ordinanza del tribunale di Roma

Vinto il ricorso contro i tassisti: UberBlack di nuovo attivo in Italia

di Biagio Simonetta

(Afp)

2' di lettura

Alla fine la spunta Uber. Anche se parlare di fine, quando di mezzo ci sono le controversie legali relative all'azienda californiana, è fuorviante. Oggi, però, il Tribunale di Roma ha segnato un punto in favore dell'azienda di Travis Kalanick, accogliendo il ricorso e revocando il blocco del servizio UberBlack risalente al 7 aprile scorso. La notizia è stata diffusa direttamente dagli uffici italiani di Uber con una breve nota: «Siamo davvero felici – è scritto - di poter annunciare a tutte le persone e agli oltre mille autisti partner di Uber che potranno continuare ad utilizzare la nostra applicazione in Italia.

Ora più che mai è forte l'esigenza di aggiornare la normativa datata ancora in vigore, così da consentire alle nuove tecnologie di migliorare la vita dei cittadini e la mobilità delle città». Uber potrà dunque continuare ad operare in Italia mediante il servizio UberBlack (berline nere con autista attive a Milano e Roma), mentre il blocco di UberPop (il servizio che rende chiunque autista, grazie alla app) rimane valido in tutta Italia.

Loading...

L'ordinanza del Tribunale di Roma su UberBlack

Visualizza

Il blocco e l'appello al governo
Tutto era iniziato il 7 aprile scorso. La sentenza del Tribunale di Roma non lasciava scampo: 10 giorni di tempo e il servizio UberBlack doveva essere sospeso. Pena una multa da 10mila euro al giorno. L'accusa era abbastanza chiara: concorrenza sleale nei confronti dei taxi, che intanto esultavano parlando di «una nuova schiacciante vittoria su Uber». Una doccia gelata che arriva a distanza di circa due anni da quel 26 maggio 2015, data in cui il Tribunale di Milano sospese il servizio UberPop. Due sentenze, quella di allora e quella del 7 aprile, che hanno messo a dura prova il business italiano della multinazionale con sede a San Francisco.

Il blocco di UberBlack sembrava veramente l'ultima spiaggia, tanto che le poche voci fuoriuscite dagli uffici romani e milanesi avevano un comun denominatore: l'intervento del governo. «Faremo ricorso – avevano annunciato da Uber - contro questa decisione basata su una legge ormai vecchia e che non rispecchia più quelli che sono i tempi attuali. Lo dobbiamo ai migliaia di autisti professionisti, per consentir loro di continuare a lavorare grazie all'app di Uber. Ma lo dobbiamo anche alle persone, che devono poter scegliere che servizio usare per la loro mobilità».

La nuova ordinanza
Sono ventuno le pagine dell'ordinanza con cui oggi la IX Sezione Civile del Tribunale di Roma accoglie il ricorso presentato da Uber, e ribalta la decisione del 7 aprile scorso, quando invece erano state le varie associazioni dei tassisti ad avere la meglio sull'azienda californiana. Un ribaltone che cambia lo scenario attuale. Anche se è difficile ipotizzare che siamo davanti a una decisione definitiva.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti