ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLe guerra in Europa

Viaggio a Mosca di Salvini, il Copasir indagherà sul consulente Capuano

Letta: «Chiediamo delle risposte, questa vicenda non può terminare a tarallucci e vino». La risposta di Salvini: «Noi da settimane lavoriamo per la pace, il Pd parla solo di armi e guerra»

Sala: "Salvini a Mosca? Se ci sta almeno un anno lo porto in spalla io"

1' di lettura

Il Copasir apre un’indagine su Antonio Capuano, avvocato, ex parlamentare di Forza Italia che come, consigliere di Matteo Salvini, ha lavorato all’organizzazione del viaggio a Mosca del leader leghista. L’annuncio dell’indagine è stato dato dal presidente dell’organismo parlamentare Adolfo Urso, sottolineando che il comitato da lui presieduto «come consuetudine non esprime mai valutazioni politiche sull’attività dei parlamentari».

L’incontro in ambasciata a Roma

A tenere alta l’attenzione su Capuano, nuovo misterioso consulente del leader leghista, sconosciuto anche all’interno della Lega, è un articolo del quotidiano “Domani” in cui si racconta di una cena avvenuta il 1° marzo (cinque giorni dopo l’invasione dell’Ucraina) tra Salvini, accompagnato da Capuano, e l’alto diplomatico russo Sergey Razov, all’ambasciata di Roma.

Loading...

Botta e risposta Letta-Salvini

Il Pd, nella maggioranza di governo con la Lega, pretende un chiarimento: «Noi chiediamo delle risposte - ha detto il segretario democratico Enrico Letta - , non è che questa vicenda possa completarsi così. Mentre la crisi era in corso c’erano trattative non si sa bene tra chi, in che modo e in che forma tra l’invasore russo e un partito di governo Italiano. Quindi noi chiediamo chiarezza, non può terminare a tarallucci e vino».

L’ipotesi del viaggio a Mosca

Negli scorsi giorni Capuano, consigliere comunale a Frattaminore dal 2005 al 2012 e deputato con Forza Italia dal 2001 al 2006, ha parlato in diverse interviste del viaggio a Mosca di Salvini. «Abbiamo elaborato un piano (per la pace in Ucraina, ndr), discusso solo in ambito diplomatico che prevedeva, diciamo così, un metodo. E sarebbe stata l’occasione di sottoporlo ai vertici del governo russo» ha raccontato.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti