Eventi

Visioni di tessuti e di arte: una mostra a Como ricorda la creatività di Antonio Ratti

In due delle ville più belle del Lago di Como e nella città il racconto di una storia di imprenditoria e gusto per la bellezza e la qualità di uno dei protagonisti dell’industria tessile italiana

di Chiara Beghelli

Antonio Ratti

3' di lettura

La visione di un imprenditore raccontata dai suoi tessuti e da opere d’arte contemporanea: è un percorso di apprendimento ricco e multiforme quello offerto dalla mostra “Il sogno di
Antonio: un viaggio tra arte e tessuto”, che fino al 31 gennaio 2022 a Como ripercorre la vita e le idee di Antonio Ratti, fondatore nel 1945 dell’omonima azienda tessile nata a Guanzate, a poca distanza dalla provincia lombarda, oggi fra le più importanti produttrici di tessuti d’alta gamma per la moda e l’arredamento.

La mostra è organizzata dalla Fondazione Antonio Ratti e curata da Lorenzo Benedetti, Annie Ratti e Maddalena Terragni, che hanno intrecciato antichi reperti tessili, opere d'arte contemporanea e materiali d'archivio. Si tratta della terza mostra dedicata ad Antonio Ratti – dopo quella a Palazzo Te a Mantova nel 2017, e alle Terme di Diocleziano a Roma nel 2018 – e di un’ulteriore occasione di approfondimento sulla visione e la storia dell’imprenditore, che tocca stavolta i luoghi dove ha vissuto e lavorato.

Loading...

Disegno per cravatta, pittura su carta, 1934-39

La mostra si snoda in due ville, Villa Olmo e Villa Sucota, sede della Fondazione creata da Ratti nel 1985, nei loro parchi e in altri luoghi della città di Como, su un territorio pensato come una sorta di tessuto esso stesso.

A Villa Olmo, cuore della mostra, nell'allestimento firmato dall'architetto Philippe Rahm e con la veste grafica di Wolfe Hall, materiale d'archivio e tessuti antichi dialogano con le opere d'arte contemporanea nelle sale neoclassiche. Un documentario realizzato da Domenico Palma, visibile all'interno della Villa, racconta Antonio Ratti attraverso le parole e i ricordi di chi con lui ha collaborato e condiviso sogni e visioni. La mostra si estende poi nei giardini della Villa e nel Chilometro della Conoscenza – il percorso pubblico che unisce i parchi di tre ville comasche - con le opere di Ilya e Emilia Kabakov, Liliana Moro, Giulio Paolini e Rä di Martino.

Villa Sucota

Il percorso espositivo si conclude a Villa Sucota, tappa finale della mostra e sede della Fondazione Antonio Ratti. Il parco della Villa, che già ospita opere permanenti di Gerry Bibby, Jimmie Durham, Liliana Moro, Matt Mullican e Richard Nonas, è arricchito da installazioni di artisti che negli anni hanno partecipato al CSAV # Artists' Research Laboratory, tra i quali Invernomuto, Daniel Jablonski e Oscar Santillan. Nella villa vengono raccontate altre sezioni del ricchissimo archivio tessile di Antonio Ratti, che conta oggi 30mila tessuti da tutto il mondo, fra tessuti copti e indigeno-americani, velluti italiani, scialli
cachemire indiani ed europei, sete francesi, tessuti Kuba congolesi, vesti ikat centroasiatiche, cotoni stampati alsaziani e kimono giapponesi, e che ha un suo corrispondente nell’Antonio Ratti Textile center inaugurato nel 1995 al Metropolitan Museum di New York, struttura d’avanguardia per lo studio e la conservazione dei tessuti: attorno ai grandi tavoli della villa si snodano opere di artisti che da anni collaborano con l'istituzione, da Jimmie Durham a Giuseppe Gabellone, da Mario Garcia Torres a Melanie Gilligan, e ancora Joan Jonas, Christina Mackie, Walid Raad e Karl Holmqvist.

Damasco broccato, 1700-1705, Lione, Francia

La mostra si estende infine alla città, con l'opera di Hans Haacke installata sulla facciata del Teatro Sociale e davanti all'ex Chiesa di San Francesco (Spazio Culturale Antonio Ratti). Non c’era infatti solo il gusto per la bellezza, la qualità e la cultura dei tessuti, in Antonio Ratti, ma anche un acceso senso di partecipazione sociale, di desiderio di costruzione di comunità, che lo portò a offrire ai dipendenti dell’azienda anche concerti, spettacoli teatrali, corsi e dibattiti, in quella Palazzina dei Servizi Sociali, progetto di Tito Spini del 1958, che in orario lavorativo ospitava la mensa. La sede di Ratti è stata rinnovata poi nel 1999 su progetto di Luigi Caccia Dominioni. La stessa Fondazione è stata aperta al pubblico nel 1998.

Mario Garcia Torres, “Tiro di grazia con taglio alla Alighiero Boetti”, 2004

Ratti aveva fondato la sua azienda a soli 30 anni, dopo aver studiato all’istituto Paolo Carcano, tuttora fra le scuole d’eccellenza per la formazione nel settore e simbolo del distretto tessile comasco. È scomparso nel 2002, a 86 anni.

Quotata alla Borsa di Milano dal 1989, e parte del gruppo Marzotto dal 2010, secondo i dati finanziari diffusi lo scorso 12 novembre e relativi ai primi nove mesi del 2021, al 30 settembre il fatturato di Ratti Spa è risultato pari a 51,5 milioni di euro, in aumento del 3,3% rispetto al corrispondente periodo dell'esercizio precedente. L’ultimo bilancio pre-Covid, quello relativo al 2019, si era chiuso a oltre 116 milioni di euro di fatturato, in aumento di oltre il 6% sull’anno precedente.

Il sogno di Antonio: un viaggio tra arte e tessuto - Fino al 31 gennaio 2022
FAR ! Villa Sucota, via per Cernobbio, 22100 Como, Italia
www.fondazioneratti.org


Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti