Sport

Via al Sei Nazioni di rugby, fuori casa vincono il Galles e due «Italie»

di Giacomo Bagnasco

default onloading pic
Sei Nazioni - George North (Reuters)


3' di lettura

Fattore campo sconosciuto: il Galles passa in rimonta a Parigi mentre in Scozia le due Nazionali italiane impegnate fanno il pieno. Il Sei Nazioni - declinato al maschile con seniores e Under 20, ma anche al femminile - apre il salone delle feste e il venerdì sera ci regala belle soddisfazioni.

Nel torneo “principale” la Francia paga ancora un tributo alla maledizione delle sconfitte di misura (furono tre nell'edizione 2018) e aggiunge al proprio carico di frustrazioni il fatto di avere buttato via un bel vantaggio: il Galles - terzo nel ranking mondiale e annunciato in gran forma - era sotto 16-0 a metà gara e si è imposto 24-19 soprattutto grazie a un paio di regali dei padroni di casa.

Gli uomini di Jacques Brunel non meritavano di perdere e avevano piantato bene i paletti per arrivare al successo. Nonostante tre errori nei calci fermi di Parra, si erano portati avanti con autorevolezza: la meta di forza di Picamoles dopo un'azione in dieci fasi e la manovra al largo con la firma in velocità di Huget liberato da Iturria fruttavano due mete cui si aggiungevano un piazzato e un drop di Lopez. Per il Galles due punizioni fallite da Anscombe e una meta sfumata all'ultimo centimetro, quando Liam Williams si faceva sfuggire il pallone dopo uno slalom di lusso: nessuno se n'era accorto a occhio nudo ma la prova tv ha cambiato il verdetto.

Nella ripresa il Galles impiega meno di un quarto d'ora per rientrare in partita. Prima un pezzo di bravura di Adams che trova il corridoio giusto per bucare la difesa e mandare in meta Tomos Williams, poi il primo regalo dei Bleus: Huget non controlla il pallone a terra su calcio a seguire di Parkes e lo lascia in pratica sulla linea di meta, infiocchettato per North che arriva e schiaccia oltre la linea. Fa 16-14, con la Francia ancora davanti ma scossa e con problemi derivati dalla mischia chiusa. E il sorpasso arriva proprio in questa fase: punizione e pallone calciato in mezzo ai pali da Biggar, sostituto di Anscombe. Il pacchetto francese si riscatta e la Francia torna davanti con un penalty di Lopez, poi a 10 minuti dalla fine il seconda linea Vahaamahina si improvvisa trequarti e inventa il più scriteriato dei passaggi. Una trasmissione lunga in mezzo al campo è intercettata da North che vola in meta, Biggar non può sbagliare la trasformazione, i Rossi vanno sul 24-19 e il risultato non cambia più.

Sono state invece due mete negli ultimi minuti a impreziosire le vittorie delle selezioni azzurre in Scozia. Già avanti nel punteggio, sia le ragazze (con Elisa Giordano) sia gli Azzurrini (con Jacopo Trulla) hanno ottenuto nel finale la marcatura che frutta il punto di bonus supplementare. Quinta vittoria di seguito per l'Italia femminile di Andrea Di Giandomenico: un 28-7 maturato nel secondo tempo anche grazie al carattere e alla difesa, che ha tenuto anche quando per due espulsioni temporanee si è trattato di giocare in 13 contro 15. Gli Under 20 di Fabio Roselli sono quasi sempre stati in vantaggio ribaltando quasi subito il sorpasso scozzese a inizio ripresa. Il finale di 32-22 è un bel premio e, se vogliamo, anche un auspicio in vista del match odierno dei “fratelli maggiori”.

LA PARTITA
Francia-Galles 19-24 (primo tempo 16-0). Per la Francia: 2 mete (Picamoles, Huget), 2 calci piazzati (Lopez), 1 drop (Lopez). Per il Galles: 3 mete (North 2, T. Williams), 1 calcio piazzato (Biggar), 3 trasformazioni (Anscombe 2, Biggar). Calci fermi: Parra 0 su 3, Lopez 2 su 3; Anscombe 2 su 4, Biggar 2 su 2
GLI ALTRI MATCH DEL PRIMO TURNO*
Oggi: Scozia-Italia (ore 15.15); Irlanda-Inghilterra (ore 17.45)
* diretta televisiva su DMax

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...