cloud gaming

Google Stadia arriva a novembre a 10 euro al mese (anche in Italia)

di Luca Tremolada


default onloading pic

3' di lettura

È il giorno di Google Stadia. Quella definita la prossima rivoluzione del mondo del videogioco ha ora un prezzo e una data. A darne l’annuncio è stata la stessa società durante lo “Stadia Connect” trasmesso in diretta su Youtube. La piattaforma per il cloud gaming di Mountain View arriverà (anche in Italia) a novembre nella versione Pro con un abbonamento da 9,99 euro al mese. Offrirà a una risoluzione 4K l’accesso a tutto il catalogo di giochi. Dal prossimo anno prevista anche una versione base gratuita che si ferma al Full Hd e con giochi a pagamento.

Per chi non può aspettare sarà lanciata per 129 euro la “Founder's Edition” (disponibile in pre-order già da oggi) un pacchetto che comprende il controller, un Chromecast, tre mesi di abbonamento gratis a Google Stadia Pro e l’esperienza completa di Destiny. Il gigante è quindi finalmente arrivato. Sorprende un prezzo così basso (vedremo cosa saprà offire Apple Arcade) ma per funzionare lo streaming di Google si conferma piuttosto esigente in termini di banda larga. Ecco le specifiche: 35 Mbps per giocare a 4k, 20 Mbps per 1080p (alta definizione con Hdr) e 10 Mbps per 720p.

Cosa è Google Stadia
Annunciata a marzo alla Game Developers Conference di San Francisco la piattaforma Google Stadia è stata progettata per trasmettere in diretta via web videogiochi su tutte le piattaforme (computer, tv e dispositivi mobili) senza bisogno di possedere un pc o una console dedicata. La promessa di Stadia, ricordiamo, è di distribuire via streaming giochi a 60 Fps con risoluzione Hdr e 4k e la possibilità di salire fino a 120 Fps e 8K. Promesse davvero ambiziose che richiederanno forti investimenti. Google nei giorni scorsi ha annunciato di avere aperto a Hamina in Finlandia un nuovo datacenter. Seicento milioni l’investimento secondo quanto risulta a Reuters. Risultato? La capacità di calcolo dei data center di Google, che dispongono di server con una GPU Custom AMD e processore x86 Custom con frequenza da 2,7GHz promette di arrivare a 10,7 Teraflops.

Get Packed - Official Announcement Trailer

Gli abbonamenti
Google Stadia Pro offrirà al costo di 9,99 euro al mese giochi a risoluzione fino a 4K con frame rate a 60 Fps e Audio: 5.1 surround. Nuovi giochi gratuiti disponibili regolarmente a partire da Destiny 2 e sconti esclusivi. Rocordiamo che Google metterà inoltre in vendita al prezzo di 69 euro il suo speciale Stadia Controller, che offre delle funzioni esclusive come la possibilità di utilizzare l'Assistente di Google.
L’abbonamento Stadia Base invece sarà disponibile dal prossimo anno in forma gratuito. Permette di acquistare i singoli giochi e di averli sempre disponibili la risoluzione però si fermerà a 1080p e il frame rate a 60 FPS. L’audio è “solo” stereo e offrirà la possibilità di acquistare.

La Founder’s edition
Per chi non potesse aspettare, come detto, c’è la Founder’s Edition disponibile in pre-order da subito: comprende il controller, un Chromecast, tre mesi di abbonamento gratis a Google Stadia Pro, l’esperienza completa di Destiny e un Buddy Pass di tre mesi per invitare un amico. Quest'ultimo è un bonus interessante in quanto permette di regalare 3 mesi gratis ad un amico attraverso un codice download. Sarà possibile anche giocare su laptop, Pc fissi e smartphone Pixel 3 e 3a2 con accesso multischermo. Tutto questo anche in Italia.

Quali sono i giochi
Presenti tutti i maggiori editori di videogiochi. Al momento del lancio troveremo disponibili 31 giochi ma la libreria, promette Google, sarà in continua espansione. Tra i big Destiny 2 di Bungie e i titoli di Ubisoft come Tom Clancy's Ghost Recon, Tom Clancy's The Division 2. Di nuovissimo c’è Gylt di TequilaWorks, i creatori di Rime e Deadlight e Get Packed, titolo è sviluppato da Moonshine Studios. Ma arriverà solo nel 2020. Presenti invece nella lista DOOM Eternal, Wolfenstein: Youngblood, Power Rangers: Battle For The Grid, Dragon Ball Xenoverse 2, Baldur's Gate 3, Metro Exodus, Thumper, GRID, Football Manager 2020, Get Packed, The Elder Scrolls Online, NBA 2K, Borderlands 3, Farming Simulator 19, Mortal Kombat 11 e
Just Dance 2020.

E gli altri?
Jim Ryan presidente di Sony Interactive Enterainment ha recentemente ammesso che la partnership con gli “avversari” della casa di Redmond per il futuro dei servizi in cloud gaming nasce per l’arrivo dei «nuovi concorrenti». PlayStation Now ha oggi intorno 700mila abbonamenti ma gli investimenti, assicurano i manager giapponesi, sono in grado di raggiungere i cinque milioni. Ora la palla passa a Microsoft che domenica presenterà a Los Angeles il proprio servizio di game streaming Project X Cloud che, almeno secondo i rumors, dovrebbe battere in termini di potenza di calcolo i 10,7 TFLOPS sbandierati da Google Stadia.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...