maggioranza ridottissima

Vittoria per Trump: ok della Camera Usa a abolizione Obamacare

di Marco Valsania


default onloading pic
(Ansa/Ap)

2' di lettura

New York - La Camera americana ha approvato di strettissima misura la proposta di legge che cancella e sostituisce Obamacare. Un voto che ha consegnato una sofferta vittoria al presidente Donald Trump e ai leader repubblicani, i quali nelle scorse settimane avevano fallito per ben due volte il test del primo passaggio di una riforma promessa ormai da sette anni e ribadita durante la campagna elettorale.
Il voto - con 217 deputati favorevoli contro 213 - è arrivato al termine di una intensa campagna da parte della Casa Bianca e dei vertici del partito per convincere i dissidenti repubblicani. In passato era stata soprattutto la corrente ultra-conservatrice a condannare la proposta, battezzata American Health Care Act, accusata di essere una versione “leggera” di Obamacare. Adesso, dopo una serie di emendamenti che hanno indurito il progetto, le diserzioni sono arrivate anzitutto dall'ala moderata, che teme di essere punita nelle elezioni di metà mandato da un elettorato preoccupato di perdere l'assistenza medica. A conti fatti venti repubblicani hanno votato contro il loro partito. L'opposizione democratica ha invece votato unanimemente per bocciare la legislazione, citando le stime dell'ufficio studi del Congresso che prevedono la perdita o rinuncia alla copertura sanitaria da parte di 24 milioni di americani quale risultato della legislazione. Obamacare ha ridotto il numero dei non assicurati dal 18% all'11% in tre anni.

Il cammino della proposta, che per i leader repubblicani salverà la sanità americana dagli eccessi di spesa e di intervento del governo di Obamacare, rimane tuttavia lungo e accidentato, tra battaglie politiche che si preannunciano durissime. Il Senato deve ancora considerarla e alla Camera Alta i dubbi sono maggiori, tra gli stessi esponenti repubblicani. Significativi cambiamenti alla legge da parte dei senatori dovranno essere nuovamente vagliati dai deputati. Il voto odierno rappresenta tuttavia un indubbio successo politico per l'amministrazione Trump, il suo primo, vero risultato legislativo.

La riforma sanitaria repubblicana elimina l'obbligo di comprare una polizza per chi non ha copertura sanitaria dal datore di lavoro. E sostituisce sussidi proporzionali al reddito per l'acquisto delle polizze con crediti d'imposta molto più limitati e legati anzitutto all'età. Riduce inoltre il programma per i meno abbienti Medicaid ampliato sotto Obama. E ridimensiona requisiti minimi di assistenza che dovrebbero influenzare negativamente anche la copertura offerta dalla aziende.

Le ultime modifiche alla vigilia del voto hanno visto l'introduzione della possibilità dei singoli stati di chiedere e ottenere una “esenzione” da norme di Obamacare che impedivano di discriminare contro pazienti afflitti da condizioni mediche pre-esistenti e croniche, le più gravi, un provvedimento caro agli ultra-conservatori. Le compagnie di assicurazione potranno cioè alzare significativamente i costi dei premi delle loro polizze. In cambio in extremis la proposta, per corteggiare i moderati, ha offerto il versamento di altri 8 miliardi di dollari in cinque anni per finanziare uno speciale “pool” destinato proprio agli americani più malati, al quale potranno accedere gli stati che hanno ricevuto l'esenzione. La cifra è stata però giudicato del tutto inadeguata da molti esperti del settore. Le riforma repubblicana è stata criticata da tutte le associazioni mediche e dei pazienti americane.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...