Viaggi24

Mamma mia! È croata (Lissa) e non greca l’isola…

  • Abbonati
  • Accedi
ABBANDONATE SKOPELOS E SKIATOS

Mamma mia! È croata (Lissa) e non greca l’isola scelta per il sequel del film

Con il suo mix irresistibile di vivaci canzoni degli Abba, un cast stellare e location affascinanti nelle isole greche, il film “Mamma mia!” è stato il grande blockbuster estivo del 2008. A distanza di dieci anni, il sequel di cui tanto si parla “Mamma mia! Ci risiamo!” ripropone una formula collaudata che funziona bene grazie a Meryl Streep, Pierce Brosnan, Colin Firth, Julie Walters e Amanda Seyfried che interpretano gli stessi ruoli del primo film. La pellicola uscirà il 6 settembre anche in Italia.

Mamma mia! fece scoprire sulle cartine geografiche di tutto il mondo le isole greche di Skopelos e Skiathos, scelte per ambientarvi l'immaginaria isola di “Kalokairi”. Il numero dei turisti aumentò in maniera esorbitante e alcune location del film – come la piccola cappella di Ayios Ioannis su un'altura di Skopelos – furono prese letteralmente d'assalto dalle coppie di tutto il mondo desiderose di celebrare lì il loro matrimonio per ricreare l'atmosfera romantica e suggestiva del film. Dieci anni dopo, le gite in autobus alle location sulle due isole greche sono ancora un business molto redditizio. Questa volta, i produttori hanno cambiato luoghi, scegliendo di ambientare Kalokairi nel mar Adriatico invece che nell'Egeo, nell'isoletta di Lissa al largo della costa dalmata della Croazia. A due ore di traghetto da Spalato, Lissa (Vis) è rimasta in buona parte al riparo dal turismo di massa, principalmente perché zona off-limit appartenuta all'esercito jugoslavo che la utilizzò come base militare fino al 1989.

Le riprese del nuovo film sono state effettuate perlopiù a Comisa, un delizioso borgo di pescatori nella parte sudoccidentale dell'isola, con i tetti delle case ricoperti da tegole in terracotta e una spiaggetta di ghiaia fine. Nel porto si trovano alcuni buoni ristoranti di pesce, tra i quali Jastozera, specializzato in aragoste: lì sono state ambientate alcune scene del film di una taverna greca. In particolare, un'intera sequenza cantata e ballata al ritmo delle canzoni degli Abba è stata girata sulla banchina della Baia Barjoska: tutto il cast del film è stato trasportato in questo tratto splendido e inaccessibile di costa in motoscafo.

Un ruolo da star l'ha avuto anche la spiaggia di Stiniva, una baia appartata di ciottoli bianchi sulla costa meridionale che può essere raggiunta soltanto in motoscafo-taxi o percorrendo in discesa un sentiero molto ripido: con il suo specchio d'acqua turchese semicircolare circondato da scogliere scoscese, Stiniva figura sempre nell'elenco delle spiagge più belle di tutta la Croazia.

Per le riprese, durate sei settimane, il cast e la troupe hanno alloggiato a Vis, capoluogo omonimo e centro più importante dell'isola. Le star sono state ospitate in ville e yacht nei dintorni di Kut, un borgo storico molto suggestivo in riva al mare dove antiche case di pescatori si alternano a palazzi veneti. Questo quartiere ospita alcuni dei migliori ristoranti dell'isola, tra i quali il ritrovo preferito di chi ha lavorato al nuovo film: sulla sua terrazza, ombreggiata da un pergolato di vite, Konoba Vatrica serve specialità gastronomiche quali il risotto al nero di seppia, aragosta, e pasta alle vongole.

È ragionevole supporre che a Lissa il cast si sia goduto molto i momenti d'ozio tra un ciak e l'altro: Amanda Seyfried è stata vista aggirarsi nell'Adriatico pagaiando su una tavola, Lily James ha pedalato in bicicletta lungo vari itinerari in compagnia del fidanzato Matt Smith, e Pierce Brosnan ha postato su Instagram numerose foto di sé e della moglie Keely durante le uscite in barca.

Dove alloggiare
L'hotel San Giorgio a Kut è il migliore dell'isola, ha dieci camere e molto fascino. La maggior parte dei componenti del cast e della troupe ha alloggiato in proprietà prese in affitto tramite l'agenzia locale VisVillas. Sembra che per tutta la durata delle riprese Andy Garcia abbia soggiornato a Villa Serena, una casa splendidamente ristrutturata di Kut, in riva al mare, che costa dai 430 euro a notte in su.

Traduzione di Anna Bissanti

© 2018, The Financial Times

© Riproduzione riservata