IMPRENDITORI

Vito Grassi eletto alla guida dell’Unione industriali di Napoli

di Vera Viola

(IMAGOECONOMICA)

3' di lettura

Vito Grassi subentra ad Ambrogio Prezioso alla presidenza dell’Unione Industriali di Napoli. Lo ha eletto l’Assemblea dell’Associazione imprenditoriale confermando l’investitura ricevuta dal Consiglio generale. Nel suo programma _ che precisa si collocherà in una linea di continuità con quello del predecessore _ grande risalto alla manifattura, attrazione di investimenti, innovazione, attenzione alle aree urbane da riqualificare. In una parola grande attenzione al Mezzogiorno.

L’imprenditore
Vito Grassi, 59 anni, laureato in ingegneria civile idraulica, è alla guida di Graded, società attiva nella progettazione, sviluppo, costruzione e gestione di impianti tecnologici e di produzione di energia ad alta efficienza. Dal 2006 ha creato, in joint-venture con la Stim Srl di Latina, la Grastim Srl, una energy service company, impegnata nella costruzione e la gestione di impianti di cogenerazione ad alta efficienza energetica per il mercato primario dell' industria manifatturiera. Entrambi le società sono in forte espansione all’estero.

Loading...

Il programma
«Napoli, il Mezzogiorno, il Paese, l’Europa hanno bisogno di una politica industriale che metta al centro la competitività delle aziende – si legge nel programma di Grassi – Vanno create condizioni per il rilancio di un’impresa manifatturiera nel senso più ampio, tenendo conto dell’intera catena del valore, incluse le fasi precedenti e successive al processo produttivo. Un manifatturiero al passo con la trasformazione digitale in atto». Per il nuovo Presidente di Unione Industriali Napoli questa è la priorità strategica da perseguire per il sistema associativo, in una visione di una società inclusiva e con forte senso della responsabilità sociale di promuovere la crescita del territorio. Il programma di presidenza indica anche linee direttrici per un territorio più competitivo e capace di attrarre capitali d’investimento: diffondere la cultura d’impresa, del merito, della responsabilità, del risultato atteso e del risultato raggiunto.
Per conseguire l’obiettivo – per Grassi – occorre rimuovere gli ostacoli che frenano lo sviluppo del Paese e soprattutto del Sud: infrastrutture carenti e che spesso non ‘dialogano' tra loro, amministrazioni inefficienti, pressione fiscale molto alta, giustizia civile con tempi intollerabili per l’economia, costo dell’energia superiore di quasi il 28% a quello europeo e ancora più elevato nel Mezzogiorno.

Una presidenza in continuità con la precedente
Grassi sottolinea nel suo programma la volontà di lavorare nel solco della continuità rispetto alla presidenza di Prezioso con cui ha collaborato nel ruolo di vicepresidente. Grassi parla di valorizzazione dell’area metropolitana, di rigenerazione urbana, riqualificazione e rilancio di uno dei centri storici più ricchi di storia e di cultura, ma anche di aree periferiche su cui da anni si attendono interventi di recupero e sviluppo. Il passaggio di testimone avviene non senza commozione e con il forte coinvolgimento emotivo degli associati. «Abbiamo portare avanti un impegno che ha investito l’intera Associazione _ commenta Ambrogio Prezioso _ che si è tradotto in una serie di iniziative aperte al territorio, che hanno potuto contare sulla costante collaborazione di Confindustria e sul caloroso sostegno del Presidente Vincenzo Boccia» .

La squadra
Ad affiancare il presidente Grassi nel Comitato di presidenza saranno i vice presidenti Maurizio Manfellotto (Innovazione e competitività nel manifatturiero. Trasformazione digitale), Armando Brunini (promozione internazionale dell’impresa napoletana), Francesco Tavassi (economia del mare), Maurizio Capotorto (infrastrutture materiali, trasporti e relazioni industriali), Vincenzo Napolitano (energia e ambiente). Si aggiungono i vice presidenti di diritto, Anna Del Sorbo (presidente del gruppo Piccola Industria delegata a sviluppo associativo, reti d’impresa e responsabilità sociale), Vittorio Ciotola (presidente del Gruppo Giovani Imprenditori delegato a start up, legalità e passaggio generazionale).

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti