Viaggi24

Week end in Alta Provenza: da Cannes alle fioriture di lavanda…

  • Abbonati
  • Accedi
IDEE DI VIAGGIO

Week end in Alta Provenza: da Cannes alle fioriture di lavanda (c'è tempo fino a oltre metà agosto)

Il mix in viaggio è sempre la scelta vincente. Perché allora non approfittare di un lungo weekend d'agosto per unire un tocco di jet set ai paesaggi impressionisti dei campi di lavanda in fiore, passando dalla mecca della produzione dei profumi a livello mondiale? Quattro giorni sono l'ideale per soddisfare i cinque sensi. Eccoci pronti allora per partire alla volta dell'instancabile Cannes, far rotta su Grasse e continuare alla volta di Aix-en-Provence, Apt, Forcalquier e spingersi fino a Plateau d'Albion, quell'Alta Provenza dove lo spettacolo della lavanda in fiore continua fino e oltre la metà di agosto.

Cannes
La location del Festival du Cinema può essere non solo la base di partenza, ma anche fonte continua di piacevoli sorprese. La passeggiata sulla Croisette è d'obbligo. Il senso della vista si appaga sbirciando le vetrine delle famose boutique frequentate dal jet set internazionale, ma anche ammirando le forme architettoniche degli hotel vista mare più famosi. Il consiglio è di iniziare la giornata con la sontuosa colazione del Carlton, il cui buffet aperto fino a tarda mattinata soddisfa non solo la vista, ma anche i palati più esigenti. Prenotate in anticipo un tavolo nella terrazza all'aperto e godetevi, oltre ai flute di champagne, il salmone e ogni tipo di pane e croissant, il via vai degli ospiti di uno degli hotel più gettonati al mondo. L'edificio che ospita le oltre 340 camere e suite di lusso fu costruito tra il 1909 e il 1913 dagli architetti Charles Dalmas e Marcellin Mayère. E' stato lo scenario del video del 1983 di “I'm still standing” di Elton John e, ancor più famoso, di “Caccia al ladro” con Grace Kelly e Cary Grant. Una curiosità: le due torri dell'edificio, una a ciascun lato guardando il mare, si dice siano state volute per iconizzare i seni di Caroline Otero (la bella Otero), la più famosa cortigiana della riviera francese. Da non perdere anche un'occhiata al Martinez, in perfetto stile Art Deco, aperto nel 1929 e più volte entrato nelle classifiche delle camere d'albergo più costose al mondo per la sua Penthouse Suite. Tutta la passeggiata dal Martinez al Palais des Festivals è comunque un omaggio allo stile Art Deco, più o meno interpretato. Una foto al Palais e uno sguardo alle impronte degli attori del presente e del passato è quasi irrinunciabile, prima di imbarcarsi per la visita dell'isola di Santa Margherita, nella baia di Cannes. Un vero e proprio tuffo nella natura, quasi insospettabile dai rumori della Croisette e della Rue d'Antibes: le auto sono vietate e si può girare a piedi o in bicicletta. In questo caso il profumo della macchia mediterranea e del mare appagano anche il nostro senso dell'olfatto. L'ile de Sainte Marguerite, coperta da una ricchissima vegetazione e percorsa da sentieri che la attraversano e che conducono alle calette lungo le coste, è davvero un'oasi naturale dove ci si può riposare nel silenzio dei boschi o immergersi in un mare pulitissimo. L'escursione di solito prevede anche l'ile de Saint Honorat, con la presenza del monastero e dei monaci che vi risiedono e lavorano. E' più raccolta, ma altrettanto ricca di vegetazione spontanea che si alterna ai vigneti di proprietà del monastero.

L'ora dell'aperitivo va dedicata a una passeggiata (in salita) a Le Suquet, la parte vecchia e forse più suggestiva di Cannes: tra stradine, viuzze, tavolini all'aperto e la vista dall'alto sulla baia si rischia quasi di dimenticarsi della cena. Che invece è d'obbligo per gli amanti dei “fruits de mer”. Come perdersi i famosi plateaux de mer dei ristoranti giusto alla discesa della città vecchia? Ostriche per intenditori, scampi, aragoste, gamberi crudi distesi su un letto di ghiaccio tritato e accompagnati dai migliori bianchi francesi sono un'esperienza che da sé vale il viaggio. I ristoranti specializzati non sono poi molti e per mangiare nel più famoso Chez Brun può richiedere una dose di pazienza perché non accettano prenotazioni.

Grasse
Dopo colazione si parte per Grasse, solo 20 chilometri da Cannes, con la possibilità di ammirare dall'alto delle colline la vista di Cannes e della costa in lontananza. E' un tuffo nel passato medievale della cittadina, ma soprattutto un'esperienza sensoriale che coinvolge in toto l'olfatto. Grasse è infatti l'ombelico del mondo per i profumi. I due produttori storici Fragonard e Galimard sono noti a livello internazionale. Fragonard, in particolare, produce dalla fine del 1700 per le più note marche mondiali e negli ultimi anni ha incrementato l'ideazione e la produzione in proprio. Una visita alla fabbrica di Grasse è un'esperienza emozionale, in cui ci si può perdere cercando di indovinare le fragranze, tutte rigorosamente naturali. Dopo un'ora passata tra petali essicati e alambicchi di vetro la passeggiata tra le strade pedonali della cittadina medievale è una divertente immersione in stradine, angoli e viuzze. Se si è amanti del cioccolato è assolutamente da non perdere la “Maison d'haute chocolaterie” Duplanteur al 22 di Rue Marcel, le cui creazioni artigianali sono irresistibili, anche per gli occhi.

Da Grasse ad Aix-en-Provence
Se la mattina viene dedicata a Grasse, il primo pomeriggio è perfetto per trasferirsi verso la Provenza e i campi di lavanda. Da Grasse alla capitale della provenza ci vogliono meno di due ore, circa 160 chilometri sull'autostrada A8. Aix-en-Provence è deliziosa, varrebbe sicuramente la pena di una visita approfondita, ma se si è diretti verso le fioriture della lavanda la si può comunque assaporare in un pomeriggio. Nella Vieil Aix spiccano la Cattedrale del San Salvatore, l'Hotel de la Ville con la torre dell'orologio e un dedalo di stradine che si aprono in piazzette caratterizzate o da mercatini o da stupefacenti fontane. Della torre non perdetevi due particolarità: quella di avere la campana “imprigionata” in una gabbia e di prevedere un avvicendamento stagionale tra i personaggi del seicentesco orologio astronomico. Dopo un caffè si raggiunge verso Apt, dopo un'ora di macchina. L'antica cittadina nel distretto del Luberon è il centro ideale per iniziare la scoperta dei paesaggi della lavanda in fiore, un evento e uno scenario al tempo stesso, per il quale arrivano viaggiatori da tutto il mondo. La vista dei campi coperti di viola, divisi in perfette corsie parallele e interrotte dai colori della terra sono uno di quegli spettacoli da vedere once in a lifetime.

L'itinerario dell'ultimo giorno in terra francese può così svolgersi tra i campi intorno ad Apt, poi più a nord verso Plateau d'Albion (circa 40 minuti) e infine a Forcualquier, a un'altra ora di auto. Siamo nella vera Alta Provenza e i paesaggi sono magnifici, durante la fioritura della lavanda i sensi si svegliano all'unisono. Il profumo della lavanda, le specialità gastronomiche locali e il particolare miele dei fiori di lavanda completano l'opera al suono della cigale, ormai anche lei simbolo della Provenza in fiore.

Quando e dove vedere la lavanda in fiore
La lavanda in Francia fiorisce da fine giugno ad agosto inoltrato, ma varia a seconda della varietà del fiore, dell'altezza e della latitudine. Per non rischiare di recarsi in Provenza senza vedere questo spettacolo, ecco un atlante della fioritura.

Nella valle della Drome Diois: la fioritura della lavanda inizia a metà giugno e si protrae fino a metà luglio mentre nella zona di Diois anche fino al mese di agosto. La raccolta invece inizia intorno ai primi di luglio intorno a Crest e continua fino all'inizio di agosto nelle aree di Diois.

Nella Drôme Provenzale: la fioritura inizia a metà giugno nella regione di Tricastin e Grignan. Continua fino a metà luglio nelle zone di più in alto come Vinsobres Roche Saint Secret.

Baronnies au Buëch: i fiori di lavanda si possono trovare in questa zona da fine giugno nella valle di Buëch fino ai primi di luglio nelle zone più alte come Laborel, Mévouillon, Ferrassières. La raccolta invece si tiene ai primi di agosto e la distillazione, secondo le modalità, fino alla fine di agosto.

Mont Ventoux, Luberon e Lure: la fioritura inizia alla fine di giugno fino a metà luglio nella zona di Apt e continua fino al 15 agosto a Forcalquier e sul Plateau d'Albion.

Haute Provence e Verdon: la fioritura inizia alla fine di giugno fino a metà luglio nelle zone di Valensole e continua fino all'inizio di agosto nella zona di Verdon e Digne.

© Riproduzione riservata