migranti

Viminale in allarme sulla rotta dalla Tunisia: oltre 2.700 sbarchi

di Marco Ludovico

default onloading pic
(Agf)


2' di lettura

Sbarchi di tunisini quintuplicati, di algerini raddoppiati. Tappata per ora la falla dei viaggi dalla Libia, il Viminale sta facendo i conti con le nuove rotte dal Nord Africa. Quella che parte dalle coste tunisine preoccupa di più.

I numeri non sono ancora alti ma crescono senza sosta. Siamo a oltre 2.700 arrivi ai primi di ottobre; l’anno scorso nello stesso periodo erano 574. L’Italia ha già fatto i conti con la Tunisia alcuni anni fa, sussiste tuttora un raccordo di riammissione. Adesso tocca correre ai ripari, i viaggi da quella direzione non accennano a fermarsi. Per lunedì è previsto un incontro al ministero dell’Interno con una delegazione proveniente da Tunisi. Non sarà un confronto cordiale.

Le ricognizioni di Polizia di stato, Guardia di Finanza e Guardia Costiera fotografano uno scenario in continuo fermento. Basta prendere il cruscotto statistico giornaliero del dicastero guidato da Marco Minniti per vedere i numeri attuali degli sbarchi. Al 4 ottobre sono 106.118 (-20,68% rispetto al 2016): Minniti così continua a centrare l’obiettivo. Negli ultimi giorni però il consuntivo giornaliero degli arrivi non è più zero come accadeva ormai da metà agosto.

Ci sono stati ogni giorno nuovi approdi di migranti: 52 sono arrivati il 25 settembre e poi a seguire 283, 444, 873, 218, 171, 316, 117 e, infine, 185 il 3 ottobre. I viaggi di piccole imbarcazioni da Sfax e Kerkenna sono continui. Insieme a quelli dall’Algeria: rispetto ai 706 sbarcati dell’anno scorso in questo periodo, nel 2017 sulle nostre coste sono giunti 1.463 algerini. In acqua non si vedono i gommoni ad alto rischio salpati dalla Libia. E non si sa, tra l’altro, fino a quando gli accordi con i libici saranno mantenuti, l’altro giorno ci sono stati scontri tra le milizie a Tripoli. Dalla Tunisia invece giungono barche con 40-50 immigrati. Cercano di evitare i soccorsi e, di conseguenza, controlli e identificazioni.

Anche perché una richiesta di asilo in questi casi è molto più difficile da accogliere. La speranza è di arrivare sulle coste italiane senza essere rintracciati e da lì tentare il viaggio per il Nord Europa. Questa tendenza a un flusso ininterrotto, dunque, non può più essere trascurata. Le cause delle partenze sono molte. Una crisi economica in Tunisia diffusa e radicata. Un aumento dei disordini e dell’instabilità proprio ai confini con la Libia con una caduta dei controlli a Sfax e Kerkenna.

I periodici provvedimenti di indulto: liberano carcerati con prospettive fin troppo incerte, migrare sembra loro la soluzione più a portata di mano. C’è perfino chi ipotizza richieste di finanziamenti all’Italia, sotto il ricatto delle migrazioni, dopo quelli pianificati per i libici.

IL TREND DEGLI SBARCHI

Numero di arrivi di migranti , per paese di partenza. Dati al 2 ottobre. (Fonte: elaborazioni Il Sole24Ore su dati Viminale)

IL TREND DEGLI SBARCHI

In questo scenario non manca un paradosso tutto italiano. Grazie all’accordo di riammissione tuttora vigente con la Tunisia i rimpatri dei migranti irregolari sarebbero possibili anche in numeri consistenti. Ma ci sono ancora pochi posti nei Cpr, i centri per i rimpatri. Così gli immigrati non possono essere trattenuti. Sulle coste nordafricane lo sanno bene e non si fanno troppi scrupoli. Giunti in Italia, la destinazione è quasi sempre Ventimiglia per poi entrare in Francia.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti