosta

F1, GP Stiria: trionfo di Max Verstappen

3' di lettura

Sembrava un’altra gara abbastanza scontata e con poca storia. Beh, almeno il conduttore del trenino di monoposto più veloci del mondo non era tuttavia il “solito” Hamilton. Perché, da un po’ di gare a questa parte, il leader si chiama Verstappen. Che ha vinto e convinto, senza sbavature, senza errori, senza problemi, senza incidenti. Nell’arco di un mesetto è diventato il vero leader empatico di questa stagione. Ma anche il leader effettivo, numeri alla mano, di questa Formula 1 2021, almeno sino a questo punto. Sia dei singoli gran premi, sia della classifica mondiale piloti e, con il suo team, anche dei costruttori: rispettivamente 12 e 37 punti di vantaggio prima di questa domenica.

Con la prestazione odierna nuovamente maiuscola del giovane olandese, il gap fra i piloti aumenta ancora e, psicologicamente, porta bene in vista del prossimo GP, che si correrà nuovamente sulla stessa pista, cambiando però la denominazione: oggi era la gara della Stiria, la prossima sarà quella nazionale dell’Austria.

Loading...

Il Grosser Preis der Steiermark 2021 ha visto quindi sul podio Verstappen primo senza grossi patemi d’animo, mentre dietro di lui ha tagliato traguardo un Hamilton mai capace di andarlo a prendere e un Bottas per una volta “fortunato”. Il finlandese più sotto ai riflettori si è ritrovato al terzo posto in parte anche a causa delle sfortune altrui. Poteva e doveva essere il posto di Perez, oggi, quello in fondo al podio. E forse anche di qualcun altro. Se non fosse per il gap accumulato, infatti, aveva guidato molto bene anche Norris, ma la tenuta sul passo gara non è stata delle più efficaci: comunque un buon sesto posto. E, purtroppo per l’Italia, sempre “troppo superiore” rispetto al suo compagno di team: Ricciardo, infatti, particolarmente simpatico alle nostre latitudini grazie ai suoi genitori nati in Calabria e in Sicilia, ogni domenica è sempre meno costante e meno vicino allo stesso numero di punti del giovane e promettente inglese.

Una Ferrari inaspettata

D’altri tempi, con un sesto e un settimo ci si poteva anche lamentare. O almeno si poteva scegliere se vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. Si poteva lamentarsi con il team. Specie dopo i proclami recenti di guardare solo al 2022. Però qualcosa, bisogna dirlo, ha funzionato. Qualcosa ha lasciato un po’ respirare i tifosi. Si è visto Leclerc girare con un passo gara importante, quasi maestoso. Si è visto Leclerc crederci, arrabbiarsi, mostrare che è un pilota che merita davvero quel posto in rosso. Si è visto Leclerc recuperare come un forsennato le posizioni perse a seguito di un incidente alla prima curva a questo punto “maledetto”, perché dopo, la rabbia, la capacità, la tenacia, lo hanno mostrato gasato, tonico e in piena forma, senza ulteriori sbavature e capace di recuperare posizione su posizione.

Una grinta che gli ha permesso di lottare ed emozionare quando si è trattato di superare i campioni del mondo del passato che si è trovato davanti: Raikkonen, Vettel e Alonso. Bei sorpassi con “scazzottate” come non si vedeva da tempo. Nella soddisfazione di questa giornata in rosso, c’è anche un po’ di matematica: quattro punti recuperati sulla McLaren, causa come accennato un Ricciardo troppo “mediocre” e un Sainz insolitamente brillante, nonostante una partenza molto arretrata a seguito di una brutta qualifica.

Il punto della disperazione Mercedes

Hamilton, che rientra a fine gara per mettere le gomme fresche, serve non solo a rompere le uova nel paniere e togliere la soddisfazione all’odiato olandese della tripletta pole, miglior giro in gara e vittoria. Si tratta proprio di pura economia di campionato. Gara solitaria – spiega Hamilton alla fine – e dichiara che è impossibile al momento tenere il loro passo. Da qui anche il punticino in più si denota quanto sia prezioso.

Sale a 18, infatti, il distacco da Verstappen nel mondiale piloti. E sale pure il bilancio a favore di Red Bull anche nei costruttori, ora a quota 40 punti. Insomma, secondo e terzo non vuol dire niente: non è male ma sono dietro. Sono secondi. Non sembrano più la forza indiscussa, il team inarrivabile degli anni scorsi. Contemporaneamente, si è vista la gara migliore dell’anno per il team dei “bibitari”. Che potrebbe duplicarsi fra una settimana. Ora la quota di vittorie consecutive di Max è a quota quattro, come non accadeva dai tempi dello stradominio di Vettel. E come non accadeva ai motori Honda dai tempi di Senna. Sarà un anno di cambiamento?

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti