ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùPesca

Vittoria italiana, la Ue rinnova la proroga per le vongole dell’Adriatico

Nonostante l’opposizione degli spagnoli, la Commissione concede per altri tre anni di pescare i molluschi a 22 millimetri di diametro, contro i 25 fissati dalla normativa

di Micaela Cappellini

2' di lettura

L’Europ darà il via libera alla norma che proroga di altri tre anni, fino al 31 dicembre 2025, la possibilità di pescare in Adriatico le vongole sotto i 25 millimetri di diametro. L’Italia, dunque, potrà continuare a pescare i molluschi a 22 millimetri, contro i 25 millimetri imposti nel resto d’Europa. «Un’ottima notizia per tutti i pescatori delle flotte dei consorzi di gestione molluschi di Ravenna e Rimini, che potranno continuare a svolgere il proprio lavoro nel rispetto delle regole», ha comment0 l’assessore regionale all’Agricoltura e Pesca dell’Emilia Romagna, Alessio Mammi.

«Alcuni parlamentari spagnoli avevano annunciato di volersi opporre alla proroga - racconta l’eurodeputata dei Verdi, Rosa D’Amato - esiste infatti nella normativa europea un divieto di pescare le vongole sotto i 25 millimetri di diametro. La Commissione europea ha invece confermato, a seguito di un confronto con il settore italiano e di una opportuna valutazione scientifica, che è possibile garantire una deroga per la pesca in Italia perché questa specie è in ottima forma e raggiunge la maturità tra gli 11 e gli 12 millimetri».

Loading...

Per l’ufficialità bisogna attendere ancora qualche giorno, ma è altamente improbabile che qualcosa possa cambiare: il 2 di dicembre scade infatti il termine ultimo per presentare eventuali obiezioni all’atto delegato della Commissione europea, unico ostacolo verso il rinnovo dell’autorizzazione alle marinerie italiane. «Il rischio di uno stop era concreto - racconta l’europarlamentare leghista Rosanna Conte - ma siamo riusciti a far capire ai colleghi stranieri la fondatezza dell’atto delegato e delle prove scientifiche presentate, compresi i grandi meriti delle nostre marinerie, capaci di dimostrare con i fatti che la gestione delle vongole in Adriatico è ottimale anche sotto il profilo ambientale». L’Italia a Bruxelles ha dunque saputo fare sistema. «La notizia del rinnovo della deroga per la taglia minima delle vongole è un sollievo per i pescatori italiani che solo da questo comparto hanno un giro d’affari diretto di 60 milioni di euro», ha detto Pietro Bartolo, europarlamentare di S&d e componente della Commissione Pesca.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti