L'apertura

Via della Seta, la Cina prova a rassicurare sul rischio debito

di Gianluca Di Donfrancesco


Dove passera' la Via della seta

3' di lettura

Nulla deve disturbare la grande cerimonia della Nuova via della seta, organizzata da Pechino per celebrare «il progetto del secolo», lanciato dal presidente Xi Jinping nel 2013. E con essa lo strapotere politico, economico e culturale della Cina: 37 capi di Stato e di Governo sono stati convocati nella capitale per partecipare al secondo Belt and Road forum , dopo quello del 2017. Nessuna nube deve oscurare il cielo di Pechino, men che mai l’allarme sulla sostenibilità finanziaria di un progetto che mette alle corde i partner più deboli e ne spinge alcuni, come Malesia e Thailandia, a ridimensionare o cancellare gli impegni.

GUARDA IL VIDEO / Via della seta, Xi: «Standard finanziari di qualità»

Così, ieri, il ministro delle Finanze Liu Kun ha provato a mostrare il volto gentile del regime. Pechino, ha assicurato Liu, adotterà forme di finanziamento «stabili e sostenibili», in cooperazione con banche e istituzioni multilaterali. Per evitare che partecipare alla Bri porti al collasso delle finanze pubbliche. Come sta succedendo al Pakistan, Paese centrale nella Belt and Road Initiative (Bri), con progetti per 90 miliardi di dollari, e al tempo stesso costretto a chiedere il salvataggio dell’Fmi. Altro caso eclatante è lo Sri Lanka: il Governo non riesce a ripagare il debito contratto per i lavori sul porto di Hambantota e la società cinese che li ha realizzati ne ha “confiscato” le operazioni per 99 anni.

PER SAPERNE DI PIÙ / Via della seta, il piano dell'Europa per arginare l'influenza della Cina

Gran parte delle opere della Bri sono realizzate da aziende di Stato cinesi e pagate dai Paesi che li ospitano, attraverso prestiti contratti con banche cinesi. Molti di questi Paesi, spesso economie in via di sviluppo con finanze deboli e vulnerabili alla corruzione, fanno fatica a ripagare il debito. Parte degli accordi, inoltre, sono coperti da segreto.

L’INTERVISTA / Tremonti: «La Via della Seta? Per la Cina è progetto geopolitico globale»

Le banche cinesi hanno erogato prestiti per 440 miliardi di dollari per finanziare porti, aeroporti e strade della Bri. Altri 75 miliardi sono stati raccolti attraverso obbligazioni.

GUARDA IL VIDEO / Italia e Cina firmano Memorandum su Via della Seta

Pechino teme che le proteste dei leader asiatici e africani guastino il clima del forum. Ecco allora le parole del ministro Liu. Precedute da un segnale distensivo più concreto. Secondo quanto annunciato giovedì da Addis Abeba, la Cina ha condonato gli interessi vantati nei confronti dell’Etiopia per il 2018.

Nelle intenzioni del regime, attraverso la nuova Via della seta deve passare, insieme alla forza economica e politica della Cina, anche la legittimazione della sua leadership. Le basi, insomma, di una ambita egemonia culturale. Così come è stato con il piano Marshall per gli Stati Uniti, la Bri serve anche a costruire quello che nelle relazioni internazionali si chiama soft power: a proiettare l’immagine di Pechino come punto di riferimento benevolo, al quale allinearsi di buon grado. Uno sforzo già proibitivo per un regime autoritario (perfino in un’epoca di fascinazione per i leader forti) e che diventerebbe vano se gli investimenti nella Bri si rivelassero «trappole del debito», come alcuni avvertono.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti