ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIl quadro

Vigneti, cresce la passione per case circondate dai filari

Aumenta il valore delle aree destinate alla produzione di vino con annessi casali. Ricercate le Langhe: l'area del Barolo Docg può costare anche 1,5 milioni di euro all'ettaro

di Evelina Marchesini

 Un vigneto delle Langhe. Assieme a Veneto e Toscana è una delle aree con i valori più elevati

3' di lettura

Un vigneto che vale un tesoro. Continua a crescere il valore dei vigneti italiani e, con loro, quello di casali e case rurali - per non citare eventuali castelli - con annessa produzione di vino. I dati variano naturalmente a seconda del tipo di vino prodotto e della location, con molti distinguo a seconda della zona di produzione, come emerge dall’analisi che Tecnocasa ha condotto per Il Sole 24 Ore.

Langhe sempre più care

La zona di produzione è quella di Alba e delle Langhe e i vigneti per la produzione di Barolo sono senz’altro i più cari d’Italia. Secondo una ricerca Crea aggiornata a fine 2020, i vigneti più quotati restano appunto quelli del Barolo Docg, con una forbice, secondo il Crea, che può andare da 200mila euro a 1,5 milioni di euro per ettaro. Con riferimento alla media del Piemonte (dove ovviamente si producono diversi vini) la quotazione media per ettaro di vigneto è pari a 73mila euro all’ettaro.

Loading...

«È un mercato dinamico quello dei terreni, in particolare se destinati alla produzione di Barolo e Barbaresco – dice Enrico Garino, agente immobiliare affiliato Tecnocasa –. Importanti aziende stanno acquistando a prezzi elevati, anche tre milioni all’ettaro, con la conseguenza che quelle più piccole si stanno indirizzando verso zone meno care come Tortona e il Monferrato, dove acquistano terreni da destinare a produrre altri vini».

Il mercato dei terreni per la produzione di vini Doc tiene perché contingentata. «Negli ultimi anni cresce l’interesse per la denominazione di origine controllata e garantita “Alta Langa”, riservata ai vini spumanti, ottenuti solo con la rifermentazione in bottiglia, dalle uve provenienti dai vitigni Pinot nero e Chardonnay, provenienti dai vigneti coltivati ad altitudini più alte, come nel caso dei Comuni dell’Alta Langa, dove prima erano presenti boschi e noccioleti – spiega Roberto Pasquero, affiliato Tecnocasa –. Questo sviluppo agricolo permette di far conoscere meglio il territorio dell’Alta Langa e concorre all’aumento della domanda di immobili».

Altra area di particolare fascino, il Monferrato, dove Costigliole è zona di Barbera e, in parte, Moscato. «I vigneti sono ricercati soprattutto da aziende vinicole – spiega Laura Caracciolo, affiliata Tecnocasa –. Per quanto riguarda i terreni agricoli seminativi non si supera 1 euro al mq, mentre per i vigneti (prevalentemente a Barbera) a Costigliole d’Asti e dintorni si può arrivare a circa 40mila euro all’ettaro; mentre i vigneti a Moscato, in ottimo stato e buona esposizione, sulle colline verso la provincia di Cuneo, hanno raggiunto i 70-80mila euro all’ettaro. È in aumento la richiesta di terreni coltivati a vigna da parte di acquirenti scandinavi, inglesi e svizzeri».

Il Veneto

In media, sempre secondo la ricerca del Crea, si pagano 139mila euro all’ettaro per i vigneti del Veneto. Secondo Winenews, le quotazioni sono sostenute per i vigneti del Prosecco Docg, sulle Colline patrimonio Unesco di Conegliano e Valdobbiadene, tra 350mila e 500mila euro ad ettaro, mentre quelli sulle vicine colline di Asolo vanno dai 250mila ai 380mila euro ad ettaro.

«È rarissima l’offerta di terreni da destinare a vigneti. Ancor di più nella zona di Valdobbiadene, dove ci sono terreni con denominazione Doc – racconta Edoardo Cunzo, affiliato Tecnocasa –. Questi ultimi possono arrivare a costare intorno a 50/70 euro al mq (500mila-700mila euro l’ettaro, ndr) contro una media di 15 euro al mq per terreni senza denominazioni Doc. I primi sono acquistati prevalentemente da importanti aziende agricole. Tra Santo Stefano e San Pietro di Barbozza, è infatti presente la zona dove si produce il Cartizze. Parliamo di un luogo talmente unico che un terreno in quella zona di Valdobbiadene può arrivare a 100-120 euro al mq».

In Valpolicella

«Il valore dei vigneti, misurati in campi, dipende dall’andamento dell’Amarone che lo scorso anno è aumentato del 27% rispetto al 2020 – spiega Erika Ottolini, affiliata Tecnorete –. È necessario distinguere i campi in Doc classico e Doc non classico, che hanno due quotazioni differenti. Prima del covid il Doc classico si aggirava a 150mila euro a campo, post Covid lo stesso campo vale 180-200mila euro. Mentre il campo Doc non classico dopo la pandemia ha subìto un ribasso e attualmente un campo si aggira attorno a 100mila euro».

I valori in Toscana

Il famoso Brunello di Montalcino ha una ristretta aerea di produzione e i vigneti costano tra i 250mila e i 700mila euro l’ettaro. A Bolgheri un ettaro di vigneto Doc viaggia tra i 200mila e i 400mila euro ad ettaro, mentre nel Chianti Classico si va da 90mila a 150mila euro ad ettaro in provincia di Siena, e da 110mila a 160mila in provincia in Firenze.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati