Viaggi24

Alghero, turismo tutto l’anno nella riviera del corallo

  • Abbonati
  • Accedi
DA SETTEMBRE A DICEMBRE

Alghero, turismo tutto l’anno nella riviera del corallo

(Marka)
(Marka)

Dal festival letterario tra cortili storici e l'area archeologica al Cap d'Any 2018, passando per la musica (con la giornata dedicata a Gioacchino Rossini) il teatro e l'agroalimentare. Eppoi il mare, gli scorci del centro storico e gli intrattenimenti. Arte cultura, enogastronomia e moda. E patrimonio culturale. Da settembre a dicembre senza sosta. Un viaggio, ad Alghero, che potrà arrivare (la seconda parte del programma è in fase di elaborazione) sino alla primavera del 2019.

Perché, nella riviera del corallo, la stagione non finisce ad agosto ma prosegue seguendo la formula “turismo tutto l'anno”. La città catalana del nord ovest della Sardegna non rinuncia alla sua vocazione turistica. Anzi rilancia, punta a entrare all'interno del network mondiale delle città creative Unesco. Forte di un centro storico in cui gli edifici catalani in stile gotico costruiti dentro cinta murarie si affacciano su strade lastricate, il museo del corallo che racconta la tradizione dell'oro rosso di Alghero e le chiese, come la cattedrale di Santa Chiara, la chiesa di San Francesco e la vicina chiesa di San Michele tipica per la cupola decorata con piastrelle, guarda al futuro. E sino alla fine dell'anno, ma con una finestra aperta sino alla primavera, presenta un programma fitto di appuntamenti. In cui le differenti iniziative si intrecciano con il patrimonio culturale e artistico della città più importante della riviera del corallo.

Il ponte con il resto delle manifestazioni sono state le “Celebrazioni dell'Anno rossiniano” del 1 settembre. Un evento promosso in collaborazione con con Pesaro e il Rossini Opera Festival che proprio ad Alghero dedica un'intera giornata al grande talento musicale rappresentato da Gioacchino Rossini, nel 150° anniversario dalla sua morte. Per chi arriverà ad Alghero (raggiungibile attraverso il vicino aeroporto di Fertilia) altri appuntamenti che andranno ad intrecciarsi con lo spettacolo offerto dai bastioni di Magellano e Marco Polo o dalla cattedrale di Santa Maria o ancora il tramonto sul lungomare. Senza dimenticare le escursioni, la cucina tipica e il parco archeologico.

Settembre poi offre nuovi appuntamenti (ideati dalla Fondazione Alghero) in cui l'arte si sposa alla cultura, archeologia, teatro musica e promozione dell'agroalimentare con Mondo Rurale. Poi il Mamatita Festival (con la trasformazione della città in una sorta di grande teatro a cielo aperto), la programmazione offerta dal Me's Que Un Mes e dal Cap d'Any 2018-2019.

© Riproduzione riservata